Intercettazioni: Colle nel mirino Pdl: “Se non ora, quando?”

Pubblicato il 18 luglio 2012 da redazione

ROMA – Colle sotto ‘ascolto’ a Palermo e l’agenda della politica vede il ritorno, l’ennesimo, del tema della riforma delle intercettazioni. Un nodo essenziale anche per il Colle.

– Quella delle intercettazioni è una questione che già da tempo doveva essere affrontata e risolta sulla base di una intesa la più larga possibile – aveva detto Giorgio Napolitano solo pochi giorni fa confermando il proprio personale favore ad una revisione parlamentare sulla base di un’intesa. Parole tra l’altro pronunciate dal presidente ben prima della decisione di sollevare il conflitto di attribuzione contro la procura di Palermo.

Ora che anche il Quirinale è finito, sia pur incidentalmente, nel mirino dell’orecchio elettronico il tema di una nuova regolamentazione è tornato improvvisamente caldo anche se le posizioni dei partiti restano distanti.

‘’Se non ora quando?’’, dice in sostanza il Pdl mettendo nel calderone dei diversi tavoli di questa stagione pre-ferie due temi sensibili come quello delle intercettazioni e della responsabilità civile delle toghe.

Il Pdl, sfruttando l’onda lunga dell’irritazione del Colle, continua a chiedere a gran voce perchè sia stato possibile intercettare e soprattutto far finire sui giornali trascrizioni di ogni tipo ed ogni tenore del premier Silvio Berlusconi.

– Il Pdl non strumentalizzi le mosse del presidente Giorgio Napolitano – replica però il Pd che sembra fermo sulle proprie posizioni nonostante la piena solidarietà al Quirinale. Quel che è certo è che nell’affollata scena parlamentare estiva si è riaffacciato un tema che sembrava politicamente congelato.

Sarà per questo che per tutta la giornata a Montecitorio si sono susseguiti ‘rumors’ sulla possibilità che nell’incontro tra Monti e Napolitano al Quirinale si sia studiato come inserire in tempi rapidi una nuova regolamentazione delle intercettazioni. Voci seccamente smentite dalla presidenza della Repubblica interpellata in proposito.

Senza sfumature il ‘no’ delle toghe.

‘’L’esigenza, pur condivisibile, che riguarda la tutela della riservatezza dei soggetti estranei all’inchiesta e delle conversazioni che non hanno rilevanza, va tenuta distinta dalla disciplina processuale delle intercettazioni, come strumento investigativo irrinunciabile’’, scandisce il presidente dell’Anm, Rodolfo Sabelli.

Idv-Napolitano è alta tensione
ROMA – Alla vigilia dell’anniversario della morte di Paolo Borsellino, resta alta la tensione sul fronte della trattativa Stato-Mafia. Il leader Idv Antonio Di Pietro torna all’attacco del Quirinale: la decisione di sollevare conflitto di attribuzione contro la Procura di Palermo per via delle intercettazioni che riguardano il Colle dimostra come Napolitano sia ‘’in evidente conflitto di interessi’’ e ‘’impedisca l’accertamento della verità’’.

E Napolitano, che ‘’purtroppo non può rispondere’’ in maniera esplicita, come evidenzia in un twitter il suo portavoce Pasquale Cascella, una dichiarazione però la fa. E ha tutto il sapore di una risposta all’Idv. L’occasione la offre un convegno di costituzionalisti.
– Il campo di ricerca in cui operate – dice il Capo dello Stato rivolgendosi ai docenti – dovrebbe rappresentare il terreno di formazione della classe dirigente se non si vuole che la politica scada a esercizio dilettantesco che pretende di trarre la sua validità dal consenso elettorale ottenuto e, in sostanza, è funzionale alla conquista ulteriore di consenso.

Ultima ora

18:55Barcellona: Spagna rafforza livello 4 allerta

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il governo spagnolo ha deciso oggi, all'indomani degli attentati a Barcellona e Cambrils, di mantenere al livello 4, il penultimo più alto, il livello di allerta contro il terrorismo rafforzando però il dispositivo, ha annunciato il ministro degli Interni Juan Ignacio Zoido.

18:52Calcio: è di Mandzukic il primo gol in Serie A

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il bianconero Mario Mandzukic è il primo marcatore del campionato di Serie A 2017/18, che parte oggi con la disputa delle partite Juventus-Cagliari e Verona-Napoli. L'attaccante croato ha portato in vantaggio la Juventus sul terreno dell'Allianz stadium contro i sardi, grazie a un girata al volo che si è insaccata nell'angolo basso alla destra del portiere Cragno. Il gol è arrivato dopo soli 12' di gioco.

18:43Barcellona: Juve-Cagliari, 1′ silenzio per vittime

(ANSA) - TORINO, 19 AGO - Un lungo applauso degli spettatori dell'Allianz Stadium di Torino ha concluso il minuto di silenzio osservato per le vittime dell'attentato di Barcellona prima del fischio d'inizio di Juventus-Cagliari, la prima partita del campionato di serie A 2017/2018.

18:42Barcellona: Valverde ‘atto deplorevole, non abbiamo paura’

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Non abbiamo paura, è questo il modo migliore per andare avanti". Così l'allenatore del Barcellona, Ernesto Valverde, sullo stato d'animo dei blaugrana dopo l'attentato di due giorni fa sulla Rambla. "Per come stanno le cose - dice in conferenza stampa - siamo tutti vittime potenziali, in una stazione della metro o in un luogo affollato. È stata una giornata difficile e diversa per coloro che l'hanno vissuta. Siamo con tutti loro". Il tecnico, all'esordio sulla panchina blaugrana nella Liga, ha definito l'attentato "un atto deplorevole". Domani il Barca sarà impegnato nella prima giornata della Liga contro il Betis Siviglia e la polizia catalana ha deciso di adottare misure di sicurezza eccezionali nel Camp Nou. I giocatori indosseranno una maglia particolare, contrassegnata dalla scritta 'Barcelona' al posto del nome del giocatore, per onorare la vittime della strage. Inoltre, il club ha lanciato l'hashtag #TotsSomBarcelona che apparirà sul petto di ogni calciatore.

18:39Calcio: Premier, Southampton col brivido, Gabbiadini in gol

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Manolo Gabbiadini ha contribuito, con un gol dopo 11', al successo del Southampton in casa sul West Ham, nella 2/a giornata della Premier. Sul terreno del St. Mary's stadium è finita 3-2 e, dopo il punto dell'attaccante italiano, è arrivato il raddoppio di Tadic su rigore al 38'. Il 'Chicharito' Hernandez ha accorciato le distanze prima dell'intervallo, concedendo il bis al 29' st. Un altro rigore, ma di Austin al 93', ha regalato il successo ai 'Saints'. Al West Bromwich Albion è bastato un gol per vincere sul campo del Burnley, mentre nel Leicester ha brillato Mahrez che, dopo il gol del vantaggio-lampo di Hokazaki, ha servito a Maguire il pallone del 2-0 definitivo. Il Liverpool ha sofferto, ma è riuscito a piegare in casa il Crystal Palace grazie a Mane, in gol al 28' st. Infine, successo del Watford per 2-0 sul campo del Bournemouth. Alle 18,30 toccherà all'Arsenal sul campo dello Stoke City, domani sarà la volta di Huddersfield-Newcastle (14,30), Tottenham-Chelsea (17).

18:38Calcio: Marotta, Juve pronta a cogliere opportunità mercato

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Il mercato è ancora aperto, noi abbiamo un gruppo che soddisfa in pieno le esigenze della società e dell'allenatore, ma terremo gli occhi aperti per cogliere le eventuali opportunità. Insomma, esigenze non ne abbiamo ma, se troveremo giocatori che faranno al caso nostro, cercheremo di cogliere l'opportunità". Così l'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Cagliari. "Perché Bonucci al Milan? Di questi tempi - ha spiegato il dirigente dei bianconeri - ogni giocatore decide il proprio destino e se si impunta per andare in una società particolare, l'accordo alla fine si trova. Ma non è un nuovo caso Pirlo: Pirlo era a parametro zero, mentre per Bonucci abbiamo preso 42 milioni. Sono i fatti del calcio, non la vedo una situazione stravolgente o straordinaria". Infine, in merito al mercato 'infinito', Marotta ha annunciato: "Faremo, assieme alle altre cinque leghe più importanti, la richiesta di far chiudere il mercato prima dell'inizio dei rispettivi campionati".

18:35Barcellona: Firenze, monitoraggio barriere e più militari

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Punto della situazione e valutazione delle eventuali misure aggiuntive sulla base delle indicazioni del Viminale e delle forze dell'ordine per garantire più sicurezza a Firenze. E' l'attività svolta oggi dal Comitato provinciale per la sicurezza a Firenze dopo l'attentato a Barcellona. Il Comune, ha spiegato al termine il sindaco Dario Nardella, fornirà "la mappatura esatta di tutte le delimitazioni delle aree sia nel centro che fuori, come dissuasori mobili e catene, per valutare se sono sufficienti o se devono essere migliorate o rafforzate". Il Comitato ha anche valutato il rafforzamento dei militari nei luoghi sensibili (progetto Strade sicure). Il sindaco ha sottolineato che "le barriere esistenti non sono state progettate e installate con finalità antiterrorismo. Una catena a presidio di un'area pedonale per non far parcheggiare non è pensata per bloccare un Tir a 80 all'ora. Però possono avere una funzione di deterrenza: saranno le forze dell'ordine a dirci dove dobbiamo intervenire".

Archivio Ultima ora