Droga, consumi in calo ma rischi per i giovani

Pubblicato il 06 agosto 2012 da redazione

ROMA – I consumi di droga in Italia continuano ad essere in calo anche se si riscontra una “lieve tendenza all’aumento” tra gli studenti per la cannabis, insieme ad altri comportamenti dei giovani (studenti 15-19 anni) che “meritano attenzione” come l’abuso di alcol o il gioco patologico. Nel nostro paese, comunque, si stima ci siano circa 2,3 milioni di consumatori di sostanze stupefacenti, occasionali e non nella fascia eta’ 15-64 anni (indagine condotta su un campione rappresentativo di 18 mila persone) e tra l’1,2 e il 3% di persone affette da Gioco d’Azzardo Patologico, cioè malati di una dipendenza comportamentale. Sono i dati che emergono dalla Relazione annuale al Parlamento 2012 (dati 2011 e primo semestre 2012) curata dal Dipartimento Politiche Antidroga, la cui delega è affidata al Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione, Andrea Riccardi.

– Per quanto concerne la lettura dei dati – ha spiegato Riccardi nella presentazione della Relazione – sono consapevole dei pericoli insiti nelle generalizzazioni. E’ vero che il dato sui consumi di sostanze stupefacenti indica che la tendenza alla contrazione, in atto ormai da alcuni anni, può ritenersi sostanzialmente confermata. E’ altrettanto vero, però, che questa tendenza, oltre a presentare, in generale, un’intensità minore rispetto a quella riscontrata nel 2010, si manifesta in modo differente in relazione al tipo di sostanza e alle diverse aree del territorio nazionale.

– STUDENTI E GIOVANI (15-19 ANNI) Per la cannabis, cita come esempio il ministro, si riscontra una “lieve tendenza all’aumento tra la popolazione studentesca; sempre tra i giovani, si assiste ad una ripresa dei consumi di stimolanti, mentre i consumi di cocaina e allucinogeni presentano un trend in diminuzione”.

– EROINA: Per l’eroina si nota, “in generale, una diminuzione dei consumi; tuttavia preoccupa la stabilità dell’assunzione di tale micidiale droga da parte degli studenti dell’Italia meridionale e insulare e della popolazione femminile. La contrazione dei consumi, inoltre, sembra essere accompagnata da un aumento della frequenza di assunzione tra gli studenti che hanno provato eroina negli ultimi trenta giorni. Analogo discorso si può fare per la cocaina, tenuto conto che in una parte della popolazione giovanile, 16-17enni, non si è potuto registrare alcun decremento”.

– CRITICITA’ PER I SERVIZI PER TOSSICODIPENDENZE : “l’età media dei nuovi utenti (di coloro cioé che per la prima volta si rivolgono ai servizi) è di 31,6 anni, con un incremento del periodo di tempo fuori trattamento – e dei rischi che ne conseguono – e un arrivo sempre più tardivo alle strutture socio-sanitarie”. Inoltre, “rispetto al 2010, si registra la chiusura di 26 strutture socio-riabilitative”.
Secondo il ministro, “si assiste ad una tendenza, ormai pluriennale, a non sottoporre gli utenti in trattamento presso i servizi per le tossicodipendenze (SERT) ai test per le principali patologie infettive correlate (AIDS ed epatiti B e C); si riscontra un bassissimo utilizzo della possibilità, prevista dalla legge, di affidamento in prova dei detenuti tossicodipendenti al servizio sociale, per proseguire o intraprendere attività terapeutica”.

– GIOCO D’AZZARDO: Altra allerta del ministro, la diffusione di “forme di dipendenza legate al gioco d’azzardo, anche tra la popolazione studentesca”. Secondo la Relazione Il fenomeno “non trova a tutt’oggi una adeguata rappresentazione epidemiologica per mancanza di sistemi e flussi di raccolta dati standardizzati e scientificamente orientati”. Oltre ai dati sulla percentuale di popolazione coinvolta (1,2/3%) la relazione evidenza che “il 7,5% della popolazione studentesca (15-19 anni) ha giocato in modo problematico nella vita; questo dato è maggiore per i maschi (9,4%) che per le femmine (5,8%)”. L’auspicio e’ di “tutelare, in particolar modo, i soggetti più deboli, come gli anziani e gli adolescenti, attraverso l’introduzione di una rigorosa disciplina sulla pubblicità e sulla conoscenza dell’alea connessa al singolo gioco”.

– ALCOL: “il consumo dell’alcol e gli episodi di ubriachezza tra gli studenti, anche se in flessione, meritano comunque particolare attenzione”.

– LEGALIZZAZIONE DELLE DROGHE LEGGERE: Riccardi non intende sottrarsi al “dibattito”: “L’argomento, per la sua estrema delicatezza e le sue molteplici e rilevantissime implicazioni, richiede di essere affrontato nelle competenti sedi istituzionali, con i tempi necessari ad un confronto ricco ed articolato che certo non può realizzarsi nel breve periodo di governo che mi è stato affidato”.

– LOTTA AL NARCOTRAFFICO E MONITORAGGIO WEB: “va mantenuta ed intensificata la lotta al traffico e allo spaccio soprattutto supportando le operazioni sul territorio, contrastando la coltivazione illegale di cannabis che ha avuto un incremento vertiginoso sul territorio nazionale con un aumento dei sequestri del 1.290%. Va inoltre ben monitorato – sottolinea Serpelloni – il fenomeno Internet e cioé lo spaccio online, non solo di sostanze stupefacenti ma anche di farmaci contraffatti che spesso vengono assunti contemporaneamente alle droghe”.

Serpelloni: “Monitorare internet
contro lo spaccio on-line”
ROMA – La situazione del consumo di droga che emerge dalla relazione del Dipartimento antidroga al Parlamento mostra che i ‘’consumi di sostanze stupefacenti sono generalmente in contrazione ormai da alcuni anni, seppure con variabilità diversificate, soprattutto per alcune sostanze di uso minoritario quali la ketamina e l’ecstasy’’.

Lo afferma Giovanni Serpelloni, capo dipartimento Politiche Antidroga nel report della relazione, che, tra l’altro, lancia l’allarme per le vendita on-line di sostanze stupefacenti.

– Va ben monitorato – sottolinea Serpelloni – il fenomeno Internet e cioè lo spaccio online, non solo di sostanze stupefacenti ma anche di farmaci contraffatti che spesso vengono assunti contemporaneamente alle droghe.

 

Ultima ora

17:10Giappone-Vietnam: Akihito, primo imperatore in visita Hanoi

(ANSA) - HANOI, 28 FEB - L'imperatore del Giappone Akihito e' da oggi a Hanoi per una "storica" visita che prevede incontri con le famiglie di soldati giapponesi rimasti nel paese del sud est asiatico dopo la fine della seconda guerra mondiale. Akihito, che ha 83 anni e che ha di recente annunciato l'intenzione di abdicare nel 2019, è il primo imperatore del Giappone a visitare il Vietnam. Ad accogliere all'aeroporto l'imperatore e la moglie Michiko e' stato il vice presidente Dang Thi Ngoc Thinh mentre domani l'imperatore incontrerà il presidente Tran Dai Quang. La visita e' l'ultima in una serie tesa ricucire ferite aperte nell'ultimo conflitto mondiale. "La speranza e' che questa visita contribuisca all'ulteriore sviluppo della comprensione reciproca e dell'amicizia tra i nostri Paesi", ha detto Akihito lasciando Tokyo.

17:07Francia: manifestazioni per Théo, ferita leggermente preside

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - La preside di un liceo parigino è stata ferita leggermente questa mattina mentre alcuni studenti tentavano di organizzare un picchetto davanti alla scuola nell'ambito delle manifestazioni in sostegno di Théo, il ragazzo di 22 anni che ha denunciato un'aggressione violenta con stupro da parte di 4 poliziotti durante un fermo. La polizia è intervenuta subito per impedire il picchetto e la tensione è salita. C'é stato un lancio di oggetti e uno di questi ha colpito la preside che si trovava davanti l'entrata del liceo. E' stato necessario qualche punto di sutura per la ferita comunque non seria. Il picchetto non è quindi stato attuato ma la situazione in alcune scuole di Parigi e della sua periferia resta tesa da giorni. Oggi l'entrata di una decina di licei era bloccata.

17:04Francia: inaugurata linea ad alta velocità Parigi-Bordeaux

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - Il presidente francese, Francois Hollande, inaugura oggi la nuova linea ferroviaria ad alta velocità Parigi-Tours-Bordeaux. Un cantiere gigantesco costato 8 miliardi di euro. "Questa prima inaugurazione della linea è un evento di estrema importanza", ha detto il presidente delle ferrovie francesi (Sncf), Guillaume Pépy, intervistato da France Info. La nuova linea aprirà al pubblico il 2 luglio prossimo e permetterà di raggiungere Bordeaux da Parigi in solo 2 ore (contro 3h30). "E' un vero cambio di geografia (...) E' come se il nostro Paese si fosse in qualche modo ristretto", aggiunge Pépy. La linea ad alta velocità per il sud-ovest consentirà, tra l'altro, di collegare Parigi e Tolosa in 4 ore e 9 minuti (contro le 5h25 attuali).

17:03Libano: media, scontri armati in campo profughi, vittime

(ANSAmed) - BEIRUT, 28 FEB - E' di almeno un morto e diversi feriti il bilancio di scontri armati tra fazioni rivali del più affollato campo profughi palestinese in Libano, secondo media libanesi. Altri media riferiscono di quattro feriti, tra cui un bambino, gravemente ferito alla testa. Gli scontri sono scoppiati oggi nell'agglomerato di Ayn al Hilwe, alla periferia di Sidone, 40 km a sud di Beirut, tra miliziani di Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, e un'insieme di sigle estremiste. Il campo di Ayn al Hilwe ospita oltre 80mila persone tra palestinesi, siriani e immigrati di varie nazionalità. In Libano sono registrati presso l'Onu 450mila palestinesi ma stime locali riferiscono di un numero più alto.

16:54Calcio: Spalletti, derby con Lazio vale triplo

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Il derby vale triplo: per la partita, per l'accesso in finale, per ciò che significa per i tifosi. Non so come ci arriviamo, ma sappiamo come possiamo uscirne, dipende da noi. E vogliamo uscirne bene, quindi vincere". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia della semifinale di andata di Coppa Italia contro la Lazio. "La Lazio è costruita bene, l'unico dubbio mi sembrava fosse l'allenatore (Inzaghi, ndr) ma in questo periodo ha dimostrato di non essere il rincalzo di nessuno, può ambire a squadre di questo livello. Abbiamo di fronte un avversario forte", aggiunge prima di sottolineare che "fra Roma e Lazio c'è meno differenza rispetto a Juve e Torino. Sarà più equilibrato come derby". "Si confronteranno due squadre ad armi pari. Noi abbiamo probabilmente degli obiettivi ugualmente importanti oltre a questa partita. Loro danno molto peso a questa causa, vediamo come gestiranno la tensione - conclude Spalletti - Il derby in notturna è un'occasione da cogliere".

16:52Calcio: Inzaghi, ho un gruppo forte e compatto

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Ho molto rispetto per la Roma, il suo tecnico e il gran gioco che fa; sono favoriti, ma io ho grandissima fiducia in me stesso, nel mio staff e soprattutto nei miei giocatori: ho un gruppo forte e compatto, non siamo in semifinale e a 50 punti in campionato per caso". Così l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi, alla vigilia della semifinale d'andata di Coppa Italia. "Dovremo cercare di fare la nostra partita - continua Inzaghi - sapendo che stavolta bisognerà ragionare sui 180'. Nainggolan? Sta facendo cose straordinarie, ma sarebbe sbagliato pensare solo a lui. L'unica cosa che chiedo ai miei è l'approccio: in una partita del genere non si può sbagliare". Finora, sono stati venduti poco più di 20mila tagliandi. "Dispiace - ammette Inzaghi - ma se penso che alla mia prima partita lo scorso anno, in casa con l'Empoli, c'erano 10mila spettatori e poi nel derby di campionato 40mila, è stato un grande passo. Con i tifosi ci sentiamo una cosa sola, domani giochiamo in casa e vogliamo che ci siano vicini".

16:50Mose: Corte Conti, a Cuccioletta multa da 2,7 mln euro

(ANSA) - VENEZIA, 28 FEB - L'ex presidente del Magistrato alle acque di Venezia Patrizio Cuccioletta è stato condannato, dalla Corte dei conti del Veneto, nell'ambito della vicenda Mose, a pagare 2.736.588 euro di multa per d'anno d'immagine e da disservizio. La sentenza è stata emessa oggi dal collegio presieduto dal Giudice contabile Guido Carlino e segue l'analogo provvedimento da 5,8 mln di ieri a carico dell'ex presidente del Veneto Giancarlo Galan. Cuccioletta dovrà pagare la cifra, secondo la sentenza, al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture mentre dovrà pagare allo Stato poco meno di altri 5mila euro per le spese processuali. Cuccioletta davanti al Tribunale aveva scelto di patteggiare, il 17 ottobre 2014 davanti al Gup di Venezia Giuliana Galasso con il benestare della Procura veneziana, una pena di due anni e una multa di 700mila euro. Il provvedimento è stato emesso nell'ambito dell'inchiesta per lo scandalo dei fondi del Mose.

Archivio Ultima ora