Paraguay, dalle ong un’analisi del golpe

Pubblicato il 11 luglio 2012 da redazione

ASUNCIÓN – ‘Base Investigaciones Sociales’ (Base-Is), organizzazione non governativa impegnata nei campi dello sviluppo rurale e della sicurezza alimentare, offre una lettura netta di quanto accaduto in Paraguay nelle ultime settimane, disegnando i possibili scenari per il 2013, anno elettorale. In un documento rilanciato da diversi media latinoamericani, parte dall’inquadramento della destra, “forse una delle più arretrate, reazionarie e servili in America Latina, prodotto del particolare sviluppo capitalista in Paraguay e della sua storica vocazione autoritaria” accusandola di aver pianificato – “molto probabilmente assistita dall’ambasciata degli Stati Uniti” – questo “colpo di Stato”. L’istituto fondato dal sociologo Tomas Palau, recentemente scomparso, sostiene poi che la strage di Curuguaty, che ha innescato il processo di impeachment nei confronti del presidente Fernando Lugo, “è stata pianificata in anticipo, attuandola quando si era certi di raccogliere voti sufficienti in Parlamento” in uno scenario contraddistinto dalla corruzione politica, dai “media commerciali di disinformazione” e dagli imprenditori che formano l’alleanza della classe dirigente dominante.
A detta dell’istituto, la leadership del Partito Radical Liberale Autentico (Plra) del successore di Lugo, Federico Franco, “ha tradito le proprie basi e la lotta storica di questo partito per la democrazia fin dai tempi della dittatura, scavando la sua fossa politica. Sono caduti nella trappola del Partito Colorado, per le ansie di essere presidente di Federico Franco, anche per nove mesi, anche a costo di rompere il processo democratico”.

I parlamentari, rappresentanti della grande industria, “sono ricorsi a mezzucci per rimuovere illegittimamente il governo del presidente Lugo, hanno violato i minimi requisiti giuridici per dare formalità alla pagliacciata realizzata in entrambe le camere del Parlamento, accompagnata dalla sfrontatezza dei ministri che erano stati per giorni parte attiva del governo deposto, per poi accusarlo di scarso rendimento”.

Se sul piano della “performance” il governo Lugo è stato scarso come i precedenti – non ha mantenuto la promessa di una riforma agraria mentre agrobusiness e capitalismo hanno continuato a crescere, sebbene sia avanzato al livello di politiche pubbliche – è stato però l’unico a essere giudicato. Secondo Base-Is, la vittima designata era Lugo, il cui cammino è stato ostacolato fin dal suo arrivo alla presidenza, nel 2008, dopo 60 anni di Partido Colorado, per impedire che fossero toccati gli interessi dei proprietari terrieri e dei “signori della soia”. Ma l’obiettivo finale è “smobilitare e cercare di smantellare la forza elettorale che la sinistra paraguayana, riunita nel Frente Guazú, ha accumulato in questi quattro anni di democrazia”.

L’istituto riassume quelle che a suo parere sono stati veri motivi dell’impeachment. Il veto di Lugo all’aumento di budget per assumere attivisti politici – con una spesa di 150 miliardi di Guaraní, poco più di 50 milioni di dollari – a pochi mesi dalle elezioni. L’inizio del dibattito su circa otto milioni di ettari distribuiti arbitrariamente dal dittatore Stroessner e dai suoi successori Colorados, attualmente utilizzati per la coltivazione di soia ogm e le azioni del Servicio nacional de calidad y sanidad vegetal y de semillas (Senave) che ha bloccato la diffusione commerciale di altri ogm. “Non si potevano mettere in pericolo – scrive Base-Is – gli interessi delle grandi multinazionali dell’agrobusiness come Cargill e Monsanto”. Impedire, infine, che il governo popolare di Lugo potesse essere capitalizzato dal Frente Guazú alle elezioni del 2013.

Fonti di stampa latinoamericane sollevano nel frattempo pesanti interrogativi sulla figura di Federico Franco, il nuovo presidente non ancora riconosciuto da molti governi della regione che non può contare su una solida alleanza parlamentare e comincia anche ad accumulare accuse di “clientelismo” dopo la nomina di due parenti ad importanti cariche pubbliche.

Ultima ora

18:23Detenuto sale su tetto carceri Regina Coeli per protesta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un detenuto recluso nel carcere romano di Regina Coeli è salito per protesta sul tetto dell'istituto. L'uomo, un romeno di 30 anni, è stato condannato pochi giorni fa a 10 anni per violenza sessuale. Il detenuto si sarebbe arrampicato dal cortile dell'VIII sezione al finestrone del terzo piano usando i fili del parafulmine presenti lungo il muro, agevolato da una struttura fisica piuttosto esile. L'uomo, uno straniero, è stato subito raggiunto dal personale della polizia penitenziaria. Per scongiurare ogni pericolo sono intervenuti anche i vigili del fuoco visto che il detenuto minacciava di gettarsi nel vuoto. Dopo aver ottenuto di parlare con la direttrice del carcere, l'uomo si calmato ed è stato riportato in cella. "L'intervento immediato e tempestivo del personale di polizia penitenziaria ha scongiurato un ennesimo evento tragico". Lo dice Pompeo Mannone, segretario della Fns Cisl. "Il personale - aggiunge - continua ad operare con professionalità pur in presenza di condizioni di grave carenza".

17:49Appalti: Cara Mineo, processo immediato per Castiglione

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - Ha chiesto e ottenuto dal Gip di Catania, Santino Mirabella, il giudizio immediato il sottosegretario all'Agricoltura, Giuseppe Castiglione, che esce così dall'udienza di rinvio a giudizio del 28 marzo prossimo sugli appalti per la gestione del Cara di Mineo. "Ho scelto io stesso il rito immediato - spiega Castiglione - perché ritengo che questa vicenda debba essere sottoposta, al più presto ️e nel più breve tempo possibile, al vaglio del Tribunale con tutte le garanzie difensive previste dal codice di rito e dalla Costituzione, per pervenire a una sentenza di assoluzione". Castiglione si dice "sicuro di poter radicalmente smentire l'ipotesi accusatoria, dimostrando l'infondatezza di tutte le contestazioni, a dir poco fantasiose, che mi vengono addebitate" e che "al termine di questa dolorosa vicenda, la mia dignità morale e la mia attività amministrativa, sempre improntata alla legittimità e alla trasparenza, riceveranno giustizia".

17:39Calcio: Callejon, sarebbe meraviglioso scudetto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAR - "Vincere lo scudetto a Napoli sarebbe meraviglioso, sarebbe un sogno per tutti". Lo ha detto José Maria Callejon in un'intervista a Radio Kiss Kiss Napoli. "Vincere a Napoli - ha detto l'esterno spagnolo - è molto difficile, Maradona qui ha vinto due scudetti, noi ci proviamo ogni anno e speriamo di avere qualche chance in futuro. Callejon ha parlato della necessità del Napoli di avere sempre la giusta personalità: "Noi - ha spiegato - sentiamo di essere una squadra importante, ma dobbiamo averne la consapevolezza sempre, perché penso che a volte non abbiamo in testa questo concetto. Anche chi è in panchina o in tribuna deve essere consapevole che siamo una squadra di alto livello".

17:28Mafia: Cdm scioglie Comune Lavagna

(ANSA) - GENOVA, 24 MAR - Il Consiglio dei ministri ha sciolto il Consiglio comunale di Lavagna per infiltrazioni mafiose. La decisione è stata presa stamani a norma dell' articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, su proposta del Ministro dell'interno Marco Minniti. Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Lavagna (Genova) si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei ministri. La decisione segue le indagini della magistratura antimafia di Genova che la scorsa estate portarono all'arresto di otto persone tra cui il sindaco Giuseppe Sanguineti e l'ex parlamentare Gabriella Mondello. La scorsa settimana l'indagine ha avuto un seguito che ha portato ad altri arresti e ha svelato gli interessi della 'ndrangheta sul territorio comunale. Due ordini di custodia hanno raggiunto i fratelli Francesco Antonio e Antonio Rodà, già in carcere, e sono finiti in manette Paolo Paltrinieri e Alfred Remilli.

17:20Casa: Monsignor Zuppi, sia un diritto di tutti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 MAR - Monsignor Zuppi apre le porte all'Acer (Azienda casa Emilia-Romagna) in vista di una possibile collaborazione fra l'arcidiocesi e l'ente sul tema della ristrutturazione di immobili di proprietà di parrocchie, istituti, fondazioni e opere diocesane, da destinare - secondo quanto scritto oggi dal 'Resto del Carlino' - ai piani di edilizia popolare. Stamattina l'arcivescovo di Bologna ha incontrato il presidente dell'Acer Alessandro Alberani negli uffici dell'ente di Piazza della Resistenza: "Un buon punto di partenza - ha detto monsignor Zuppi a margine della conferenza stampa di presentazione del musical 'I ragazzi di don Zeno' - speriamo che possa aiutare a valorizzare alcune possibilità che abbiamo, a rispondere all'interesse dell'Acer e all'interesse di tutti, cioè che la casa sia un diritto". (ANSA).

17:18Calcio: U16, prima vittoria Panico sulla panchina azzurra

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - A due giorni dall'esordio sulla panchina dell'Under 16, l'Italia di Patrizia Panico - prima donna a guidare una nazionale maschile azzurra - riscatta la sconfitta (1-4) subita nell'amichevole del 'Bentegodi' con la Germania. A Caldiero Terme, in uno stadio gremito e vestito a festa per l'occasione, l'Italia ha battuto 3-2 i pari età tedeschi nel replay della sfida di mercoledì, un match che aveva visto anche il primo rigore 'annullato' nella storia del calcio italiano grazie all'ausilio della VAR. Azzurrini in vantaggio al 13' con il gol del centrocampista dell'Atalanta Emmanuel Gyabuaa. Raddoppio in chiusura di tempo con Riccardo Tonin. All'8' della ripresa Roberto Piccoli, autore del gol della bandiera due giorni fa al 'Bentegodi', ha finalizzato una ripartenza portando a tre le reti di vantaggio dell'Italia e rendendo quindi vano il tentativo di rimonta dei tedeschi, a segno al 50' e al 57' con Bozdogan e Vangu Bukusu sugli sviluppi di due calci piazzati.

17:08Calcio: U21, convocato portiere Juventus Mulyadi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - E' stato convocato dalla Nazionale Under 21 il portiere della Juventus Emil Audero Mulyadi. Il giocatore si aggregherà al gruppo in serata, in vista dell'amichevole Italia-Spagna, in programma lunedì 27 marzo allo stadio Olimpico di Roma.

Archivio Ultima ora