Grazie Azzurri, siete stati grandi

Pubblicato il 05 luglio 2012 da redazione

CARACAS – Interpellati a freddo, e nonostante la pesante sconfitta contro la Spagna i membri della nostra collettività escludendo la finale hanno elogiato la prestazione della nazionale Azzurra durante l’Europeo 2012.

“L’Italia ha giocato un ottimo europeo che non può cancellarsi con la finale di Kiev. Da quando Prandelli ha preso le redini della squadra dall’agosto 2010 ed ha saputo trasformare la squadra con un mix di esperienza e gioventù, gli azzurri hanno avuto uno stile di gioco ordinato e pulito, che mai avevo visto in 22 anni che seguo il calcio, dal 1990. Prandelli ha cambiato la filosofia, forse facendo leva anche sull’eredità di Lippi, quello del tecnico bresciano è un progetto che deve continuare almeno fino al mondiale di Brasile nel 2014 e poi si deve iniziare a pensare nei successori dei vari Buffon e Pirlo, le principali stelle di questa nazionale, sperando che arrivino al top nel torneo iridato tra due anni” spiega Antonino Cittadino, giornalista sportivo del telegiornale di Venevisión.

Continua Tony Cittadino: “Come di consueto, l’Italia ha iniziato con un ritmo basso ma poi ha iniziato a giocare meglio gara dopo gara. Il match d’esordio, l’1-1 contro la Spagna è stato bello. Ma le migliori gare degli azzurri sono state quelle contro l’Inghilterra dove l’Italia ha avuto il 64% di possesso palla ed ha realizzato ben 1003 passaggi e 20 tiri in porta. Contro la Germania, Prandelli ha mandato in campo una squadra ordinata che ha saputo pressare i tedeschi. Penso che bisogna essere orgogliosi di questa squadra ha dato il meglio di sè, se i prossimi innesti che entreranno a far parte del giro della nazionale si adatteranno questa squadra ci darà grandi soddisfazioni. Prandelli deve convincere i top team ad adattarsi allo stile della Juve dove c’è un gran numero di giocatori italiani”.

La giornalista Tiziana Vagnozzi ci dice: “La nazionale ha giocato un ottimo Europeo, abbiamo degli ottimi giocatori. Nel caso dei giocatori giovani è necessario che aquisiscano più esperienza e si lascino dietro le paure per prepararsi al meglio alla viglia delle grandi occasioni. In Italia ci sono grandi campioni vedi i vari Verratti, Insigne, Destro ed Immobile. I campioni ci sono e ci saranno, non per niente abbiamo vinto quattro mondiali”.

Nelle vicinanze della nostra redazione, sulla Andrés Bello parliamo con Giovanni Faggioni, assiduo lettore delle pagine sportive del giornale, che è un po’ deluso per la sconfitta contro le ‘furie rosse’ ci dice: “Sono abbastanza deluso per il ko di domenica. Prandelli ha sbagliato tutto deve essere mandato via dalla nazionale. Per le qualificazione ci deve essere un altro commissario tecnico”.

Passeggiando per Sabana Grande, nel Gran Café incontriamo José Vicente Ignoto, intenditore di calcio, lui lavora con il club più titolato del Venezuela, il Caracas Fútbol Club. Tra un sorso di caffè e un cornetto caldo ci dice: “Se togliamo la finale, la nazionale che Prandelli ha portato all’Europeo ha fatto bella figura. Il commissario tecnico azzurro ha saputo cambiare lo stile di gioco e l’attitudine della squadra. Anche se ci sono giocatori giovani nella rosa, questi hanno dimostrato una grande maturità al momento di scendere in campo”. Ha poi aggiunto: “Ci sono state molte mosse azzeccate che hanno dato i loro frutti, ma nella finale ci sono stati degli errori che hanno condizionato la partita fin dai primi minuti”.

Sempre a Sabana Grande incontriamo Italo Di Prisco “E’ stata un’Italia solida, che è andata crescendo poco a poco fino ad arrivare alla tanto attesa finale. Ma nella gara decisiva ci sono stati dei black-out difensivi che non puoi commetere soprattutto in un match decisivo.”

Andando verso la zona est di Caracas, nel caffé Vomero della Carlota, scambiamo pareri con Carmine Guerra. “Abbiamo perso ma non fa niente, bisogna sempre sostenere la nostra squadra. L’errore in finale è stato quello di far giocare Chiellini in una difesa a 4, lui da un po’ di tempo sta giocando con la difesa a 3, con la Juve scudettata ha sempre giocato così. Gli errori fanno parte del gioco, speriamo tra due anni di esultare per la vittoria nel mondiale in Brasile”, ha dichiarato l’italovenezuelano.

Nel Civ di Caracas, incontriamo Antonio D’Antuono, allenatore del Napoli categoria Master, “Prima della partita contro la Spagna c’era molta fiducia e c’era l’illusione di vincere la coppa. Ma in finale si è visto che l’Italia non aveva forze e alcuni giocatori non erano all’altezza. Siamo stati sfortunati. La lesione di Thiago Motta poi ci ha lasciati addirittura in 10 e ha cambiato anche le idee che aveva Prandelli per gli ultimi minuti della ripresa, quando la gara era ancora sul 2-0. Il 4-0 finale non ci voleva, nessuno se lo aspettava, tutti immaginavano che sarebbe stata una gara combattuta ed al massimo sarebbe finita 1-0 o 2-1. Ma questa nazionale ci ha dimostrato che il materiale umano c’è e che possiamo fare bene nelle prossime competizioni”.

Pietro Caschetta, presidente del Civ di Caracas confessa: “Prima del torneo, non c’era tanta illusione con questa nazionale, poi gara dopo gara ha iniziato ad entusiasmarci e i giocatori hanno mostrato tanta voglia di far bene. Poi nella finale contro la Spagna è arriva la grande delusione. Secondo il mio punto di vista, Prandelli ha sbagliato inserendo giocatori che erano stanchi e che già avevano dato il meglio di sè nelle gare precedenti. Questa nazionale ha un grande futuro, i giocatori hanno mostrato che hanno le qualità necesserie per raggiungere grandi obbiettivi. Ma credo che questo futuro debba giocarsi senza Prandelli, i suoi errori hanno compromesso la finale, in Italia ci sono ottimi allenatori. Un sostituto? Fabio Capello sarebbe l’ideale.”

In pieno ritiro con il Deportivo Petare, abbiamo contattato telefonicamente uno dei suoi capitani, Alain Giroletti. “La nazionale – ha esordito il giocatore – mi ha sorpreso molto, ha giocato un ottimo europeo. L’Italia ha cambiato mentalità ed ha voltato pagina lasciando alle sue spalle il solito catenaccio e giocando le partite con tanto possesso palla. Nella gara d’esordio contro la Spagna, gli azzurri hanno combattuto per tutti i 90’ contro la migliore nazionale di calcio del momento. La finale raggiunta dagli azzurri è stata ben meritata. Peccato che in finale si è vista una nazionale un po’ stanca, mentre la Spagna è arrivata con un livello fisico migliore, anche se non bisogna dimenticarsi dei cambi obbligati che ha dovuto fare Prandelli: vedi la lesione di Chiellini e poi l’infortunio di Thiago Motta che ha addirittura lasciato la squadra in 10. Ma l’Italia è pronta per grandi cose”.

Il vicepresidente di FedeCiv, Domenico Alesi: “La prestazione dell’Italia all’europeo si riassume in una sola parola: Spettacolare! Questi ragazzi ci hanno fatto vibrare gara dopo gara e ci hanno fatto sentire fieri di essere italiani e di indossare la maglia azzurra. Peccato che in finale ci siano state 3 o 4 situazioni che hanno condizionato la gara: le lesioni di Chiellini e Thiago Motta. Il 4-0 finale, diciamo che è un risultato falso, l’incontro in altre circostanze sarebbe finito al massimo 1-0 o 2-1. Poi, la Spagna è riuscita a battere l’Italia solo dopo 92 anni, prima o poi doveva succedere. Adesso noi tifosi aspettiamo il 2013, nella Conderation Cup per cercare la nostra rivincita”. In conclusione Alesi si sofferma sul tecnico degli Azzurri: “Il merito di Prandelli è stato quello di aver portato giocatori come Diamanti e Balotelli, il primo quando è stato mandato in campo ha dimostrato di essere un giocatore da tenere in considerazione e con il secondo ha avuto la fiducia di portarlo e di saperlo gestire e questa fiducia è stata ripagata prima nella gara contro l’Irlanda e poi in quella con la Germania”.

Il presidente del Catania Fan Club di Caracas, Francesco Sanfilippo ci spiega: “Con il ritmo mostrato contro la Germania ci siamo illusi e speravamo nella vittoria finale. Ma in finale, l’Italia non è arrivata in condizioni ottimali, Prandelli doveva imbottire il centrocampo per contrastare gli attacchi spagnoli. Per controllare il gioco contro la Spagna dovevano cercare di avere il possesso palla così com’era successo nella gara d’esordio dove abbiamo rischiato addirittura di vincere, ma nella finale non è stato così ed abbiamo visto com’è andata a finire”.

Infine abbiamo interpellato il noto giornalista Franco Pascuzzo, soddisfatto a metà dell’europeo della Nazionale: “L’Italia – confessa – è stata una nazionale che ha saputo giocare bene e migliorare ogni volta che scendeva in campo. Ma nella finale ha mostrato troppa improvvisazione e schemi errati, basti pensare che nella gara inaugurale contro la Spagna adottando il 3-5-2 si è disattivato lo stile di gioco delle furie rosse. In finale Chiellini, non essendo al 100%, non doveva partire titolare, poteva entrare a risultato già aquisito o a pochi minuti dal termine. Poi c’è stata anche la lesione di Thiago Motta, giocare in 10 contro la Spagna, con due reti contro ed un giorno in meno di riposo pesa abbastanza. Bisogna elogiare Del Bosque perché è stato coerente al suo schema tattico ed è stato ripagato con la vittoria finale, mentre Prandelli ha voluto cambiare e ne ha subito le conseguenze. Anche se bisogna dire che da quando Villar è nell’Uefa la Spagna è stata un po’ aiutata dalle decisioni arbitrali in alcune partite del torneo”.

L’Italia però il suo Europeo lo ha comunque vinto: il torneo degli azzurri è stato straordinario. La sconfitta con la Spagna lascia una grande amarezza, era la finale ed è dura perderla così, ma sappiamo che questo gruppo può darci grandi soddisfazioni nel futuro. Forza ragazzi, la storia continua e bisogna scriverla con i colori azzurri.

Fioravante De Simone

Ultima ora

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

Archivio Ultima ora