PENA DI MORTE: Texas, iniezione letale per un minorato di mente

Pubblicato il 08 agosto 2012 da redazione

NEW YORK – Un ritardato mentale di 54 anni è stato messo a morte la notte scorsa nel carcere di Hunsville, in Texas. Marvin Wilson, un afroamericano condannato alla pena capitale per omicidio nel 1994, aveva 61 di quoziente intellettivo (QI), ben al disotto del limite di 70 normalmente considerato in diversi stati Usa come soglia minima per poter finire davanti al boia, ma questo non è stato sufficiente per salvargli la vita.

Nelle settimane e nei giorni scorsi, molte associazioni per la difesa dei diritti umani avevano lanciato appelli in suo favore, sottolineando anche che nel 2002 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha sentenziato che “le persone con ritardi mentali dovrebbero essere categoricamente escluse dalle esecuzioni”. Allo stesso tempo, l’alta Corte ha però di fatto lasciato spazio agli stati nel giudicare i parametri per stabilire se un condannato abbia o meno ritardi tali da evitargli la pena capitale; e ieri ha respinto un ultimo ricorso presentato dagli avvocati in suo favore. E a tal proposito, la Corte d’appello del Texas aveva peraltro risposto tirando in ballo in un parere ufficiale il personaggio ‘Lennie’ del romanzo del 1937 di John Steinbeck ‘Uomini e topi’, suscitando l’indignazione del figlio del celebre scrittore premio Nobel.

– Prima del caso di Wilson non avevo idea che uno Stato come il Texas si rifacesse a un personaggio creato da mio padre – ha detto, aggiungendo di trovare la cosa ‘’insultante, oltraggiosa, ridicola e profondamente tragica’’. Frattanto, respingendo la perizia psichica che aveva stabilito a 61 il Qi di Wilson come inattendibile, i procuratori del Texas ne hanno presentate altre in cui aveva raggiunto 70, e al condannato è stata ieri praticata un’iniezione letale. Ma secondo molti, Wilson aveva l’intelligenza di un bambino.

Era cresciuto in povertà, facendo fatica a compiere gesti semplici come allacciarsi le scarpe o contare il denaro. Ha frequentato scuole speciali dove ha ottenuto risultati mediocri. Da adulto ha iniziato a mantenersi facendo qualche lavoretto manuale e ha avuto un figlio con una convivente.

– Non riuscivo a credere che anche dopo la nascita del figlio continuava a succhiarsi il pollice – ha raccontato sua sorella Kim.

Marvin Wilson è stato condannato a morte per l’omicidio di un informatore della polizia, Jerry Williams, che pochi giorni prima lo aveva denunciato come spacciatore. Lui non ha mai negato di aver venduto droga, ma si è sempre detto innocente dell’omicidio, per cui anche un altro uomo, Terry Lewis, è stato condannato all’ergastolo. Al processo, la moglie di Lewis ha testimoniato che Wilson le ha confidato di essere stato lui a premere il grilletto della pistola che ha ucciso Williams, una circostanza che però non è stata sostanziata da prove forensi o testimoni oculari.

– Capisco che arrivo qui come peccatore e ne esco come santo – sono state le sue ultime parole nella stanza della morte, in cui ha anche invocato:
– Dio, Gesù, portatemi a casa.

Ultima ora

00:36Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della prima giornata del campionato di serie A di basket: GrissinBon Reggio E. - Sidigas Avellino 89-86 Red October Cantù - Banco Sardegna Sassari 102-96 Fiat Torino - Happy Casa Brindisi 68-82 Segafredo Bologna - Dolomiti Trentino 82-75 Umana Venezia - Openjobmetis Varese 63-75 Germani Brescia - VL Pesaro 88-70 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d'Orlando 91-69 EA7 Armani Milano - Vanoli Cremona domani - Classifica: Brescia e Avellino 24; Milano e Venezia 22; Torino 20; Bologna e Cantù 18; Cremona e Sassari 16; Trentino 14; Reggio Emilia 12; Pistoia, Varese, Brindisi e Capo d'Orlando 10; Pesaro 8.

23:24Cav, Renzi ha chiuso con comunismo ma Pd rimasto senza anima

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Renzi ora è accusato di aver portato il Pd al 21% per il suo cattivo carattere, ma ha un merito: ha chiuso con la tradizione comunista del suo partito, ma non ha dato un'anima al Pd che ormai è una scatola vuota che si riempie solo con aspirazioni di potere". Lo afferma Silvio Berlusconi a "Non è l'Arena" su La7 parlando di Renzi.

23:19Shutdown: Statua Libertà e Ellis Island aperte,paga New York

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - La Statua della Liberta' e Ellis Island a New York saranno aperte domani ai visitatori, anche se lo shutdown dell'amministrazione federale Usa dovesse proseguire. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Sara' infatti l'autorità statale a sostenere le spese necessarie per l'apertura dei siti compreso il salario dei dipendenti federali che vi lavorano. I due 'monumenti' - come gli altri nel Paese gestiti dalle autorità federali - sono rimasti chiusi a partire dalla mezzanotte di sabato quando è scattato lo shutdown. Cuomo ha spiegato che i siti sono vitali per l'industria del turismo. Da ciò la decisione di farsi carico della spesa per tenerli aperti, 65mila dollari al giorno, cifra inferiore rispetto alle entrate. La stessa decisione fu presa in occasione dello shutdown nel 2013 durante l'amministrazione Obama.

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

22:40M5S: da Di Maio a Fico, i “big” capilista a plurinominali

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - I "big" del M55, stando alle liste dei vincitori delle parlamentarie, risultano tutti capolista ai plurinominali. Probabile - anche se c'è da considerare il fattore quote rosa - che gli esponenti siano stati anche i più votati. Primi nei loro collegi, infatti, risultano il leader M5S Luigi Di Maio, Roberto Fico, Paola Taverna, Carla Ruocco, Manlio Di Stefano, Danilo Toninelli. Primi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, esponenti molto vicini a Di Maio, e Carlo Sibilia in Campania.

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

Archivio Ultima ora