PENA DI MORTE: Texas, iniezione letale per un minorato di mente

Pubblicato il 08 agosto 2012 da redazione

NEW YORK – Un ritardato mentale di 54 anni è stato messo a morte la notte scorsa nel carcere di Hunsville, in Texas. Marvin Wilson, un afroamericano condannato alla pena capitale per omicidio nel 1994, aveva 61 di quoziente intellettivo (QI), ben al disotto del limite di 70 normalmente considerato in diversi stati Usa come soglia minima per poter finire davanti al boia, ma questo non è stato sufficiente per salvargli la vita.

Nelle settimane e nei giorni scorsi, molte associazioni per la difesa dei diritti umani avevano lanciato appelli in suo favore, sottolineando anche che nel 2002 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha sentenziato che “le persone con ritardi mentali dovrebbero essere categoricamente escluse dalle esecuzioni”. Allo stesso tempo, l’alta Corte ha però di fatto lasciato spazio agli stati nel giudicare i parametri per stabilire se un condannato abbia o meno ritardi tali da evitargli la pena capitale; e ieri ha respinto un ultimo ricorso presentato dagli avvocati in suo favore. E a tal proposito, la Corte d’appello del Texas aveva peraltro risposto tirando in ballo in un parere ufficiale il personaggio ‘Lennie’ del romanzo del 1937 di John Steinbeck ‘Uomini e topi’, suscitando l’indignazione del figlio del celebre scrittore premio Nobel.

– Prima del caso di Wilson non avevo idea che uno Stato come il Texas si rifacesse a un personaggio creato da mio padre – ha detto, aggiungendo di trovare la cosa ‘’insultante, oltraggiosa, ridicola e profondamente tragica’’. Frattanto, respingendo la perizia psichica che aveva stabilito a 61 il Qi di Wilson come inattendibile, i procuratori del Texas ne hanno presentate altre in cui aveva raggiunto 70, e al condannato è stata ieri praticata un’iniezione letale. Ma secondo molti, Wilson aveva l’intelligenza di un bambino.

Era cresciuto in povertà, facendo fatica a compiere gesti semplici come allacciarsi le scarpe o contare il denaro. Ha frequentato scuole speciali dove ha ottenuto risultati mediocri. Da adulto ha iniziato a mantenersi facendo qualche lavoretto manuale e ha avuto un figlio con una convivente.

– Non riuscivo a credere che anche dopo la nascita del figlio continuava a succhiarsi il pollice – ha raccontato sua sorella Kim.

Marvin Wilson è stato condannato a morte per l’omicidio di un informatore della polizia, Jerry Williams, che pochi giorni prima lo aveva denunciato come spacciatore. Lui non ha mai negato di aver venduto droga, ma si è sempre detto innocente dell’omicidio, per cui anche un altro uomo, Terry Lewis, è stato condannato all’ergastolo. Al processo, la moglie di Lewis ha testimoniato che Wilson le ha confidato di essere stato lui a premere il grilletto della pistola che ha ucciso Williams, una circostanza che però non è stata sostanziata da prove forensi o testimoni oculari.

– Capisco che arrivo qui come peccatore e ne esco come santo – sono state le sue ultime parole nella stanza della morte, in cui ha anche invocato:
– Dio, Gesù, portatemi a casa.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora