Formigoni indagato “Tutto qua? Non lascio”

Pubblicato il 25 luglio 2012 da redazione

MILANO – E’ ufficiale. Con la notifica di un’informazione di garanzia e con il contestuale invito a comparire per sabato prossimo, la Procura di Milano ha calato le carte: Roberto Formigoni è indagato per concorso in corruzione aggravata nell’inchiesta sulla Maugeri. Sarebbe stato corrotto, questa l’ipotesi, con benefit per un valore di circa 8,5 milioni di euro dall’amico, ora in carcere, Pierangelo Daccò in cambio di una quindicina di delibere di Giunta sulle cosiddette ‘’funzioni non tariffabili’’ che, nel giro di 10 anni, avrebbero incrementato i rimborsi per le prestazioni sanitarie erogate dalla Fondazione.

L’iscrizione nel registro degli indagati del ‘Celeste’ risale allo scorso 14 giugno, ma solo con l’invio dell’atto è stata dissecretata e l’accusa è diventata pubblica, con buona pace del Governatore che ha sempre bollato come falsa la notizia di un suo coinvolgimento nelle indagini, in quanto non aveva ricevuto alcun avviso di garanzia. Attorno all’ora di pranzo, e non a sorpresa, quelle due paginette o poco più, nelle quali sono riassunti per sommi capi i fatti addebitati, sono state recapitate, in ufficio, al suo difensore. Formigoni – si è saputo – rimane anche iscritto per finanziamento illecito ai partiti, ma gli inquirenti al momento hanno deciso di contestargli in concorso, tra gli altri, con Daccò, l’ex assessore Antonio Simone, il patron della Fondazione Umberto Maugeri e l’ex direttore amministrativo Costantino Passerino, solo la corruzione con l’aggravante della transnazionalità. Aggravante che sta a significare che i soldi spesi – il prezzo della presunta corruzione – per il ‘’vasto ‘portafoglio di benefit’’’ che negli anni gli sarebbero stati elargiti in qualità di presidente della Lombardia, sono transitati su conti esteri, in particolare svizzeri.

A fare da canovaccio alle accuse mosse al Governatore c’è l’informativa stesa dalla polizia giudiziaria, che lavora accanto al procuratore aggiunto Francesco Greco e ai pm Laura Pedio, Antonio Pastore e Gaetano Ruta. E, poi, l’analisi dei provvedimenti della Giunta e della ‘’direzione generale’’ dell’ assessorato alla Sanità nell’era Formigoni, i quali in totale hanno portato nelle casse della Fondazione circa 200 milioni (da verificare quanti assegnati indebitamente), a partire dal 2000.

Stando al capo di imputazione, il presidente avrebbe ‘’partecipato all’adozione di provvedimenti amministrativi diretti a trasferire ingenti risorse pubbliche, ulteriori rispetto ai rimborsi dei drg, e comunque, a procurare alla Maugeri indebiti vantaggi’’.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, gli ex vertici dell’ente pavese assieme a Dacco’ – il faccendiere che aveva il compito di ‘sbloccare’ le delibere in Regione in virtù del suo rapporto di amicizia con Formigoni – e all’ex assessore regionale Dc Simone, legato da un’amicizia trentennale al Governatore, avrebbero drenato, attraverso una serie di consulenze fittizie, circa 70 milioni di euro, dirottandoli su un reticolo di società e conti esteri. Una parte di quei fondi neri, circa 8,5 milioni, per l’accusa, sarebbe stata utilizzata ‘’per l’acquisto, mantenimento e trasferimento di beni di lusso’’ in favore del ‘numero uno’ della Lombardia. Nell’invito a comparire, per ‘’fatti commessi in Milano e all’estero dal 2001 al mese di novembre del 2011’’, gli inquirenti hanno infatti messo nero su bianco tutte le ‘’utilità’’- specificando i costi – di cui avrebbe usufruito Formigoni: circa 3,7 milioni di euro spesi ‘’dal 2007 al 2011’’ per ‘’imbarcazioni di lusso’’, ovvero i due yacht messi a disposizione da Daccò; oltre 800 mila euro, tra ‘’biglietti aerei’’ e soggiorni, per le vacanze ai Caraibi, tra il 2006 e il 2011; 70 mila euro spesi da Daccò ‘’nell’interesse’’ del Governatore in relazione ai Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione. E poi ancora cene, eventi e incontri in locali ‘a cinque stelle’ per alcune centinaia di migliaia di euro e in più 4 milioni di euro di ‘’sconto’’ sull’acquisto di una villa in Sardegna, del valore stimato di 7 milioni, comprata da Alberto Perego – che vive assieme a Formigoni e altri Memores Domini – per 3 milioni.

Come ‘contropartita’, ipotizzano i pm, il presidente lombardo avrebbe fatto approvare dalla sua Giunta una serie di delibere – una quindicina quelle nel mirino ed elencate nel capo di imputazione – che hanno concesso alla Maugeri rimborsi per funzioni non tariffabili, come le attività di ‘’riabilitazione altamente qualificata’’ e ritenute di eccellenza. Ora Formigoni, a meno che non decida di avvalersi della facoltà di non rispondere, dovrà presentarsi davanti ai magistrati per difendersi. L’appuntamento è per sabato prossimo, ma come lui stesso ha annunciato è probabile la richiesta di un rinvio. Istanza che verrà quasi certamente accolta.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora