Argentina, 50 anni a Videla per sequestro figli desaparecidos

Pubblicato il 06 luglio 2012 da redazione

BUENOS AIRES – Il primo e l’ultimo dei presidenti dell’ultima dittatura militare argentina, Jorge Rafael Videla e Reynaldo Bignone, sono stati condannati a 50 e 15 anni di carcere, rispettivamente, da un tribunale di Buenos Aires, al termine del primo processo dedicato esclusivamente a uno degli aspetti più terribili e disumani del terrorismo di Stato del regime durato dal 1976 al 1983: il furto di bambini nati da detenuti “desaparecidos”, affidati successivamente a coppie che cambiavano la loro identità. Anche altri responsabili della dittatura militare hanno ricevuto pesanti condanne, accolte con sonori applausi nell’aula del tribunale da figli di “desaparecidos” che hanno ricuperato la loro identità, da rappresentanti delle Madri e le Nonne della Plaza de Mayo (associazioni nate per difendere i diritti dei detenuti e delle loro famiglie) e da militanti per i diritti umani. Nel testo della sentenza, la corte federale argentina ha stabilito che i circa 500 bambini rubati alle loro madri dopo il parto – avvenuto in quasi tutti i casi in centri clandestini di detenzione, creati dai militari per torturare ed eliminare i prigionieri catturati senza mandato giudiziario – sono da considerarsi vittime di “un piano orchestrato, in base a ordini impartiti dai vertici delle giunte militari” che governarono l’Argentina durante la dittatura.

Durante il processo, gli accusati avevano ammesso l’esistenza di casi di furti di bambini nati nelle carceri segrete della dittatura, sostenendo però che si era trattato di casi isolati, e non di un piano sistematico messo a punto dai responsabili del regime militare. Le Nonne di Plaza de Mayo – che finora sono riuscite a rintracciare oltre 100 bambini rubati, per restituire loro l’identità e la storia della loro vera famiglia – hanno accolto il verdetto del tribunale come “una sentenza storica”, ricordando che dietro a ognuno dei figli di “desaparecidos” che ha ricuperato la sua identità si trova una storia reale, personale e drammatica di negazione, menzogna sistematica e silenzio di un’intera società. La maggior parte dei figli di “desaparecidos”, nati quando le loro madri erano detenute illegalmente – e molte volte uccise subito dopo il parto – sono stati affidati a famiglie di militari, poliziotti o persone in qualche modo legate all’apparato repressivo della dittatura. Per questi ex bambini rubati, la riscoperta della propria identità e storia familiare comporta molte volte un trauma psicologico considerevole. Per l’ex generale Videla, 87 anni, la condanna ricevuta, che si somma ad altre per gravi violazioni dei diritti umani durante il suo governo, corrisponde di fatto a un ergastolo. Oltre ai responsabili militari, colpevoli di aver dato gli ordini che hanno portato al furto sistematico dei bambini, sono stati condannati anche esecutori e complici di questo piano: dal dottore che si occupava delle gravidanze nel centro di detenzione della Scuola di Meccanica della Marina, a una donna che intermediava fra i rapitori dei bambini stessi e le famiglie a cui erano illegalmente affidati.

Ultima ora

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

10:37Italia-Cina: Alfano a Pechino per il Comitato governativo

(ANSA) - PECHINO, 18 DIC - Il ministro degli Esteri Angelino Alfano è in Cina nell'ambito di una missione che prevede, tra le altre cose, la partecipazione all'Ottava sessione dei lavori del Comitato governativo congiunto Italia-Cina. Alfano, inoltre, ha in programma nel pomeriggio un incontro bilaterale con l'omologo Wang Yi e domani mattina un altro con il consigliere di Stato Yang Jiechi, a capo della diplomazia cinese. Il ministro, giunto a Pechino in piena notte, lascerà la Cina domani pomeriggio.

10:36Gerusalemme: dopo razzi Gaza, Israele colpisce Hamas

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - Dopo il lancio di razzi da Gaza di ieri sera nel sud di Israele, questa notte l'aviazione dello stato ebraico ha attaccato "sei obiettivi di Hamas nel nord della Striscia, compresi un campo di addestramento e infrastrutture del terrorismo". Lo ha riferito il portavoce militare, sottolineando che "Hamas è la sola responsabile per la situazione a Gaza. L'esercito - ha aggiunto - prende con la massima serietà il lancio dei razzi verso le comunità israeliane e non consentirà alcun danno ai cittadini di Israele".

Archivio Ultima ora