MERCATO: Ibra-Psg mancano i dettagli, Il Milan punta su Tevez

MILANO – Zlatan Ibrahimovic ha ottenuto dal Paris Saint Germain più o meno quello che chiedeva, ossia un ingaggio in linea con i 12 milioni di euro che aveva già garantiti per altri due anni al Milan. Il suo agente, Mino Raiola, ha portato a termine la trattativa, anche se continuano a lavorare a oltranza sui dettagli gli avvocati del giocatore Vittorio Rigo e Rafaela Pimenta, diventati in un paio di giorni esperti di fiscalità francese. Lo svedese aspetta il loro ok per mettere la firma sul contratto, ultimo tassello utile al Milan per chiudere lo scambio con il Psg: 65 milioni di euro per l’attaccante e Thiago Silva.

“Ibra è comela Giocondao l’Urlo. La gente sta lì a guardarli e sembra stupida. Il Psg e il Manchester City possono permettersi di sognare questi quadri”, ha detto in mattinata Raiola seminando un po’ di pessimismo (“Siamo lontani comela Cinae gli Usa”) prima di partecipare al decisivo summit pomeridiano di 5 ore con il direttore sportivo del Psg, Leonardo. Alla fine è arrivata fumata bianca. Chiuso l’accordo di massima, mentre a Parigi gli avvocati proseguivano a sbrogliare questioni tecniche, verso le 17.45 Ibrahimovic è stato visto sbarcare a Formentera, ospite dell’amico Pippo Inzaghi, con l’ormai ex compagno di squadra Ignazio Abate. Un po’ di relax sulla terrazza della villa di Inzaghi e un aperitivo a base di frutta in attesa della telefonata decisiva dalla Francia.

A Parigi lo aspettano entro lunedì per siglare il contratto che lo legherà (per 3 o 4 anni) al Paris Saint Germain. E non é escluso che sarà presentato assieme a Thiago Silva (che avrebbe preferito essere ceduto direttamente a metà giugno), visto che il medico del Psg ha lasciato il ritiro austriaco probabilmente diretto in Brasile, per visitare e prelevare per pochi giorni il difensore impegnato conla Seleçao olimpica. L’affare sembra proprio confezionato, anche se il Psg non dimentica i colpi di scena di gennaio per Pato e un mese fa per Thiago Silva, e Carlo Ancelotti mostra una certa cautela: “Ci sono grandi chance che Ibrahimovic e Thiago Silva arrivino. Non c’é nulla di ufficiale. Spero – ha detto l’allenatore del Psg dal ritiro in Austria – che saranno qui presto ma non posso dire altro se non che sono due fra i migliori calciatori al mondo”.

Anche Adriano Galliani si è concesso un fine settimana al mare, in Versilia, e già pensa a come reinvestire parte dei milioni incassati. Punterà dritto su Tevez, riproponendo una trattativa con il Manchester City che era già chiusa a gennaio, prima che Silvio Berlusconi bloccasse la cessione di Pato. E’ l’attaccante giusto per Massimiliano Allegri, mentre l’alternativa è Dzeko. Per la difesa l’obiettivo è Rolando. I tifosi rossoneri reclamano qualche colpo per smaltire la delusione. Nemmeno Messi potrebbe bastare invece a quelli dell’Aik Stoccolma, che pregustavano di vedere all’opera il Milan e soprattutto Ibrahimovic il 12 agosto nel loro stadio. Fiutato il vento, l’Aik ha negato la sua disponibilità. Per loro fortuna l’emittente svedese TV4 si è accaparrata i diritti della Ligue1.

Condividi: