Il grido di aiuto di un connazionale in Venezuela: “Non abbandonateci”

Pubblicato il 02 agosto 2012 da redazione

TREVISO – “Chi vi parla è una persona di 80 anni, con 56 anni di Venezuela, con tre figli e cinque nipoti. Sono preoccupato per la situazione in cui si continua a vivere in Venezuela, bisogna esserci dentro: vedere per credere. Qui si passano le giornate sempre con il cuore sospeso, allarmati che qualcosa di grave ci possa accadere. In giro c’è assoluta insicurezza: i dati ufficiali informano che nel 2011 sono stati 19.800 gli assassini, per strada o in casa, spesso abbattuti per un niente fatto solo di violenza gratuita. L’80% con arma da fuoco e con stessa percentuale dai 14 ai 35 anni”. È la vibrante lettera di un connazionale in Venezuela, indirizzata all’Associazione Trevisani nel Mondo, che nel corso della recente assemblea annuale ha votato all’unanimità un appello al governo italiano affinché intervenga in favore degli italiani, ormai costantemente in pericolo, nel Paese sudamericano.

“Viviamo sotto l’incubo costante di sequestri e rapine, alla sera nessuno esce di casa”, si legge nella testimonianza giunta a Treviso. “Siamo come in una trincea, con guardie private che non siano della polizia perché di loro non c’è da fidarsi. Sono come mercenari, spesso stanno dalla parte di chi li paga meglio”.

La maggior parte dei nostri connazionali in Venezuela, per difendersi, ha circondato le proprie case con mura sovrastate da “6 fili di circuito elettrico che ci protegge ulteriormente”, racconta l’uomo che ha scelto di mantenere, per la sua incolumità, l’anonimato. “Ma poi magari capita che, ad aspettarci fuori, non sia la città tranquilla e ridente di una volta, ma persone con le armi in pugno per sequestrarci, rubarci, rapinarci”.

Ma il pericolo non viene solo dai comuni delinquenti. “Qui”, denuncia la lettera, “si espropriano aziende agricole ed edifici come niente, dall’oggi al domani. Andiamo ai centri commerciali in gruppo per sentirci più sicuri, gli alunni li portiamo fin dentro alle aule. Io ne ho visto di guerre: è peggio di una guerra perché il nemico non si sà mai bene dove sia e può spuntare dappertutto”.

“Si potrebbe continuare per pagine intere, venite a vedere e vi farete un’idea”, invita l’uomo, che, a chi gli chiede se abbia mai pensato di tornare in Italia, risponde: “è una domanda che mi mette un groppo alla gola, perché vorrei anche farlo, ma ciò vorrebbe dire perdere tutto dei miei 56 anni di lavoro. Qui nessuno compra e quindi sarebbe come suicidarsi”.
Nella lettera il connazionale vuole “richiamare l’attenzione degli organi preposti, perché prendano atto della situazione in cui tanti conterranei vivono. Seriamente. Non è una novella questa, ma fatti reali che bruciano sulla nostra pelle”, è il grido di dolore di un uomo, un veneto, un italiano, che, partito da “niente”, ha portato “alta la bandiera” della propria terra, da “dove siamo partiti e di cui abbiamo sempre nostalgia. E sentirsi abbandonati, duole”.

  • Longo

    Questo articolo esporre, di maniera chiara, quanto accade in Venezuela. Gli Italiani chi abitono qui, possono confermare tutto. A differenza dei circoli bolivariani.

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora