Siria: armi chimiche in caso attacco esterno Terzi: azione esercito rasenta pulizia etnica

Pubblicato il 23 luglio 2012 da redazione

DAMASCO – “La posizione del governo siriano è di non utilizzare mai armi chimiche o biologiche per risolvere questa crisi”. E’ quanto ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri siriano, Jihad al-Maqdisi, durante una conferenza stampa a Damasco.

– La nostra posizione – ha aggiunto – è di non usare mai queste armi che sono in nostro possesso se non in caso di aggressione straniera. Il nostro esercito controlla con attenzione le armi chimiche stoccate in magazini ben sorvegliati.
Il portavoce del regime di Bashar al-Assad ha poi denunciato che “ci sono gruppi terroristici che sono entrati in Siria e che invece hanno armi non convenzionali”.

Pronta la risposta del presidente Usa Barack Obama: “la Siria sarà ritenuta responsabile per le armi chimiche”, il cui uso sarebbe un “tragico” errore. “La Siria ricorrerà alle armi chimiche solo in caso di aggressione esterna. Queste armi non saranno usate all’interno del Paese contro civili innocenti”, ha detto il portavoce del ministero degli esteri siriano Jihad Maqdisi rispondendo a chi – come Israele, Stati Uniti e Francia – teme che gli arsenali proibiti possano cadere in mani sbagliate. “I depositi sono sotto il controllo dell’esercito”, ha assicurato, senza però ricordare che la coesione delle forze governative di Damasco viene erosa ogni giorno di più da defezioni e da perdite umane inflitte dai ribelli nei teatri della guerra in corso.

Le cancellerie occidentali che da giorni – sull’onda delle notizie degli scontri nel cuore di Damasco – tracciano scenari di imminente caduta del governo di al Assad sono tornate a sollevare con forza il dossier delle armi proibite in possesso delle autorità siriane, condannando la minaccia di usarle. Una minaccia “inaccettabile”, ha detto il ministro britannico William Hague. “Mostruosa”, ha rincarato il suo collega tedesco Guido Westerwelle. Mentre secondo il Pentagono il governo siriano “non dovrebbe pensare neanche un secondo di fare uso” di quelle armi. L’unica a gettare acqua sul fuoco è stata l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera, Catherine Ashton, affermando che “non c’è motivo di preoccupazione immediata”.

Intanto da Bruxelles, dove i ministri degli Esteri dell’Unione Europea hanno approvato nuove sanzioni contro Damasco ed il rafforzamento dell’embargo sulle armi, il ministro degli Esteri Giulio Terzi ha accusato l’esercito del regime di compiere azioni che “rasentano la pulizia etnica e i crimini contro l’umanità”.

– E’ una battaglia assolutamente inaudita di massacro della propria popolazione – ha denunciato il titolare della Farnesina, secondo il quale l’esercito “è andato ben al di là di qualsiasi altra repressione che abbiamo visto nei Paesi delle primavere arabe, è qualcosa che nel nostro mondo non deve esistere”. L’azione dell’esercito, ha sottolineato ancora, “rasenta la pulizia etnica e i crimini contro l’umanità”.
Il clima di violenza instaurato dal regime siriano crea “le condizioni più favorevoli” per il terrorismo, ha detto ancora Terzi.

– Siamo non solo preoccupati – ha sottolineato – ma anche convinti che il clima di violenza creato dal regime stia creando le condizioni più favorevoli per le organizzazioni terroristiche, non ci sono dubbi che questa situazione da guerra civile crei le condizioni perché le organizzazioni jihadiste mettano radici nel Paese.

Il ministro degli Esteri torna poi a escludere l’ipotesi di un intervento militare in Siria, dove “non c’è uno scenario libico”. E ha scandito: “Lo escludiamo così come lo esclude la Nato”.

Riferendosi al rafforzamento delle difese turche al confine con la Siria, il ministro ha ricordato che l’Alleanza atlantica si era riunita nelle settimane scorse “sulla base dell’articolo 4 per consultazioni richieste dalla Turchia”, nei confronti della quale “la solidarietà è assoluta”.

– Ma – ha chiarito – al momento non vi sono certamente delle condizioni che facciano prevedere una situazione di conflitto su larga scala come sarebbe quello della posizione nella quale la Nato di dovesse trovare obbligata ad assistere.
Il titolare della Farnesina ha quindi ricordato che “ci sono 48mila rifugiati siriani in Turchia”, che è dunque “un Paese sotto forte pressione anche sul piano economico per assisterli”.

La Commissione europea ha annunciato di avere raddoppiato i suoi aiuti urgenti ai rifugiati siriani nel paese e nelle nazioni vicine alla Siria, portandoli a 63 milioni di euro. Secondo la Commissione, infatti, gli stati membri dell’Ue hanno sbloccato oggi 27,5 milioni di euro in aiuti umanitari.

Il governo iracheno ha deciso l’apertura del valico di Qaim ai profughi siriani in fuga dopo che nei giorni scorsi Baghdad aveva respinto ogni richiesta di accoglienza.

L’esodo dei profughi prosegue anche da Aleppo verso la Turchia, da Daraa verso la Giordania e dalla regione di Damasco verso il Libano. In tutto, secondo le Nazioni Unite, si registrano 115mila profughi siriani fuggiti nei quattro Paesi confinanti, mentre non si hanno cifre delle decine di migliaia di sfollati che rimangono intrappolati nelle zone di conflitto all’interno della Siria.

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora