Elezioni Comites e Cgie, dalla Camera il rinvio definitivo

Pubblicato il 12 luglio 2012 da redazione

ROMA – Sì definitivo della Camera al decreto che rinvia al 2014 le elezioni di Comites e Cgie. Hanno votato a favore Pd, Pdl (ad eccezione degli eletti all’estero Picchi, Angeli e Berardi), Fli e Udc. Contro Lega Nord e Italia dei Valori.

Relatori del decreto, Barbi (Pd) e Galli (Fli) – alla presenza del sottosegretario agli esteri De Mistura – hanno di nuovo spiegato ai colleghi la ratio del provvedimento e le modifiche apportate dal Senato. 382 i voti a favore, 67 i contrari, 6 gli astenuti.

Quindi si sono susseguite le dichiarazioni di voto.

Evangelisti (Idv) ha ripetuto il suo intervento  dell’altro giorno e confermato il voto contrario del partito.

Per Fli è intervenuto Di Biagio – eletto in Europa – che ha voluto sottolineare l’importanza di Comites e Cgie, il loro valore e il loro ruolo. Quanto al rinvio, ha sostenuto:

– Ha un senso se inserito nell’ottica della spending review da un lato e in attesa della riforma dei due organismi e del voto all’estero dall’altro. Questa triplice proroga svilisce le dinamiche democratiche e limita le potenzialità di rappresentanza di organismi, di cui dovrebbe essere garantita l’evoluzione, ancorandoli alla realtà di oggi.

Di Biagio ha quindi auspicato una “stagione nuova” e l’approvazione della riforma “prima della fine legislatura” che “darebbe così un senso a questa proroga”. Confermata l’”attenzione alta e significativa” di Fli e la “consapevolezza del ruolo alto e democratico di questi due organismi”, Di Biagio ha annunciato “voto favorevole” al decreto.

Sì al decreto anche dall’Udc, come annunciato da Ciccanti che ha parlato di un voto “favorevole e ragionato”.

– Ragionato – ha spiegato – perché qui si sommano due interessi: necessità del riordino della normativa su Comites e Cgie e di rivalutare la spesa destinata a garantire la loro operatività. Si tratta di un rinvio e non di una cancellazione di due organismi che l’Udc considera con grande interesse. Abbiamo ben chiara la differenza tra i costi della democrazia e tra costi della politica, e anche qui si tratta di spendere meglio per spendere meno. Non nascondiamo la nostra difficoltà nel chiedere questo ulteriore rinvio, ma è un rinvio breve che favorirà l’espressione dei diritti democratici con costi minori.  L’Udc – ha concluso – conferma vicinanza e sostegno agli italiani all’estero che sono ancora una volta in prima linea a sopportare, come tutti gli italiani, i sacrifici per il bene del Paese.

Come Evangelisti, anche Allasia (Lega) ha bissato l’intervento dell’altro ieri e confermato il voto contrario del partito.

– C’è qualcosa che non funziona –  ha ribadito -. Questi continui rinvii denotano una scarsa attenzione del Governo e del Paese: così si delegittimano gli stessi Comites.

In quest’ottica, per la Lega “il dialogo tra italiani all’estero e il Paese è un po’ una farsa”.

– Anche se spendiamo di meno – ha proseguito -, anche un solo euro è sprecato se destinato a organismi ormai esautorati che non riescono a fare più il loro lavoro.

Voto favorevole, con tutte le perplessità del caso, anche dal Pd, per cui ha parlato Tempestini, che ha in primo luogo evidenziato “la testimonianza di coerenza degli eletti all’estero che hanno tentato di mantenere una posizione su questo punto, nonostante il contesto difficile”.

– Il Parlamento – ha aggiunto – è in debito con gli italiani all’estero. Non solo o non tanto per la disattenzione o la vera e propria ‘rapina’ del ministro Tremonti ai danni dei capitoli più sociali della Farnesina. Siamo in debito perché manca una inversione di approccio e di visione rispetto al tema delle nostre comunità. Alla Farnesina c’è una sostanziale sottovalutazione del tema che nasce da un errore prospettico e strategico, imputabile alla politica italiana nel suo complesso. Cioè l’incapacità di vedere le nostre comunità – che sono disponibili e che hanno il gene dell’intrapresa, perché è gente che si è data da fare e ce l’ha fatta da sola – come strumenti per valorizzare il Sistema Paese. Sono partecipi di mondi diversi, vogliono essere italiani e partecipi di un mondo globale. Accogliamo allora l’invito dei relatori e anche se a denti stretti votiamo questo decreto, ma –ha concluso – se la Farnesina vuole mantenere una centralità nella politica italiana e all’estero occorre un altro occhio, un’altra attenzione. Il nostro è un voto senza entusiasmo. Che ci serva almeno a ricordarci che siamo in debito con le nostre comunità.

Richiamando il suo intervento di ieri, l’onorevole Pianetta ha annunciato il voto favore del Gruppo ad un “provvedimento accettabile”. È poi intervenuto, a titolo personale, l’onorevole Picchi che ha annunciato il voto contrario suo e dei colleghi Angeli e Berardi.

– Voglio ricordare – ha detto – che il Senato ha approvato una riforma che è bloccata alla Camera da oltre un anno e la responsabilità è di alcuni Gruppi, non del Pdl. Quindi invito Pd Udc e Fli a permettere di discutere la riforma di Comites e Cgie. Il fatto che il Pd si ostini a bloccarla è per me un’indecenza e il fatto che il partito voti questo decreto è la conferma del fatto che di Comites e Cgie non gli interessa nulla, al di là delle parole.

Ultima ora

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

Archivio Ultima ora