La Pellegrini rinasce nei 200 stile libero

Pubblicato il 30 luglio 2012 da redazione

LONDRA – La fenice sul collo non l’ha tatuata per caso. Sa morire e rinascere nel giro di ventiquattro ore: lo ha fatto altre volte, ci riprova anche a Londra, perché a lei spesso è riuscito tutto. Anche i miracoli. Federica Pellegrini non si è lasciata inghiottire di nuovo dall’acqua, ha liberato la mente dal film in bianco e nero dei 400 stile che continuano a tormentarle la vita, ha respinto nell’angolo più nascosto i cattivi pensieri e nella sua gara, i 200, si è rimessa in corsa: finale, col quarto tempo, dopo aver bruciato tutte in batteria. Leggera, nonostante la stanchezza e quel groppo in gola che dopo il flop la faceva parlare quasi da ex.

“Mi si dovranno staccare anche le braccia – esordisce pensando alla gara in cui quattro anni fa a Pechino ha vinto il titolo olimpico -, sono in finale e ci giochiamo tutto lì: metterò ogni cosa, testa, tattica, cuore”.

Il suo talento che gli anni logorano ma non possono cancellare: è una medaglia alla sua portata, la più veloce in semifinale è l’australiana Bronte Barrat (1’56”08”), un oro nella staffetta 4X200 a Pechino, settimo posto nella gara che Miss Pellegrini vinceva senza storia per le altre. L’Aussie Baz non preoccupa, davanti all’azzurra ci sono però le rivali vere, l’americana Allison Schmitt (1’56”15) e la francese Camille Muffat, fresca olimpionica dei 400, (1’56”18).

La Pellegrini ha vinto la sua semifinale con 1’56”67, avesse avuto qualcuna a fianco che tirava di più sarebbe stata forse più veloce. Certo per vincere il titolo olimpico il crono dovrà essere un altro: un anno fa a Shanghai l’azzurra aveva bissato il titolo iridato di Roma con 1’55”58. E qui servirà essere anche più veloci, ammette lei stessa.

“Schmitt e Muffat sono quelle più forti, ma anche la Franklin si sarà risparmiata, visto che aveva un’altra gara – dice dell’altra americana, tornata in acqua dopo venti minuti per prendersi l’oro dei 100 dorso – di sicuro per vincere ci vuole 1’55” basso. Pensavo partissero tutte all’attacco – aggiunge ancora – ma la stanchezza si fa sentire e non mi sono stupita più di tanto”.
Ci prova Fede, a tornare super: lo vuole fare cambiando la marcia della sua testa, prima ancora che delle braccia. “Ero stanca, ho dormito poco, sveglia alle sei e subito in acqua – racconta la campionessa – ma ora avrò tempo per recuperare e poi cercheremo di divertirci il più possibile”.
Ecco, come era avvenuto altre volte, la smorfia di dolore si riapre al sorriso. “Nei 200 metto sempre qualcosa in più – aveva già detto dopo essere uscita da leader delle eliminatorie – le risposte cerco di darmele da sola, andando forte, dall’inizio alla fine”.
Quanto all’anno sabbatico annunciato e che dopo il tonfo sapeva di addio, ribadisce: “Ho bisogno di ricaricare le pile, non ho detto che nel 2013 non gareggerò, a livello internazionale farò solo le staffette. Avrei dovuto staccare già dopo i mondiali di Roma”.
Ma la “voglia di spaccare il mondo ce l’ho sempre – dice la campionessa – e ci metto la stessa cattiveria”. Quella che serve per non finire nel gorgo, per non cadere. “Delle critiche non mi interessa, sarà tutta un’altra gara – sottolinea – voglio giocarmi fino alla fine tutto quanto. Spero di poter tornare a sognare io”. Intanto ha messo la levetta su ‘turn off’ perché per provare a ritirarsi su non basta la bolla in cui diceva di essersi chiusa.
“Ho spento la zona del mio cervello che racconta le mie emozioni in acqua” sorride. Già, per un nuovo appuntamento con la storia della sua vita. Cuore, gambe e braccia fino a staccarsi perché la sua fenice non sia solo un tatoo sbiadito sul collo.

Ultima ora

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

Archivio Ultima ora