Il “Giorno del Papa” nella Nunziatura Apostolica: un vivo messaggio d’unione e fratellanza

Pubblicato il 17 luglio 2012 da redazione

CARACAS – La Nunziatura Apostolica ha sempre accolto tutti. Ha sempre e, da sempre, ascoltato tutti, con serietà, con attenzione. Il Nunzio Apostolico, oltre a rappresentare lo Stato Vaticano, porta con sé un profondo messaggio cristiano, di fraternità, di rispetto verso ogni essere umano. Chi crede nel valore dell’armonia dei popoli e del cuore di ciascuno, oggi non concepisce piú l’Opera della Chiesa come la si intendeva tantissimi anni fa. Oggi, un governo non può prescindere dalle realtà sociali di milioni di persone che vivono la fame, le ingiustizie, le guerre, l’abbandono, mentre il nostro Pianeta sembra farsi sempre più piccolo e indifeso.

S. Santità il Papa Ratzinger chiede con tutta la propia saggezza di non chiudere gli occhi davanti alla realtà. Per questo, in momenti come quello che viviamo, in cui il nostro mondo sembra fratturarsi dimenticando la verità, la pietà, l’amore, la solidarietà, questo Papa così profondamente umano si è mosso per migliaia di chilometri ed è andato all’abbraccio di tutti, come faceva Gesú. Seguendone l’esempio, ha chiesto di adoperarci, con comprensione e solidarietà verso i nostri simili, verso la Madre terra, cuore delle nostre vite, e anche attraverso i suoi sacerdoti, di “comprendere”.

La Nunziatura Apostolica è una “casa grande” pronta ad accoglierci nella pace in una città che pian piano ha dimenticato la “vera pace”.

E l’abbiamo sentita, profonda più che mai, questa sensazione, di scorso 10 luglio “Giorno del Papa”, quando S.E. il Nunzio Apostolico Mons. Pietro Parolin ha diretto agli ospiti presenti un significativo discorso iniziato con la frase: “Benvenuti alla casa del Papa in Venezuela”.

Presenti personalità del Governo venezuelano, Ambasciatori e rappresentanti della diplomazia internazionale accreditata in Venezuela, il Nunzio Apostolico ha indirizzato un particolare saluto ai Membri della Conferenza Episcopale Venezuelana: il Card. Jorge Urosa, Arcivescovo di Caracas , il Presidente Mons. Diego Padròn, Arcivescovo di Cumanà, i Vescovi, le personalità eclesiastiche, i sacerdoti, i diaconi, i religiosi, i membri di gruppi, associazioni e movimenti dell’Apostolato laico ed i presenti tutti.

– Spero possiate trascorrere durante questa serata – ha detto S.E. – un momento di serenità e fratellanza: quella fratellanza che incontra nel Vangelo di Gesù una origine profonda e veritiera delle parole “libertà, uguaglianza e fratellanza”, così come lo ha ricordato Papa Benedetto XVI lo scorso 29 giugno, quando disse che la comunità cristiana di Roma aveva sempre considerato gli Apostoli Pietro e Paolo quali particolari “controfigure” dei mitici Romolo e Remo, in “una ‘fraternità tragica’ come quella di Caino e Abele”.

Pietro e Paolo – ha voluto sottolineare il Papa – hanno saputo costituire un “nuovo modo d’essere fratelli, anche con idee differenti”. E quindi, Mons. Parolin ha chiarito come si può essere fratelli anche pensando in maniera differente. Superando conflitti sociali, politici, religiosi. Abbracciando “una maniera nuova d’essere fratelli”.

Delle attività di Papa Benedetto XVI ha voluto ricordare il viaggio fatto da S. Santità in Messico e Cuba a fine marzo, “un viaggio che è stato molto importante per tutto il Continente latinoamericano e che ha voluto essere un grande omaggio ai Paesi di lingua spagnola, dopo la visita in Brasile nel 2007”.

Già il 12 di dicembre S. Santità aveva presieduto una messa solenne in San Pietro per rendere onore alla commemorazione del Bicentenario delle Indipendenze Latinoamericane. Il Papa ha un grande affetto per l’America latina: terra che ha sofferto e soffre ancora le piaghe della violenza, del narcotraffico, dell’ingiustizia, della disuguaglianza. Una terra che allo stesso tempo vive un momento di crescita economica, di rinnovato protagonismo nello scenario internazionale. Il Papa ha voluto affermare con la sua attenzione alle nazioni latinoamericane una nuova vitalità nel cattolicesimo, un rinnovato sforzo d’evangelizzazione per aiutare le genti nel rispetto della vita, la libertà, la giustizia.

“Perchè il Papa viaggia per il Messico e per Cuba? qualcuno si è chiesto. Eppure, la presenza del Papa è sempre un dono di Dio. Rappresenta un messaggio d’amore, di speranza per ogni Nazione che ha visitato. Auguriamoci che avvenga anche in Venezuela una sua prossima visita”. Con questo auspicio, Mons. Parolin ha elevato assieme ai presenti la coppa in onore del Santo Padre, nella viva sincera speranza di consolidare le relazioni e il dialogo tra il Venezuela e la Santa Sede.

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora