Dal Consiglio Regionale ok alla fondazione di ‘Casa Puglia’

BARI – Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato a maggioranza l’istituzione della fondazione regionale Casa Puglia, “uno strumento giuridico agile e flessibile con cui rafforzare i legami dei pugliesi nel mondo con la terra d’origine, coinvolgendo le istituzioni e la società civile”.

Possono infatti aderire alla Fondazione (senza scopo di lucro e con una dotazione finanziaria di 50 mila euro per il 2012) le associazioni e federazioni dei Pugliesi nel mondo, Province, Comuni, Istituti di credito, Fondazioni bancarie, imprese private, enti e associazioni di ricerca impegnati nella promozione all’estero del Sistema Puglia e delle sue risorse.

La legge, a firma dell’assessore al Welfare Elena Gentile, apporta inoltre modifiche agli interventi a favore dei Pugliesi del mondo riducendo i tempi di riconoscimento formale e di iscrizione all’albo regionale delle associazioni e innalzando l’età anagrafica a 35 anni per favorire l’ingresso dei giovani nel network dei pugliesi residenti all’estero.

– Finalmente – afferma soddisfatto l’Assessore Gentile – ci sono state consegnate le chiavi della casa che accoglierà sotto lo stesso tetto tutti i pugliesi presenti nei 5 Continenti. Con la fondazione “Casa Puglia” vogliamo valorizzare il tema dell’emigrazione, anche nelle sue forme contemporanee e far sì che la rete dei pugliesi nel mondo diventi un sistema di idee e azioni mosse da un sentimento di appartenenza familiare. Una grande casa – conclude – per garantire anche a chi è lontano dalla Puglia quella sensazione di trovare “casa” anche quando non sei a casa!

Condividi: