Nuovo incontro dell’Eurogruppo, i mercati attendono l’accordo

Pubblicato il 17 luglio 2012 da redazione

ROMA – È stato fissato per lunedì 23 luglio il prossimo incontro dell’Eurogruppo dei 20. Da questa riunione dovranno emergere i dettagli definitivi sulle modalità di erogazione degli aiuti alla Spagna per ricapitalizzare le banche. Un vero e proprio giro di boa. Dal modo in cui l’Eurozona gestirà la crisi spagnola, per ora confinata a parte del sistema bancario, dipenderà altresì il futuro dell’Italia. Se l’accordo con la Spagna dovesse risultare gradito ai mercati, due catene verranno spezzate: il legame tra rischio-sovrano e rischio-ba nca, ed il rischio di contagio tra i due Paesi. L’accesso ai mercati da parte di Madrid dovrà necessariamente rimanere aperto, in virtù del calo del differenziale Bonos/Bund.
L’Italia, qualora tutto questo dovesse verificarsi, trarrebbe un indubbio beneficio dalla risoluzione della crisi spagnola. Bisogna soltanto augurarsi che qualcosa non vada storto. E non sarebbe la prima volta. I ministri dell’Economia dei 17 potrebbero non trovare l’accordo.

La Finlandia è sempre pronta adostinarsi intorno alla richiesta di garanzie collaterali, questa volta per la sua quota di aiuti alle banche spagnole, creando un altro precedente e una corsia preferenziale che a lungo andare può mandare in tilt il sistema di aiuti. La Germania potrebbe optare per un riferimento vago alla perdita dello status di creditore privilegiato da parte del Meccanismo Europeo di Stabilità, lasciando i mercati sulla graticola a cuocersi nel dubbio. La Spagna potrebbe tentare di alleggerire gli impegni nel “Memorandum of Understanding” e la condizionalità agganciata agli aiuti. I mercati sperano dunque di non svegliarsi con una brutta sorpresa.Parte del conto della ricapitalizzazione delle banche spagnole sarà pagata dai privati, nella forma di perdite sui prestiti subordinati. Ma se questo venerdì emergessero altre perdite imposte ai detentori dei b ond senior delle banche spagnole più disastrate, questa notizia sarebbe inizialmente destabilizzante.

Deludere i mercati, in piena estate, significa rinsaldare, non spezzare, le catene del contagio tra Stati e banche, tra Italia e Spagna.

Il colpo grosso che i Paesi dell’Eurozona tentano di realizzare, ora con le banche spagnole ma in futuro anche con lo scudo anti-spread, è di aiutare la Spagna ed eventualmente l’Italia (quest’ultima solo nel contenimento del costo di rifinanziamento del debito pubblico) con un meccanismo di soccorso alternativo a quello attivato per Grecia, Irlanda e Portogallo. I tre Stati europei oggetto di salvataggio, finora, hanno rinunciato a emettere titoli di Stato a medio-lungo termine per almeno tre anni. L’Eurozona ed il Fondo Monetario Internazionale si sono prestati a sostituirsi ai mercati per un triennio.

Questo tipo di impostazione non funzionerebbe tuttavia per Spagna e Italia perché i firewalls si rivelerebbero infatti inadeguati. I BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) ed i Bonos (titoli di Stato spagnoli) in circolazione ammontano a oltre 1.500 miliardi di euro ed il Meccanismo Europeo di Stabilità neppure se coadiuvato dal Fondo Monetario Internazionale potrebbe far fronte ai 30 miliardi al mese di aste a medio-lungo termine in programma nell’immediato futuro. Il meccanismo del bail-out (espressione tesa ad indicare il salvataggio di un’azienda in crisi da parte dello Stato, solitamente attraverso un prestito) dovrà andare in soffitta e cedere il posto a interventi mirati, banche o spread. Una scommessa che vale la pena tentare. La riapertura dei BTP triennali, chiusa in settimana con successo, indica che anche i mercati desiderano un finale felice per questa delicata vicenda.

Ultima ora

11:16Maltempo: disperso tra la neve ex sindaco comune del Vco

(ANSA) - VOGOGNA (VCO) 12 DIC - E' disperso da tre giorni Marco Zago, 50 anni, sindaco di Vogogna (Vco) dal 2004 al 2009. Si era recato domenica a sciare nel vicino Canton Vallese: non ha più fatto rientro. La famiglia, preoccupata, ha avvisato l'attuale sindaco Enrico Borghi che ha attivato il consolato italiano in Svizzera. Le ricerche hanno permesso di trovare l'auto di Zago in un parcheggio e di localizzare il segnale del suo cellulare in una zona impervia nel territorio di Ovronnaz, una stazione sciistica poco distante dalla città di Sion. Di lui, però, nessuna traccia. Si teme sia finito fuori pista.

11:13Ammanchi milionari da casse Finpiemonte, indaga la procura

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Ammanchi milionari dai conti di Finpiemonte, la finanziaria della Regione Piemonte. Parla di "gravissime anomalie emerse in seguito a controlli contabili di routine" la denuncia che la Regione Piemonte ha presentato alla procura di Torino. "Si tratta di fatti che, ove accertati, sono molto gravi", afferma il governatore Sergio Chiamparino, che d'intesa con il neo presidente di Finpiemonte, Stefano Ambrosini, ha fornito alla magistratura "tutta la documentazione disponibile". Secondo indiscrezioni di stampa l'ammanco arriverebbe a 50 milioni di euro. Fondi che sarebbero usciti dalla finanziaria verso società e fiduciarie, alcune in Svizzera. La denuncia contro la passata amministrazione della società, guidata dall'ex presidente Fabrizio Gatti, risale a un mese fa. "Non ne abbiamo dato informazione al fine di evitare qualsiasi intralcio alle indagini", spiega Chiamparino, che ribadisce "piena collaborazione con l'autorità giudiziaria" confidando "si arrivi al più presto ad accertare le responsabilità".(ANSA).

11:05Maltempo: piena Enza, evacuazioni nel Parmense e Reggiano

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - In seguito alle piogge cadute nelle scorse ore, "la piena del fiume Enza ha tracimato" a Lentigione di Brescello, nel Reggiano, dove è "in corso l'evacuazione del paese". E' quanto si legge in una nota dell'Aipo, l'Agenzia Interregionale per il fiume Po. A causa della situazione dell'Enza, spiega una nota della Prefettura di Parma, "a scopo cautelativo sono in corso le operazioni di evacuazione dell'abitato di Casaltone", frazione di Sorbolo, nel Parmense. Tutti i fiumi principali del Parmense, ossia l'Enza, il Taro e il Torrente Parma, "hanno superato il livello '3', il massimo grado della scala di allarme. Anche la piena del Baganza ha superato il livello '3'". Secondo l'Aipo, "la piena del Parma è stata durante la notte in buona parte trattenuta nella cassa di espansione di Marano, dove sono state azionate le paratoie, ma la portata di notevoli dimensioni sta causando criticità a Colorno" dove "il ponte storico è chiuso. Anche la piena del Taro ha causato alcuni allagamenti nell'area Cepim".(ANSA).

11:03Calcio: tour rassegna su Paolo Rossi, tappa a Vicenza

(ANSA) - VICENZA, 12 DIC - Vicenza è stata scelta come settima tappa del tour mondiale "Paolo Rossi - Great Italians Emotions", la mostra ufficiale su "Pablito" e sull'Italia campione del mondo '82. La mostra itinerante verrà inaugurata sabato prossimo per poi restare aperta sino all'8 gennaio 2018, con ingresso gratuito al pubblico. Vicenza, città rimasta in modo indelebile nel cuore del grande campione che qui è esploso a livello calcistico e dove ha abitato per molti anni una volta lasciato il calcio, è stata inevitabilmente scelta dall'organizzazione dell'evento tra le 18 tappe mondiali previste nell'ambito del tour in tutto il mondo, che si concluderà nel 2020. Anche nel capoluogo berico i visitatori avranno modo di ammirare una straordinaria raccolta di cimeli unici vinti da "Pablito", dal Pallone d'oro alla Scarpa d'oro, ma anche video installazioni, fotografie, articoli, filmati, oggetti, maglie e ricordi.

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

Archivio Ultima ora