Fuggono dalla Libia, in 54 muoiono in mare: “Eravamo senz’acqua”

Pubblicato il 10 luglio 2012 da redazione

ROMA – Si sono spenti uno dopo l’altro, senza una goccia d’acqua dolce dopo aver provato a bere quella salata, in mezzo al mare, sull’ennesimo barcone della speranza dalla Libia all’Italia. Una nuova tragedia dell’immigrazione nel cuore del Mediterrano, con un bilancio pesantissimo di vite umane: 54 persone, partite dalla coste tripolitane a bordo di un gommone e morte di sete. Del gruppo – erano in tutto 55 – uno solo si è salvato. E, dall’ospedale dove è stato ricoverato, racconta la storia di un “calvario durato 15 giorni” agli operatori dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) che lo hanno incontrato. Ed è proprio l’Unhcr a rendere nota la vicenda, mettendo in guardia anche su altre situazioni a rischio.

Come quella di 50 eritrei e somali, tuttora in mare aperto dopo aver rifiutato i soccorsi maltesi. Il sopravvissuto alla tragedia in cui sono morte le 54 persone dalla Libia, un eritreo come la metà delle vittime, è ricoverato per assideramento e disidratazione a Zarzis, in Tunisia. A salvarlo sono stati alcuni pescatori tunisini che lo hanno avvistato la notte scorsa, mentre era aggrappato ai resti del gommone e ad una tanica. La Guardia Costiera tunisina è stata immediatamente allertata e alla fine, l’uomo è stato salvato. Ma, stando alla sua testimonianza, con lui c’erano altre 54 persone che non ce l’hanno fatta. Gli immigrati – ha raccontato – erano partiti da Tripoli a fine giugno, a bordo di un gommone, direzione Italia. Dopo un giorno di navigazione l’imbarcazione era già in prossimità delle coste italiane ma forti venti l’avrebbero spinta indietro, trascinandola in mare aperto.

Di lì in poi, per i 55 immigrati alla ricerca di una nuova vita sulle sponde europee, è cominciato il calvario. Il gommone, in poco tempo, ha iniziato a sgonfiarsi e a bordo non c’era acqua. Molti, compreso il sopravvissuto, hanno cominciato a bere acqua marina. Ma alla fine non ce l’hanno fatta, morendo uno ad uno, per disidratazione. Compresi tre parenti del superstite. A rendere nota l’ennesima strage nel Mediterraneo è stato l’Unhcr, dopo aver ascoltato “con rammarico” la testimonianza. “E’ una vera tragedia”, ha commentato il vice Alto Commissario dell’Onu per i Rifugiati Alexander Aleinikoff, facendo appello “ai comandanti delle imbarcazioni nel Mediterraneo affinché prestino la massima attenzione a possibili casi di migranti e rifugiati in difficoltà che necessitano di essere soccorsi”. Anche perché – ha ricordato, ribadendo gli appelli reiterati più volte dall’agenzia Onu – il ‘mare nostrum’ “è uno dei tratti di mare più trafficati del mondo ed è fondamentale che l’antica tradizione del salvataggio in mare continui ad essere rispettata”. E proprio nelle stesse ore, ha reso noto sempre l’Unhcr, 50 persone tra eritrei e somali, sono in mare aperto dopo che lunedì hanno rifiutato i soccorsi delle Forze Armate maltesi. Anche loro, probabilmente, in fuga dalla Libia. Da dove, in centinaia, in parte originari dell’Africa sub-sahariana, continuano a salpare. Solo nel 2012, evidenzia l’agenzia Onu, in 1300 sono giunti via mare in Italia dalle coste libiche. E anche a Malta, sono già un migliaio.

Ma in tanti, non ce l’hanno fatta. Dall’inizio dell’anno, infatti sono circa 170 gli immigrati morti o dispersi in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa dalla Libia. E nel 2011, l’anno delle Primavere arabe, il triste computo aveva raggiunto le 1500 unità. Quella testimoniata ieri è – ha immediatamente commentato il ministro per la Cooperazione, Andrea Riccardi – un’altra “gravissima tragedia del mare” che deve indurre “tutti i paesi d’Europa e quelli che si affacciano sul Mediterraneo” a “rafforzare il dialogo e le politiche di cooperazione con i paesi della sponda sud, specie con i nuovi governi nati o che stanno nascendo dopo la primavera araba”.

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora