Paraguay, dalle ong un’analisi del golpe

Pubblicato il 11 luglio 2012 da redazione

ASUNCIÓN – ‘Base Investigaciones Sociales’ (Base-Is), organizzazione non governativa impegnata nei campi dello sviluppo rurale e della sicurezza alimentare, offre una lettura netta di quanto accaduto in Paraguay nelle ultime settimane, disegnando i possibili scenari per il 2013, anno elettorale. In un documento rilanciato da diversi media latinoamericani, parte dall’inquadramento della destra, “forse una delle più arretrate, reazionarie e servili in America Latina, prodotto del particolare sviluppo capitalista in Paraguay e della sua storica vocazione autoritaria” accusandola di aver pianificato – “molto probabilmente assistita dall’ambasciata degli Stati Uniti” – questo “colpo di Stato”. L’istituto fondato dal sociologo Tomas Palau, recentemente scomparso, sostiene poi che la strage di Curuguaty, che ha innescato il processo di impeachment nei confronti del presidente Fernando Lugo, “è stata pianificata in anticipo, attuandola quando si era certi di raccogliere voti sufficienti in Parlamento” in uno scenario contraddistinto dalla corruzione politica, dai “media commerciali di disinformazione” e dagli imprenditori che formano l’alleanza della classe dirigente dominante.
A detta dell’istituto, la leadership del Partito Radical Liberale Autentico (Plra) del successore di Lugo, Federico Franco, “ha tradito le proprie basi e la lotta storica di questo partito per la democrazia fin dai tempi della dittatura, scavando la sua fossa politica. Sono caduti nella trappola del Partito Colorado, per le ansie di essere presidente di Federico Franco, anche per nove mesi, anche a costo di rompere il processo democratico”.

I parlamentari, rappresentanti della grande industria, “sono ricorsi a mezzucci per rimuovere illegittimamente il governo del presidente Lugo, hanno violato i minimi requisiti giuridici per dare formalità alla pagliacciata realizzata in entrambe le camere del Parlamento, accompagnata dalla sfrontatezza dei ministri che erano stati per giorni parte attiva del governo deposto, per poi accusarlo di scarso rendimento”.

Se sul piano della “performance” il governo Lugo è stato scarso come i precedenti – non ha mantenuto la promessa di una riforma agraria mentre agrobusiness e capitalismo hanno continuato a crescere, sebbene sia avanzato al livello di politiche pubbliche – è stato però l’unico a essere giudicato. Secondo Base-Is, la vittima designata era Lugo, il cui cammino è stato ostacolato fin dal suo arrivo alla presidenza, nel 2008, dopo 60 anni di Partido Colorado, per impedire che fossero toccati gli interessi dei proprietari terrieri e dei “signori della soia”. Ma l’obiettivo finale è “smobilitare e cercare di smantellare la forza elettorale che la sinistra paraguayana, riunita nel Frente Guazú, ha accumulato in questi quattro anni di democrazia”.

L’istituto riassume quelle che a suo parere sono stati veri motivi dell’impeachment. Il veto di Lugo all’aumento di budget per assumere attivisti politici – con una spesa di 150 miliardi di Guaraní, poco più di 50 milioni di dollari – a pochi mesi dalle elezioni. L’inizio del dibattito su circa otto milioni di ettari distribuiti arbitrariamente dal dittatore Stroessner e dai suoi successori Colorados, attualmente utilizzati per la coltivazione di soia ogm e le azioni del Servicio nacional de calidad y sanidad vegetal y de semillas (Senave) che ha bloccato la diffusione commerciale di altri ogm. “Non si potevano mettere in pericolo – scrive Base-Is – gli interessi delle grandi multinazionali dell’agrobusiness come Cargill e Monsanto”. Impedire, infine, che il governo popolare di Lugo potesse essere capitalizzato dal Frente Guazú alle elezioni del 2013.

Fonti di stampa latinoamericane sollevano nel frattempo pesanti interrogativi sulla figura di Federico Franco, il nuovo presidente non ancora riconosciuto da molti governi della regione che non può contare su una solida alleanza parlamentare e comincia anche ad accumulare accuse di “clientelismo” dopo la nomina di due parenti ad importanti cariche pubbliche.

Ultima ora

22:06Papa: strage Dacca, moglie Rossi, oggi una “emozione forte”

(ANSA) - UDINE, 22 FEB - "E' stata un'emozione molto forte". E' con queste parole che Stefania Collavin, la moglie dell'imprenditore friulano Cristian Rossi, una delle vittime italiane dell'attentato terroristico di matrice islamica di Dacca, ha descritto l'incontro privato che questa mattina Papa Francesco ha dedicato ai familiari delle vittime. "Sono state ricordate le nostre vittime. Il Papa ha riconosciuto che da noi non si è sviluppato un sentimento di odio e rancore e ha ricordato che il percorso che stiamo intraprendendo, dall'odio all'amore, è molto importante e difficile", ha testimoniato Stefania, raccontando anche il momento di tenerezza in cui Papa Francesco si è avvicinato alle bambine e ha baciato le due gemelline Gaia e Camilla. In udienza c'era anche la figlia di Marco Tondat, l'altra vittima friulana di Cordovado. I familiari hanno fatto dono al Papa di nove piantine di ulivo in segno di pace, con una colombina in legno su cui sono stati incisi i nomi delle vittime.

22:01Atletica: a marciatrice Rigaudo bronzo Mondiali Daegu

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Consegnata ad Elisa Rigaudo (Fiamme Gialle) la medaglia di bronzo della 20 km di marcia dei Campionati Mondiali di Daegu nel 2011. La cerimonia ha avuto luogo a Torino, in occasione della cerimonia di premiazione del Comitato regionale Coni Piemonte, alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, e della Fidal, Alfio Giomi. La medaglia arriva sei anni dopo la gara, dove la Rigaudo arrivò quarta, in seguito alla squalifica per doping della vincitrice, la russa Olga Kaniskina. L'azzurra è così l'unica atleta delle Fiamme Gialle nell'atletica leggera ad essere salita sul podio alle Olimpiadi (bronzo Pechino 2008), ai Mondiali e ai Campionati Europei (bronzo Goteborg 2006).

21:53Calcio: Yianjin tenta Bacca, 12 mln a stagione

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - Dopo il no di Nikola Kalinic, i cinesi del Tianjin Quanjian provano a virare su Carlos Bacca. A meno di una settimana dalla chiusura del mercato in Cina, il Tianjin, allenato da Fabio Cannavaro è alla ricerca di un centravanti e nelle ultime ore ha puntato sul trentenne colombiano del Milan. A Bacca sarebbe stato proposto un contratto da 12 milioni di euro a stagione, quasi quattro volte il suo attuale ingaggio. L'offerta arriva a pochi giorni di distanza dalla vittoria di domenica scorsa contro la Fiorentina, in cui l'attaccante è stato l'unico giocatore rossonero fischiato dai tifosi per una serie di errori. Al momento, secondo quanto filtra, il centravanti non sarebbe particolarmente convinto dall'idea di trasferirsi, in Cina, dove il mercato chiude il 28 febbraio. Se Bacca dovesse accettare, il Tianjin (disposto a pagare 45 milioni di euro alla Fiorentina per Kalinic) poi farà la sua offerta al Milan e si parla di una proposta di poco superiore ai 30 milioni di euro.

21:44Calcio: termina stage azzurri, tripletta Inglese

(ANSA) - FIRENZE, 22 FEB - E' finito con una partitella in famiglia il secondo stage organizzato a Coverciano dal ct della Nazionale, Gian Piero Ventura, dedicato ai giocatori emergenti di Serie A e B: gli unici che non sono scesi in campo sono stati il giocatore del Bologna Verdi e il difensore della Spal Bonifazi, entrambi affaticati. Di qui l'impiego di qualche elemento della formazione allievi dell'Empoli. Sugli scudi Inglese, autore di una tripletta: l'attaccante dell'Empoli è stato schierato insieme a Petagna e a Berardi, l'osservato speciale di questo stage. "Ha voglia di imparare e di diventare protagonista - ha detto Ventura dell'attaccante del Sassuolo - L'ho trovato molto ben disposto. Prima dell'infortunio aveva segnato sette reti in sei gare, se non si fosse fatto male l'avrei già chiamato. Se è pronto per la gara con l'Albania? Non è ancora al 100% ma ha tutto per diventare un giocatore importante".

21:40Calcio: Europa League, Manchester United agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Il Manchester United si è qualificato per gli ottavi di finale di Europa League vincendo 1-0 a St.Etienne dopo il successo per 3-0 dell'andata in Inghilterra. La rete dei Red Devils è stata realizzata da Mkhitaryan al 17'. Superano il turno anche i tedeschi dello Schalke 04, che hanno pareggiato 1-1 (rete di Schopf al 23', autogol di Nastasic al 25') in casa con i greci del Paok forti del 3-0 della prima gara a Salonicco. Ottavi anche per la squadra russa del Krasnodar, che dopo aver vinto l'andata 1-0, ha imposto l'1-1 (reti di Smolov al 7' e Souza al 41') in casa dei turchi del Fenerbahce. Domani in programma le altre 13 partite dei sedicesimi, con in campo Roma (ospita il Villarreal) e la Fiorentina (ospita il Borussia Moenchengladbach). Venerdì i sorteggi degli ottavi.

21:38Italiani uccisi Libia, rischio processo manager Bonatti

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Se si fosse dato retta all'allarme lanciato dalla Farnesina sulla situazione critica in Libia e se si fosse data massima priorità alla sicurezza forse la sorte dei quattro tecnici della Bonatti, sequestrati il 19 luglio del 2015, sarebbe stata diversa. Due di loro, Salvatore Failla e Fausto Piano, morirono il 2 marzo in un conflitto a fuoco tra rapitori e milizie regolari nel corso di un trasferimento. La Procura di Roma ha chiuso uno dei filoni di indagine e ora rischiano il processo in sei per l'accusa di cooperazione colposa nel delitto doloso, una fattispecie dell'omicidio colposo. Indagato l'intero Cda della Bonatti, società parmense che costruisce impianti oil&gas: il presidente Paolo Ghirelli e altri tre componenti e il responsabile dell'azienda per la Libia Dennis Morson. Finito nel registro degli indagati del pm Sergio Colaiocco la stessa Bonatti in base alla legge sulla responsabilità degli enti. L'avviso di chiusura indagine è l'atto che anticipa la richiesta di rinvio a giudizio.

21:25Sanità: assolto primario a Trani, passò 3 mesi agli arresti

(ANSA) - TRANI, 22 FEB - Il Tribunale di Trani ha assolto "perché il fatto non sussiste" tre medici imputati per abuso d'ufficio e falso con riferimento a presunte irregolarità commesse nel 2012 nel reparto di Oculistica dell'ospedale 'Sarcone' di Terlizzi. I giudici hanno assolto da ogni accusa l'allora primario Antonio Acquaviva, attualmente primario di oculistica presso l'ospedale Di Venere di Bari, accusato di aver "gestito il reparto alla stregua di una clinica privata". In particolare l'accusa contestava al medico (difeso dai penalisti Carmelo Piccolo e Francesco Paolo Sisto) di aver procurato benefici e vantaggi patrimoniali a se stesso, mantenendo il ruolo di primario, e ad altri due medici "grazie alla pubblicità ottenuta dagli interventi eseguiti". Anche i due coimputati, i medici Vincenzo Mangione e Giuseppe Fanelli, sono stati assolti con formula piena. Nell'ambito di questa indagine, Acquaviva fu sottoposto ai 'domiciliari' per 81 giorni e poi al divieto di dimora per altri quattro mesi, fino al maggio 2013.

Archivio Ultima ora