Paraguay, dalle ong un’analisi del golpe

Pubblicato il 11 luglio 2012 da redazione

ASUNCIÓN – ‘Base Investigaciones Sociales’ (Base-Is), organizzazione non governativa impegnata nei campi dello sviluppo rurale e della sicurezza alimentare, offre una lettura netta di quanto accaduto in Paraguay nelle ultime settimane, disegnando i possibili scenari per il 2013, anno elettorale. In un documento rilanciato da diversi media latinoamericani, parte dall’inquadramento della destra, “forse una delle più arretrate, reazionarie e servili in America Latina, prodotto del particolare sviluppo capitalista in Paraguay e della sua storica vocazione autoritaria” accusandola di aver pianificato – “molto probabilmente assistita dall’ambasciata degli Stati Uniti” – questo “colpo di Stato”. L’istituto fondato dal sociologo Tomas Palau, recentemente scomparso, sostiene poi che la strage di Curuguaty, che ha innescato il processo di impeachment nei confronti del presidente Fernando Lugo, “è stata pianificata in anticipo, attuandola quando si era certi di raccogliere voti sufficienti in Parlamento” in uno scenario contraddistinto dalla corruzione politica, dai “media commerciali di disinformazione” e dagli imprenditori che formano l’alleanza della classe dirigente dominante.
A detta dell’istituto, la leadership del Partito Radical Liberale Autentico (Plra) del successore di Lugo, Federico Franco, “ha tradito le proprie basi e la lotta storica di questo partito per la democrazia fin dai tempi della dittatura, scavando la sua fossa politica. Sono caduti nella trappola del Partito Colorado, per le ansie di essere presidente di Federico Franco, anche per nove mesi, anche a costo di rompere il processo democratico”.

I parlamentari, rappresentanti della grande industria, “sono ricorsi a mezzucci per rimuovere illegittimamente il governo del presidente Lugo, hanno violato i minimi requisiti giuridici per dare formalità alla pagliacciata realizzata in entrambe le camere del Parlamento, accompagnata dalla sfrontatezza dei ministri che erano stati per giorni parte attiva del governo deposto, per poi accusarlo di scarso rendimento”.

Se sul piano della “performance” il governo Lugo è stato scarso come i precedenti – non ha mantenuto la promessa di una riforma agraria mentre agrobusiness e capitalismo hanno continuato a crescere, sebbene sia avanzato al livello di politiche pubbliche – è stato però l’unico a essere giudicato. Secondo Base-Is, la vittima designata era Lugo, il cui cammino è stato ostacolato fin dal suo arrivo alla presidenza, nel 2008, dopo 60 anni di Partido Colorado, per impedire che fossero toccati gli interessi dei proprietari terrieri e dei “signori della soia”. Ma l’obiettivo finale è “smobilitare e cercare di smantellare la forza elettorale che la sinistra paraguayana, riunita nel Frente Guazú, ha accumulato in questi quattro anni di democrazia”.

L’istituto riassume quelle che a suo parere sono stati veri motivi dell’impeachment. Il veto di Lugo all’aumento di budget per assumere attivisti politici – con una spesa di 150 miliardi di Guaraní, poco più di 50 milioni di dollari – a pochi mesi dalle elezioni. L’inizio del dibattito su circa otto milioni di ettari distribuiti arbitrariamente dal dittatore Stroessner e dai suoi successori Colorados, attualmente utilizzati per la coltivazione di soia ogm e le azioni del Servicio nacional de calidad y sanidad vegetal y de semillas (Senave) che ha bloccato la diffusione commerciale di altri ogm. “Non si potevano mettere in pericolo – scrive Base-Is – gli interessi delle grandi multinazionali dell’agrobusiness come Cargill e Monsanto”. Impedire, infine, che il governo popolare di Lugo potesse essere capitalizzato dal Frente Guazú alle elezioni del 2013.

Fonti di stampa latinoamericane sollevano nel frattempo pesanti interrogativi sulla figura di Federico Franco, il nuovo presidente non ancora riconosciuto da molti governi della regione che non può contare su una solida alleanza parlamentare e comincia anche ad accumulare accuse di “clientelismo” dopo la nomina di due parenti ad importanti cariche pubbliche.

Ultima ora

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

00:13In America tutti pazzi per la ‘eclissi di sole del secolo’

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Tutti pazzi per l'eclissi del secolo. Dal Pacifico all'Oceano Atlantico, l'America intera si è fermata per assistere a un evento definito dagli esperti 'storico', uno spettacolo che non accadeva da 99 anni: il 'sole nero', totalmente oscurato dalla luna e che è scomparso lungo un 'coast to coast' che ha tenuto oltre 200 milioni di persone col naso all'insù. Anche il presidente Donald Trump e la first lady Melania hanno assistito allo show dal balcone della Casa Bianca, mentre il mondo ha assistito all'eclissi più social di sempre in tv o sulla rete. 'The Great American Eclipse' - come è stata ribattezzata - è partita dagli scogli rocciosi di Yoquina Head, a sudovest di Portland, in Oregon, accolta dalle grida di entusiasmo di milioni di persone scese in strada. Erano le 10.20 ora locale (le 19.20 in Italia). In un'ora e mezza circa l'eclissi, sfrecciando da ovest a est, ha oscurato il cielo in 12 Stati, attraversando per 4 mila chilometri il cuore degli Usa fino alle coste della South Carolina.

Archivio Ultima ora