Siria, é tragedia umanitaria: oltre 2 milioni di sfollati

Pubblicato il 31 luglio 2012 da redazione

BEIRUT  – Una ”tragedia umanitaria”, trasmessa in diretta dai numerosi video amatoriali pubblicati quasi in tempo reale su Youtube, si sta consumando in Siria dove secondo le agenzie internazionali si contano ben due milioni di sfollati interni e almeno 130mila profughi fuggiti all’estero, giunti persino nella remota Algeria. Ad Aleppo prosegue per il quarto giorno consecutivo la battaglia tra ribelli e governativi – sono tornati in azione i caccia bombardieri di Damasco – e centinaia di civili, stando a quanto denunciato dall’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), cercano un disperato rifugio in scuole, moschee, residenze universitarie.

Chi è potuto scappare dalla prima città della Siria nel nord lo ha già fatto nei giorni scorsi e si stima che circa 200mila abitanti di Aleppo si siano rifugiati nelle campagne. Che però non sono certo sicure. Una situazione umanitaria definita ”drammatica” dal ministro degli esteri italiano Giulio Terzi. Ma violenze si registrano anche nei sobborghi di Damasco mentre la repressione del regime si è abbattuta ancora nella regione di Dayr az Zor, in quella di Homs e in quella di Raqqa. Il Centro di documentazione delle violazioni in Siria (Vdc) ha certificato finora l’uccisione di 23 persone, mentre la Rete per i diritti umani in Siria parla di 52 uccisi, senza però fornire – a differenza del Vdc – le generalità delle vittime.

Per il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr), è ”di oltre due milioni” la stima del numero di sfollati interni in Siria. Di questi, almeno 200mila, sono fuggiti nei giorni scorsi da Aleppo. Mentre l’Unhcr riferisce che in questa città tra le 250 alle 350 persone sono state trovate stipate all’interno di 32 scuole, mentre circa settemila civili hanno cercato rifugio nelle residenze universitarie. Anche la Mezzaluna rossa araba Siriana e altre associazioni ogni giorno registrano circa 300 famiglie di sfollati che hanno bisogno di assistenza immediata. Prosegue inoltre l’esodo dei siriani nei Paesi vicini: in tutto oltre 129.240 rifugiati sono stati registrati in Turchia, Giordania, Libano e Iraq. Ma il numero reale è più alto – affermano dall’Alto commissariato – perchè molti altri siriani sono fuggiti dal Paese, ma non sono registrati.

Ben 12mila siriani hanno cercato rifugio anche in Algeria, dove oggi è stato aperto un primo campo di accoglienza a ovest della capitale. Per tutto questo, secondo la commissaria europea per gli aiuti umanitari, Kristalina Georgeva, ”la Siria sta scivolando verso una tragedia umanitaria su grande scala” che ”ricorda” la ”ex-Jugoslavia”. L’alta rappresentante dell’Ue ha lanciato un appello al Consiglio di sicurezza dell’Onu perchè agisca quanto prima. Ma la comunità internazionale – e in particolare i cinque membri permanenti del Consiglio – rimangono divisi.

Sarà l’Assemblea generale che si riunirà a New York per votare una risoluzione, non vincolante ma non suscettibile di veti ed elaborata dai Paesi arabi, in cui si denuncia il crescente ricorso alle armi pesanti da parte del regime siriano, si condannano le continue e diffuse violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali dei cittadini da parte dei governativi e delle milizie lealiste e tutte le violenze, indipendentemente da chi le compia, inclusi gli attacchi terroristici.

Sul piano politico, si confermano le divisioni interne all’opposizione siriana, all’estero e in patria. Dal Cairo, Haytham al Maleh, avvocato per i diritti umani e vicino ad ambienti dell’Islam sunnita, ha annunciato di esser stato incaricato da un numero imprecisato di suoi colleghi di formare un ”governo transitorio” formato da esponenti ”non appartenenti a partiti politici” e per uno Stato ”civile, non teocratico né militare”.

– Dobbiamo evitare che ci sia un vuoto amministrativo e politico nelle regioni liberate – ha detto Maleh riferendosi alla regione di Aleppo. Una mossa considerata ”prematura” dal Consiglio nazionale siriano (Cns), sostenuto da Francia, Qatar e Turchia e dominato da una maggioranza di membri della Fratellanza musulmana.

Ultima ora

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

Archivio Ultima ora