LA STORIA: Incomprensione linguistica causò la tragedia

Pubblicato il 08 agosto 2012 da redazione

PESCARA – Fu un’incomprensione linguistica a causare l’esecuzione errata di una manovra da parte di un operaio italiano che non parlava bene il francese, e che l’8 agosto del 1956 determinò la tragedia di Marcinelle, nella quale morirono, 262 minatori di 12 nazionalità diverse. Fra i 136 italiani vi erano 61 minatori abruzzesi – provenienti in gran parte da Manoppello, San Valentino, Lettomanoppello e altri piccoli centri limitrofi – e sette molisani.

La tragedia di Marcinelle, il peggiore disastro mai accaduto nelle miniere belghe, fu considerata anche il frutto di un accordo, detto ‘’Uomo-carbone’’, con cui l’Italia si era impegnata nel 1946 a spingere in Belgio mille minatori a settimana ricevendo in cambio 200 chili di carbone al giorno per ogni emigrato. Italiani che, secondo lo stesso accordo, dovevano avere ‘’un’età ancor giovane (35 anni al massimo) e un buono stato di salute’’; per loro, un contratto di 12 mesi.

Ieri, 56 anni dopo, quella tragedia è stata ricordata dalle massime autorità dello Stato. Per il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, quel ‘’dramma è di stimolo alla incessante ricerca di condizioni di lavoro sicure e dignitose per tutti. Si tratta di un obiettivo che nemmeno oggi può dirsi raggiunto e che deve continuare a impegnare le autorità italiane ed europee’’.

Il presidente del Senato, Renato Schifani, la definiscce ‘’l’emblema di una generazione che, spinta ad emigrare alla ricerca di un futuro migliore, si è trovata spesso a confrontarsi con condizioni difficili di vita e di lavoro’’, mentre per quello della Camera, Gianfranco Fini, ‘’deve costituire per tutti un forte monito a tutelare sempre e in ogni circostanza la vita, la salute e la dignità dei lavoratori’’.

Erano le 08:10 dell’8 agosto 1956 quando una nuvola di fumo nero si levò dalla miniera ‘’Bois du Cazier’’ a Marcinelle. Un pozzo era in fiamme a 975 metri di profondità. A provocarlo era stato un incidente tutto sommato piccolo: un operaio chiamò per sbaglio l’ascensore proprio mentre ne stava uscendo un vagoncino che, incastratosi, tranciò un tubo per il petrolio e i cavi della corrente elettrica, ad esso troppo vicini. L’incendio che ne seguì determinò la morte di 262 minatori.

Il Tribunale d’ inchiesta sulla strage assolse i proprietari della miniera che avevano creato le premesse della tragedia con una sistemazione così precaria delle attrezzature. Unico responsabile fu ritenuto l’ addetto alla manovra del montacarichi, l’italiano Antonio Ianetta, 27 anni. Nonostante capisse poco il francese, l’uomo fu addetto a quelle mansioni, che implicavano un coordinamento di movimenti tra chi caricava i vagoncini in fondo al pozzo e chi doveva tirar su l’ ascensore. E l’origine della manovra sbagliata pare sia stato proprio un errore di comprensione della lingua. Ma
al processo, nel maggio 1959, Ianetta non ci sarà. Poco dopo la tragedia, fu fatto partire in tutta fretta per il Canada.

Quella mattina erano scesi in 274 nel pozzo del Bois du Cazier. Il turno 6-14, il primo. Quando divampò l’incendio i minatori erano al lavoro da due ore. Sei di loro, che si trovavano più vicini all’ascensore, riuscirono a salirci e a farsi tirare su. Poi le fiamme bloccarono il meccanismo. Altri sei minatori furono salvati dalle squadre di salvataggio. Dei 18 uomini della squadra di salvataggio, solo due sono ancora vivi: Silvio Di Luzio, abruzzese, e Redento (Rene’) Novelli, friulano.

L’incendio non aveva toccato chi lavorava ai livelli più bassi della miniera e per giorni si sperò di poterli trovare ancora vivi. La speranza crebbe quando si trovò una scritta su un pezzo di legno: ‘’Fuggiamo verso la nuova galleria’’. Quando li raggiunsero, però, li trovarono tutti morti.

L’11 agosto, tre giorni dopo, i soccorritori riuscirono ad estrarre dalla miniera i primi due corpi a quota – 835 metri. Ma solo dopo undici giorni le salme degli altri 260 minatori vennero restituite alle vedove e agli orfani. La miniera fu chiusa solo nel 1967.

Ultima ora

09:48Mafia: Scu e omicidio, 50 arresti in Puglia

(ANSA) - BRINDISI, 20 SET - Un'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 50 persone viene eseguita dai carabinieri di Brindisi: si tratta di una inchiesta nell'ambito della quale vengono contestate a vario titolo accuse di associazione mafiosa per la partecipazione alla organizzazione Sacra Corona Unita, concorso in omicidio, con l'aggravante del metodo mafioso, droga e armi. Le indagini sono state condotte dalla Direzione distrettuale antimafia di Lecce. Gli arresti vengono eseguiti nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto. Si tratta - a quanto si è saputo - del seguito di una operazione nell'ambito della quale nello scorso mese di dicembre, per un vizio di forma, vi furono alcune scarcerazioni. Tra i capi d'accusa anche l'omicidio, a San Donaci (Brindisi), di Antonio Presta, il figlio di un collaboratore di giustizia.

09:39Tennis: Serena Williams,mia madre insegnato forza donna nera

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - Serena Williams ringrazia la madre per averle insegnato la forza di essere una donna nera. In una lettera pubblicata su Reddit, la campionessa di tennis ricorda di essere stata definita un ''uomo per la sua apparenza. E' stato detto che ho usato droghe, che non appartengo allo sport femminile ma a quello maschile''. ''Non so come sei riuscita a non prendertela con coloro che sono stati troppo ignoranti per capire il potere di una donna nera. Sono orgogliosa di aver mostrato loro che non tutte le donne sono uguali'', mette in evidenza Williams, che ha da poco avuto la sua prima figlia.

09:09Attentato Londra, terzo arresto

(ANSA) - LONDRA, 19 SET - La polizia britannica ha arrestato un terzo sospetto in connessione all'attentato alla stazione di metropolitana di Parsons Green a Londra. L'uomo, 25 anni, scrive il Guardian online, è stato arrestato dall'antiterrorismo londinese e le polizie locali a Newport, nel Galles del sud.

09:04Brexit, May lavora a offerta da 20 miliardi

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Theresa May lavora alla sua offerta all'Unione Europea per la Brexit. E sarebbe pronta a mettere sul piatto 20 miliardi di euro, in quello che è il primo tentativo di Londra di andare incontro alle richieste europee. Lo riporta il Financial Times citando alcune fonti, secondo le quali May presenterà la sua offerta venerdì. La speranza del primo ministro è quella di spezzare l'impasse sulle trattative, facendole così progredire fino a entrare nella seconda fase con oggetto i futuri rapporti commerciali fra l'Ue e la Gran Bretagna.

08:57Messico: i morti sono almeno 248, la metà nella capitale

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il coordinatore nazionale della Protezione civile messicana ha rivisto al rialzo il bilancio dei morti provocati finora dal terremoto in Messico rispetto alla stima fatta pochi minuti fa dal ministero dell'Interno. Secondo quanto ha reso noto in un tweet Luis Felipe Puente, le vittime accertate del sisma sono 248, di cui circa la metà nella capitale: 72 nello Stato di Morelos, 117 a Città del Messico, 43 nello Stato di Puebla, 12 nello stato del Messico, 3 in quello di Guerrero e uno in quello di Oaxaca.

06:56Messico: terremoto, 20 i bimbi morti in crollo scuola

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - Sono 20 i bambini e due gli adulti morti nel crollo della scuola a Città del Messico per il terremoto di ieri. A riferirlo è stato il presidente messicano Enrique Pena Nieto, che nella notte ha visitato il collegio 'Enrique Rebasamen' della capitale. "Sfortunatamente sono morti dei bambini. Sono stati trovati 22 corpi", due dei quali di "adulti", ha detto il presidente, ricordando d'altra parte che ci sono 30 bambini e otto adulti "dispersi".

05:34Messico, almeno 150 le vittime del terremoto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di circa 150 morti il bilancio del violento terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito ieri il centro del Messico. Otto bambini e la loro maestra sono rimasti vittime del crollo di una scuola nella capitale. Altri 14 bimbi sono stati tratti in salvo. Sotto le macerie della 'Enrique Rebsamen' ci sono ancora almeno due bambini. nello stato di Morelos hanno perso la vita 55 persone, 49 a Città del Messico, 32 a Puebla, 10 nello stato del Messico e tre in quello di Guerrero.

Archivio Ultima ora