Gaffe dei carabinieri sui gay: “Correggeremo”

ROMA – Un errore che sarà corretto. Così il comando generale dei carabinieri definisce il testo del manuale per il concorso di marescialli dell’Arma che inserisce l’omosessualità tra le principali degenerazioni sessuali accanto all’esibizionismo, al feticismo, al sadismo, al masochismo, all’incestuosità, alla necrofilia ed alla zoofilia. Paola Concia ed Emanuele Fiano hanno definito “inaccettabili e vergognose” le parole del manuale e chiesto al ministro della Difesa “di attivarsi presso il Comandante dei Carabinieri per l’immediato ritiro di quel testo che non fa onore al lavoro di rispetto e tutela che l’Arma svolge da sempre nel nostro Paese”. A stretto giro la reazione del Comando generale, che ammette un “errore materiale nella revisione del testo”, causato da “un modulo risalente nel tempo e superato” e fa sapere di aver “immediatamente disposto la formale abrogazione del modulo e la conseguente correzione della pubblicazione”.
“L’Arma dei Carabinieri – sottolinea il Comando – è in prima linea nella difesa di tutti diritti, come testimoniano concretamente sia le quotidiane attività sul territorio per garantire i cittadini da ogni forma di discriminazione e di violenza, sia i programmi di insegnamento per tutto il personale, ove trovano ampio risalto i diritti umani e la loro assoluta tutela”. Nella mattinata, il Comandante generale dell’Arma Leonardo Gallitelli “ha avuto modo di chiarire l’increscioso equivoco all’on. Paola Concia nel corso di una conversazione telefonica”.

A difesa dell’Arma è intervenuta il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. “Noi – puntualizza – siamo severissimi e stigmatizziamo qualsiasi discriminazione, quindi anche questi passi del manuale. Ma bisogna fare attenzione a non usare questo come accusa verso l’Arma”. Fornero riferisce quindi di aver sentito a riguardo il “comandante generale. Questo non è l’atteggiamento dei carabinieri”, l’omofobia “non è tollerata all’interno dell’Arma”, conclude. Soddisfatta per la precisazione del Comando l’ex ministro per le Pari opportunità, Mara Carfagna. “Ero certa – spiega – che la definizione di ‘degenerati’ riservata agli omosessuali in un manuale distribuito ad aspiranti Carabinieri fosse frutto di un errore, certo non banale o poco grave. L’Arma ha dato una risposta pronta e giusta ritirando il manuale e ribadendo la sua vocazione di sempre”.

Condividi: