Siria, fuggito il premier: ”Genocidio, mi unisco alla rivolta”

Pubblicato il 06 agosto 2012 da redazione

BEIRUT – Defezione e fuga in Giordania per il primo ministro siriano Riad Hijab. L’ex premier ha fatto sapere di aver voltato le spalle al regime di Damasco in segno di protesta contro il ‘’genocidio’’ in corso in Siria. Secondo quanto sostiene al-Jazeera, non solo l’ex primo ministro Hijab e, forse, altri membri del governo (tre ministri secondo l’emittente satellitare al-Arabiya), ma anche un gran numero di ufficiali dell’intelligence siriana avrebbe voltato le spalle ad Assad. Per il ministro degli esteri italiano Giulio Terzi la diserzione di Hijab dimostra ‘’il progressivo isolamento’’ del presidente Bashar al Assad, mentre per gli Stati Uniti il rais di Damasco sta ‘’allentando la presa sul potere’’.

‘’Annuncio la mia defezione dal regime per le uccisioni e il terrore, e mi unisco alle fila della rivolta’’, ha scritto Hijab in un comunicato letto da Amman alla tv satellitare al-Jazeera da Mohammed al-Otri, che si definisce portavoce di Hijab.

La defezione organizzata in collaborazione con i ribelli dell’Esercito libero siriano, ha proseguito, arriva in un momento in cui la ‘’Siria sta vivendo il suo periodo più difficile, con crimini di guerra, genocidi, omicidi barbari e massacri contro cittadini disarmati’’. Otri ha quindi precisato che l’ex premier si trova in un ‘’posto sicuro’’ in Giordania con la sua famiglia. Dopo la decisione di Hijab che avrà ‘’gravi ripercussioni sul regime’’, ha concluso, qualsiasi altro funzionario siriano ‘’non ha più scuse per rimanere fedele al regime’’.

Le defezioni di altri ministri sono smentite dal governo di Damasco che secondo il ministro dell’Informazione siriano, Omran Zoabi, nel pomeriggio avrebbe tenuto una breve riunione, a cui hanno preso parte ‘’tutti i ministri’’.

– Non c’è nulla di vero in quello che è stato detto riguardo alcuni ministri – ha affermato -, la crisi si sta evolvendo in senso positivo, verso una soluzione, con tutte le implicazioni del caso. Il Paese sta bene e non c’è motivo che desti preoccupazione.

La tv di Stato siriana ha mostrato immagini della riunione. Ieri erano circolate voci sulle dimissioni del ministro delle Finanze, da lui stesso immediatamente smentite alla tv di Stato, di quello del Petrolio e di quello per gli Affari religiosi. L’agenzia di stampa ufficiale siriana Sana ha inoltre precisato che alla riunione era presente anche il ministro della Sanità Wael Nader al-Halqi.

Intanto, non si ferma la violenza nel Paese. È di almeno 155 morti il bilancio dell’ennesima giornata di sangue, secondo gli attivisti della Lega siriana per i diritti umani. In giornata, inoltre, i ribelli dell’Esercito siriano libero hanno dato notizia della morte di tre dei 48 pellegrini iraniani rapiti la scorsa settimana a Damasco a causa di ‘’un bombardamento indiscriminato del regime’’. Gli insorti hanno minacciato di uccidere gli altri ostaggi se il regime di Assad, sostenuto da Teheran, non metterà fine ai suoi attacchi.

E’ di tre feriti il bilancio provvisorio dell’esplosione che ieri mattina ha devastato il terzo piano dell’edificio che a Damasco ospita la sede della televisione e della radio di Stato. La tv ha mandato in onda in diretta le immagini del luogo dove si è verificata l’esplosione, con cumuli di macerie e muri crollati. E’ un ‘’attacco codardo compiuto da terroristi che agiscono per destabilizzare la Siria’’, ha affermato il ministro dell’Informazione siriano Omran al-Zuabi.

Da tre giorni il regime annuncia di esser pronto a sferrare la ‘’controffensiva finale’’ contro i ribelli dell’Esercito libero (Esl) asserragliati ad Aleppo, eppure non è ancora iniziata la ‘’battaglia campale’’ a cui dovrebbero partecipare ‘’20mila uomini’’ e ‘’centinaia di blindati e carri armati’’. I governativi si sono limitati a bombardare a tappeto alcuni quartieri di Aleppo senza però sfondare nessuna linea del fronte. Come invece testimoniano giornalisti stranieri sul terreno e video amatoriali diffusi dalla Brigata Tawhid dell’Esl, i miliziani – che dicono di essere almeno 7.000 – hanno preso ieri altri due posti di blocco distruggendo un paio di carri armati, e assicurano che ‘’a breve’’ conquisteranno la sede locale della tv di Stato.

Ultima ora

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

22:03Calcio: Andreazzoli nuovo allenatore dell’Empoli

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 17 DIC - Aurelio Andreazzoli è il nuovo tecnico dell'Empoli. Dopo l'esonero quasi a sorpresa di Vincenzo Vivarini la società ha affidato la guida della prima squadra all'ex allenatore della Roma, a riposo da questa estate dopo aver lavorato come collaboratore di Luciano Spalletti. Andreazzoli sarà presentato domani e sarà coadiuvato dall'allenatore in seconda Giacomo Lazzini, ex centrocampista dell'Empoli nella stagione 1992-93. Andreazzoli ha firmato un contratto fino al 30 giugno, con opzione in caso di promozione in serie A. Andreazzoli torna a guidare una prima squadra dopo la stagione 2012-2013 quando in seguito all'esonero di Zeman, gli venne affidata la panchina della Roma, con cui perse la finale-derby di Coppa Italia contro la Lazio e dove rimase fino al termine della stagione per poi tornare al ruolo di collaboratore, prima con Rudi Garcia poi, di nuovo, con Luciano Spalletti. Dalla scorsa estate aveva deciso di rimanere a riposo. Ora la chiamata del presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi.

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

Archivio Ultima ora