Attacco Sinai: cellule Gaza complici, imbarazzo Hamas

Pubblicato il 06 agosto 2012 da redazione

GAZA – Il violento blitz dei jihadisti del Sinai – che hanno preso d’assalto una caserma egiziana, vi hanno fatto strage, si sono impossessati di due blindati e immediatamente si sono lanciati all’assalto di un vicino valico israeliano – sembra aver colto totalmente di sorpresa Hamas. Una sorpresa che si colora d’imbarazzo nei confronti delle autorità del Cairo (e della leadership ‘amica’ dei Fratelli Musulmani), per il denunciato coinvolgimento nell’attacco di cellule palestinesi della Striscia di Gaza.

L’episodio, risoltosi in un bagno di sangue, ha già provocato conseguenze, con la chiusura a tempo indeterminato da parte dell’Egitto del valico di Rafah, fra il Sinai e la Striscia. E rischia di spegnere sul nascere gli entusiasmi suscitati a Gaza dall’ascesa al potere in riva al Nilo dei Fratelli Musulmani (punto di riferimento politico-ideologico per Hamas). Ancora poche settimane fa, con l’insediamento di Mohammed Morsi alla carica di presidente dell’Egitto, la popolazione di Gaza era scesa in piazza per festeggiare l’evento: per ore raffiche di arma automatica erano state sparate verso il cielo in segno di gioia. Ieri invece, dopo la uccisione di 16 agenti egiziani, Morsi non ha esitato a puntare il dito accusatore proprio all’indirizzo dei dirigenti di Gaza. Questi ultimi hanno fatto a gara nel denunciare l’attacco, nell’esprimere cordoglio ai congiunti delle vittime e nel promettere che i complici dell’eccidio eventualmente scoperti all’interno della Striscia riceveranno punizioni esemplari.

– Quello di ieri è stato un crimine odioso – ha esclamato fra gli altri Ahmed Bahar, vicepresidente del Consiglio legislativo palestinese e uomo di spicco di Hamas -. Apriremo immediatamente un’inchiesta.

Da parte sua, il ‘ministero degli interni’ di Hamas ha proclamato lo stato d’allerta e ha provveduto a chiudere i tunnel di contrabbando scavati sotto il confine con l’Egitto: con una mossa che da un lato mira ad impedire ai jihadisti la libertà di movimento fra la Striscia e il Sinai, ma dall’altro colpisce l’ingresso di merci necessarie alla popolazione. Animato da una ideologia che coniuga il radicalismo religioso con la lotta armata, in anni passati il braccio armato di Hamas aveva trovato spazio di cooperazione con i gruppi della galassia iper-integralista che s’ispira alle parole d’ordine di Al Qaida: in particolare li aveva spronati ad attaccare Israele per ostacolare il processo di pace e mettere in difficoltà il pragmatico presidente dell’Anp Abu Mazen. Ma dal 2007, quando Hamas ha conquistato il potere a Gaza, la sua logica è mutata al punto da prendere di petto due anni fa – armi alla mano – una formazione jihadista-salafita, guidata dallo sceicco Abdel Latif Mussa. Sul terreno caddero allora 23 combattenti islamici ultrà (incluso il capo religioso) e 150 rimasero feriti.

In tempi recenti la leadership di Gaza ha per altro verso continuato a beneficiare della latitanza di potere nel Sinai: divenuto agli occhi d’Israele una zona franca per terroristi e trafficanti di ogni risma sull’onda del caos seguito alla caduta di Hosni Mubarak in Egitto; ma funzionale agli interessi di Hamas sul fronte del contrabbando di merci e di armi.

Anche su questo punto la prospettiva è tuttavia cambiata con l’arrivo al potere al Cairo di Morsi: una svolta che Hamas giudica “di portata storica” e che imporrebbe adesso come priorità assoluta il mantenimento di relazioni di reciproca fiducia col presidente dell’Egitto. Di qui l’imbarazzo per i fatti dell’altro giorno; e l’obbligo di provare a mettere quanto prima una sordina alla guerra per bande lungo il confine.

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora