Bersani stretto tra Idv e Sel Vendola: “Udc non è in casa nostra”

Pubblicato il 02 agosto 2012 da redazione

ROMA – Pier Luigi Bersani è categorico: ‘’Stavolta facciamo sul serio, non è accettabile una coalizione in cui si sta insieme insultandosi. Chi se la sente sta su, chi no, scende’’. Toni ultimativi che, però, devono fare i conti con la realpolitik che rende tutt’altro che lineare l’obiettivo del Pd di un patto progressisti e moderati.

Antonio Di Pietro sembra aver ormai scelto di scendere, Pier Ferdinando Casini aspetta il finale di partita per trarre il dado mentre Nichi Vendola entra nella partita, nonostante la pressione della base che chiede una ‘’grande sinistra’’ e non il centro-sinistra. Se Nichi Vendola sembra accusare gli attacchi dell’Idv, da Di Pietro a De Magistris, per la virata verso l’Udc, il segretario Pd, dopo aver lasciato fino all’ultimo una porta aperta all’ex pm nonostante le pressioni interne, sembra aver messo una pietra sopra.

– Con Di Pietro si è creato un problema serissimo e non l’abbiamo creato noi – è la constatazione del segretario Pd che ieri ha incontrato il Forum del Terzo Settore e punta ad ampliare la coalizione futura aprendo al massimo alla società civile, magari pensando, se la legge elettorale lo consente, ad una lista che mostri un’apertura che vada oltre i partiti. Ma è proprio dalla legge elettorale che molte cose nel puzzle delle alleanze si capiranno.

Nonostante Bersani insista sul premio alla coalizione, proprio per cementificare le intese, nel Pd c’è un’area abbastanza vasta che, con una moral suasion, sta cercando di convincere il segretario che il premio di maggioranza al partito consentirebbe al Pd di trattare da una posizione di forza con gli alleati e di piegare pretese sia da sinistra sia dal centro.

Non è un caso che sia contrario al premio al partito proprio Nichi Vendola.

– Non si può passare dal Porcellum al super Porcellum, un premio al singolo partito – ha commentato – è una camicia di forza che viene utilizzata a uso e consumo dei partiti più grandi.

Il governatore pugliese, oltre che mostrare un profilo autonomo dal Pd, ha l’esigenza di negare l’abbraccio mortale con l’Udc anche se ieri proprio Bersani ha riconosciuto che lui e Vendola hanno concordato che non saranno ‘’settari e non ci saranno veti’’.

– Con Bersani – spiega il leader di Sel in un videomessaggio agli elettori – abbiamo discusso della casa del centrosinistra, una casa in cui non c’è l’Udc, non c’è Casini.

Una precisazione, più che un niet a Casini, visto che nel progetto del Pd il patto con i centristi è un passaggio successivo alla creazione del centrosinistra. Centrosinistra che vede la sua consacrazione nelle primarie per il candidato premier. Oggi Vendola chiede ‘’subito regole e data’’ ed un altro candidato, Bruno Tabacci, invita Pier Ferdinando Casini, che non ci pensa proprio, a scendere nell’agone.

Bersani pensa di definire entro settembre le caratteristiche della competizione ma è vero che il segretario deve far fronte a resistenze interne da parte di varie aree che vedono nelle primarie più un rischio che un opportunità. Non solo e non tanto si teme, spiegano fonti democratiche, la vittoria, dagli esiti esplosivi per il Pd, di Vendola o Matteo Renzi, che in realtà ancora non è candidato, ma le conseguenze che la ‘conta’ avrebbe per gli equilibri interni, a partire dalla definizione delle liste elettorali.

Ultima ora

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

10:37Italia-Cina: Alfano a Pechino per il Comitato governativo

(ANSA) - PECHINO, 18 DIC - Il ministro degli Esteri Angelino Alfano è in Cina nell'ambito di una missione che prevede, tra le altre cose, la partecipazione all'Ottava sessione dei lavori del Comitato governativo congiunto Italia-Cina. Alfano, inoltre, ha in programma nel pomeriggio un incontro bilaterale con l'omologo Wang Yi e domani mattina un altro con il consigliere di Stato Yang Jiechi, a capo della diplomazia cinese. Il ministro, giunto a Pechino in piena notte, lascerà la Cina domani pomeriggio.

10:36Gerusalemme: dopo razzi Gaza, Israele colpisce Hamas

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - Dopo il lancio di razzi da Gaza di ieri sera nel sud di Israele, questa notte l'aviazione dello stato ebraico ha attaccato "sei obiettivi di Hamas nel nord della Striscia, compresi un campo di addestramento e infrastrutture del terrorismo". Lo ha riferito il portavoce militare, sottolineando che "Hamas è la sola responsabile per la situazione a Gaza. L'esercito - ha aggiunto - prende con la massima serietà il lancio dei razzi verso le comunità israeliane e non consentirà alcun danno ai cittadini di Israele".

Archivio Ultima ora