Capriles Radonski: “Nuestro compromiso es acabar con la inseguridad”

Pubblicato il 03 agosto 2012 da redazione

CARACAS – Henrique Capriles Radonski, candidato por la Mesa de la Unidad Democrática (MUD, estuvo ayer en el Estado Vargas, en la continuación de su campaña electoral. Ahí, al contestar a la preocupación de los habitantes de la entidad central, subrayó que su compromiso es “la lucha contra la delincuencia y la inseguridad”.

– Uno de mis compromisos fundamentales – dijo el aspirante a la silla de Miraflores – es erradicar la violencia que ha llegado a todos los pueblos de nuestra Venezuela.

El candidato aseguró que su preocupación será devolverle la tranquilidad a los pobladores de los pueblos del litoral varguense. Luego hizo referencia a la vialidad y a la educación.

– Para el Gobierno – comentó – es más importante lo que pasa en otro país que la carretera de Carayaca. Ofrecieron arreglar la carretera. Sin embargo, no lo hacen. Y cada vez cambian la fecha. Me tocará a mí como presidente hacerlo. Este gobierno no lo hizo y no lo va a hacer. Para el Gobierno es más importante lo que pasa en otro país que la carretera de Carayaca.

Y añadió:
– ¿Cómo nos van a hablar después de 14 años de paz, educación?. Allí está el resultado: no pudieron. ¿Què se hace cuando un Gobierno no puede tener fe a sus promesas? ¿Qué tiene que hacer el pueblo? Pues, fácil: elegir un nuevo gobierno.

No pudo faltar una referencia a su “gorra tricolor” y a la polémica que se ha desatado a propósito de los colores de la bandera. Capriles Radonsy aseguró que no está violando la normativa electoral.

– Ahora el problema para el Gobierno es la gorra que usa Capriles – dijo -. No les importa que el hospital no funcione.
El candidato de la coalición opositora invitó al ente electoral y al candidato oficialista, Hugo Chávez, a “ser serios”.
– Si el Gobierno ya no tiene nada que ofrecer, yo no tengo la culpa de eso – comentó subrayando que se encuentra recorriendo el país “tomando nota de los problemas del pueblo”.

– Hay otros que quieren ser presidente para ser líderes del mundo – afirmó -. En cambio, yo quiero ser presidente simplemente para solucionar los problemas de Venezuela. Los problemas de ustedes yo los asumo como mis problemas. De eso se trata el ejercicio del poder.

Capriles subrayó que el país necesita de todos, que “se necesita de todos para lograr que Venezuela progrese”.

Acusa Eekout: “El candidato de la derecha
propicia una invasión extranjera”
CARACAS Desde la sede del Consejo Nacional Electoral, la segunda vicepresidenta de la Asamblea Nacional, diputada Blanca Eekout, fustigó duramente al candidato de la oposición Henrique Capriles Radonski y lo acusó de asumir una estrategia victimizadora, para provocar conflictos, enfrenamientos, e inclusive, una posible invasión extranjera.

En tal sentido señaló que “desde ayer comenzamos a ver una cuña pasada de manera continuada y sistemática, donde el candidato de la derecha, que tiene el irrespeto y la mentira como parte de su discurso, usa los signos patrios como le da la gana”.

– Es un acto de deslegitimación del árbitro – denunció -, es un acto de subversión para deslegitimar y descalificar al árbitro, o para victimizarse. En fin, cantar fraude para llevarnos a una guerra, a una violencia. Ese candidato quiere llevar al país a una confrontación.

 

Ultima ora

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

Archivio Ultima ora