Iran, venti di guerra da Israele

Pubblicato il 10 agosto 2012 da redazione

TEL AVIV  – In un bellissimo week-end estivo, fra spiagge affollate di bagnanti e caffè stracolmi di avventori, il popolare tabloid Yediot Ahronot ha raggelato oggi gli animi degli israeliani annunciando sull’intera prima pagina che, ”se dipendesse solo da loro, il premier Benyamin Netanyahu e il ministro della difesa Ehud Barak ordinerebbero un attacco alle infrastrutture nucleari in Iran già questo autunno. Prima anche delle elezioni presidenziali di novembre negli Usa”. Non è detto che ciò necessariamente avvenga perchè i responsabili militari e d’intelligence del Paese, e con loro il capo dello Stato Shimon Peres, continuano a opporsi -secondo le informazioni in possesso del giornale- a un’azione israeliana non concordata con un alleato vitale come gli Stati Uniti. Ma la partita resta aperta e il tam tam d’un ipotetico sbocco armato del braccio di ferro con Teheran non cessa di rullare.

Nel Paese il dibattito si accalora. Gli oppositori del blitz escono allo scoperto: con un appello sul web (destinato a raggiungere i piloti militari, affincè si rifiutino di partire in missione) e con un appassionato appello di figure come lo storico della Shoah Yehuda Bauer, gli scrittori Sami Michael e Yoram Kenyuk, la cantante Noa e l’attivista Yael Dayan, figlia del leggendario generale e uomo di governo Moshe Dayan. Un attacco in Iran -avvertono costoro- sarebbe ”un azzardo indecente”. Sull’ordine di un eventuale blitz ”sventola una bandiera nera” d’illegalità, aggiungono. Anche perchè, senza il sostegno degli Usa, Israele potrebbe al massimo ritardare di un anno i progetti nucleari di Teheran. Netanyahu – accusano – s’illude ancora di poter trascinare Washington scommettendo sul fatto compiuto. Ma in realtà -concludono- rischia di arrecare un danno irreparabile alla cooperazione strategica fra i due Paesi. E all’indomani il futuro d’Israele sarebbe molto incerto.

Secondo Yediot Ahronot, di recente Barak ha dovuto ascoltare pareri simili quando ha chiesto il sostegno dei generali dello Stato maggiore. Essi, a quanto pare, non appoggiano la sua linea dura, aggiunge il giornale: e gli hanno anzi manifestato il timore che un bombardamento sull’Iran possa innescare un conflitto regionale dagli effetti incalcolabili. Un conflitto nel quale le retrovie d’Israele si ritroverebbero esposte su più fronti, con danni e perdite potenzialmente ingenti. A queste critiche ha replicato oggi un ‘decision maker’ israeliano citato in forma anonima su Haaretz in un’intervista che tuttavia dissimula fra le righe elementi tali da far pensare che si tratti dello stesso Barak.

L’influente personaggio ‘misterioso’ replica ai dubbiosi sostenendo che Israele si trova oggi ”col coltello alla gola”, come alla vigilia della guerra dei Sei Giorni del 1967. E che, se l’Iran riuscisse a dotarsi davvero di armi nucleari, sarebbe seguito da Turchia, Egitto e Arabia Saudita. Con una proliferazione in grado di estendersi magari a gruppi terroristici del Medio Oriente. Attaccando adesso -è la tesi del ‘decision maker’- Israele potrebbe sperare se non altro di ritardare i progetti iraniani di qualche anno: nel frattempo la leadership in quel Paese potrebbe cambiare. Attendendo oltre, invece, argomenta la gola profonda, lo Stato ebraico perderebbe l’attimo fuggente e non sarebbe poi più nelle condizioni di colpire in modo efficace, lasciando una questione ‘di vita o di morte’ per la sua sicurezza nazionale alla mercè della teorica buona volontà Usa.

– E questo – è la conclusione – non ce lo possiamo proprio permettere”.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora