Paraguay, dalle ong un’analisi del golpe

Pubblicato il 11 luglio 2012 da redazione

ASUNCIÓN – ‘Base Investigaciones Sociales’ (Base-Is), organizzazione non governativa impegnata nei campi dello sviluppo rurale e della sicurezza alimentare, offre una lettura netta di quanto accaduto in Paraguay nelle ultime settimane, disegnando i possibili scenari per il 2013, anno elettorale. In un documento rilanciato da diversi media latinoamericani, parte dall’inquadramento della destra, “forse una delle più arretrate, reazionarie e servili in America Latina, prodotto del particolare sviluppo capitalista in Paraguay e della sua storica vocazione autoritaria” accusandola di aver pianificato – “molto probabilmente assistita dall’ambasciata degli Stati Uniti” – questo “colpo di Stato”. L’istituto fondato dal sociologo Tomas Palau, recentemente scomparso, sostiene poi che la strage di Curuguaty, che ha innescato il processo di impeachment nei confronti del presidente Fernando Lugo, “è stata pianificata in anticipo, attuandola quando si era certi di raccogliere voti sufficienti in Parlamento” in uno scenario contraddistinto dalla corruzione politica, dai “media commerciali di disinformazione” e dagli imprenditori che formano l’alleanza della classe dirigente dominante.
A detta dell’istituto, la leadership del Partito Radical Liberale Autentico (Plra) del successore di Lugo, Federico Franco, “ha tradito le proprie basi e la lotta storica di questo partito per la democrazia fin dai tempi della dittatura, scavando la sua fossa politica. Sono caduti nella trappola del Partito Colorado, per le ansie di essere presidente di Federico Franco, anche per nove mesi, anche a costo di rompere il processo democratico”.

I parlamentari, rappresentanti della grande industria, “sono ricorsi a mezzucci per rimuovere illegittimamente il governo del presidente Lugo, hanno violato i minimi requisiti giuridici per dare formalità alla pagliacciata realizzata in entrambe le camere del Parlamento, accompagnata dalla sfrontatezza dei ministri che erano stati per giorni parte attiva del governo deposto, per poi accusarlo di scarso rendimento”.

Se sul piano della “performance” il governo Lugo è stato scarso come i precedenti – non ha mantenuto la promessa di una riforma agraria mentre agrobusiness e capitalismo hanno continuato a crescere, sebbene sia avanzato al livello di politiche pubbliche – è stato però l’unico a essere giudicato. Secondo Base-Is, la vittima designata era Lugo, il cui cammino è stato ostacolato fin dal suo arrivo alla presidenza, nel 2008, dopo 60 anni di Partido Colorado, per impedire che fossero toccati gli interessi dei proprietari terrieri e dei “signori della soia”. Ma l’obiettivo finale è “smobilitare e cercare di smantellare la forza elettorale che la sinistra paraguayana, riunita nel Frente Guazú, ha accumulato in questi quattro anni di democrazia”.

L’istituto riassume quelle che a suo parere sono stati veri motivi dell’impeachment. Il veto di Lugo all’aumento di budget per assumere attivisti politici – con una spesa di 150 miliardi di Guaraní, poco più di 50 milioni di dollari – a pochi mesi dalle elezioni. L’inizio del dibattito su circa otto milioni di ettari distribuiti arbitrariamente dal dittatore Stroessner e dai suoi successori Colorados, attualmente utilizzati per la coltivazione di soia ogm e le azioni del Servicio nacional de calidad y sanidad vegetal y de semillas (Senave) che ha bloccato la diffusione commerciale di altri ogm. “Non si potevano mettere in pericolo – scrive Base-Is – gli interessi delle grandi multinazionali dell’agrobusiness come Cargill e Monsanto”. Impedire, infine, che il governo popolare di Lugo potesse essere capitalizzato dal Frente Guazú alle elezioni del 2013.

Fonti di stampa latinoamericane sollevano nel frattempo pesanti interrogativi sulla figura di Federico Franco, il nuovo presidente non ancora riconosciuto da molti governi della regione che non può contare su una solida alleanza parlamentare e comincia anche ad accumulare accuse di “clientelismo” dopo la nomina di due parenti ad importanti cariche pubbliche.

Ultima ora

23:23Roma: in arrivo centrocampista Gonalons dal Lione

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Si avvicina il trasferimento alla Roma di Maxime Gonalons. Frederic Guerra, agente del centrocampista francese, ha confermato via Twitter l'intesa tra i due club. "Accordo trovato tra il Lione e la Roma per il trasferimento di Gonalons. Lunedì a Roma le visite mediche. Grazie ai due presidenti" le parole del procuratore. Il costo dell'operazione dovrebbe aggiornarsi attorno ai 5 milioni di euro (di cui tre subito e due invece il prossimo anno). Il calciatore, che arriverà al posto del partente Paredes (destinato allo Zenit di Mancini) firmerà un quadriennale da circa 2,7 milioni annui con bonus inclusi.

23:20Confederation: Portogallo ko ai rigori, Cile primo finalista

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - E' il Cile la prima finalista della Confederation Cuo, in corso di svolgimento in Russia. La squadra di Juan Antonio Pizzi ha superato i campioni d'Europa del Portogallo 3-0 ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari erano terminati 0-0. Decisivo il portiere cileno Bravo che ha parato i tre rigori calciati da Quaresma, Moutinho e Nani, mentre i cileni sono andati a segno con Vidal, Aranguiz e Sanchez. Partita non cento indimenticabile, anche se i primi minuti avevano fatto sperare ben altro con due occasionissme capitate sui piedi prima dell'ex Napoli Edu Vargas (5'), poi del neomilanista Andrè Silva. Nel finale invece protagonista l'arbitro che non sancisce un rigore sacrosanto per il Cile (nonostante la Var), con i sudamericani che hanno meritato la finale grazie a un ottimo finale di partita, con due legni colpiti di fila prima da Vidal e poi da Rodriguez.

21:45Meredith, niente risarcimento a Sollecito

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Raffaele Sollecito non avrà alcun risarcimento per i quattro anni di custodia cautelare trascorsi in carcere quando era accusato, insieme ad Amanda Knox, dell'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia nel 2007. Lo ha deciso la Cassazione che ha respinto il reclamo di Sollecito per avere 500 mila euro di risarcimento per quella che a suo dire è stata una "ingiusta detenzione". Sollecito è stato definitivamente assolto dalla Cassazione, insieme ad Amanda Knox, per il delitto al quale si è sempre proclamato estraneo. Per lui il no al risarcimento è una decisione "inspiegabile". "Sto subendo ancora - ha detto - le conseguenze degli anni passati in carcere da innocente". "Il risarcimento che è stato negato a Raffaele poteva e doveva essere il giusto ristoro per l'ingiusta detenzione subita. Ma questo non scalfisce in alcun modo la sua innocenza", il commento del suo difensore, l'avvocato Giulia Bongiorno. "Ricorreremo alla Corte europea - ha aggiunto - e non ci fermeremo".

21:13Libia: rapiti funzionari dell’Onu, poi rilasciati

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Funzionari dell'Onu sono stati rapiti, e poi rilasciati, dopo che il loro convoglio è stato attaccato da uomini armati vicino a Zawiyah, a circa 50 chilometri a ovest di Tripoli. Secondo i media internazionali i rapitori farebbero parte di un gruppo locale affiliato ad Al Qaida. A bordo dei mezzi Onu viaggiavano un americano, due svedesi, due giordani, un team di sicurezza romeno e alcuni libici.

21:11Maltempo flagella Centro Nord, allerta in diverse regioni

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Nubifragi, trombe d'aria, esondazioni e allagamenti. E' allerta meteo sulle regioni del Centro Nord, a causa della perturbazione di origine atlantica che sta dividendo in due il Paese, uno scarto termico di venti gradi tra la Valle d'Aosta e la Sicilia. Con il sole e l'afa regine al Sud, Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto riaprono l'ombrello e contano i danni dei violenti acquazzoni, tra alberi sradicati e tetti scoperchiati, mentre Emilia-Romagna e Toscana fanno i conti soprattutto col forte vento e il mare mosso. Il Dipartimento della Protezione civile, d'intesa con le Regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse.

20:54Rifiuti: A Ercolano corteo e mascherine contro roghi tossici

(ANSA) - ERCOLANO (NAPOLI), 28 GIU - Un corteo per dire stop allo sversamento illegale dei rifiuti e ai roghi tossici si è svolto, questa sera, lungo le strade di Ercolano (Napoli). A promuoverlo i volontari dell'associazione "Salute Ambiente Vesuvio" che, a seguito degli ultimi roghi nell'area delle cave in contrada Castelluccio nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, hanno chiesto interventi celeri alle istituzioni contro chi inquina e deturpa il territorio. Alla testa del corteo, partito da piazza Trieste, i giovani delle parrocchie con lo striscione 'Il Vesuvio non è una discarica', a seguire le Mamme Vulcaniche, i sacerdoti del decanato, le scuole, il mondo del volontariato e comuni cittadini che hanno indossato mascherine "perché in alcune ore non si può respirare a causa dei fumi". (ANSA).

20:51Interrotta per 100′ circolazione treni per albero caduto

(ANSA) - PERUGIA, 28 GIU - Interrotta per circa un'ora e tre quarti a causa di un albero caduto a causa del forte vento la linea ferroviaria tra Ellera e Magione, sulla tratta Firenze-Foligno. Personale di Rfi è subito intervenuto e ha rimosso il tronco permettendo ai treni di tornare a circolare. Al momento della caduta della pianta non c'erano convogli lungo il percorso. Le ferrovie hanno quindi attivato un servizio navetta su bus tra Ellera e Magione fino al momento della riapertura.

Archivio Ultima ora