Cina, i conservatori attaccano: “Stiamo diventando capitalisti”

Pubblicato il 10 agosto 2012 da redazione

SHANGHAI – Malcontento nella fazione più conservatrice del partito comunista cinese. Alla vigilia del cambio della leadership – ad ottobre, ma forse anche prima, il Congresso porterà alla nomina dei nuovi potenti del paese del dragone – circa 1600 dirigenti dell’area più conservatrice del partito comunista insieme ad alcuni intellettuali hanno inviato una lettera al comitato centrale in cui invitano il premier Wen Jiabao a dimettersi. Considerando che i giochi sono già fatti e che il premier sta comunque per terminare il suo mandato, la lettera appare quindi più che altro come un segnale politico, un modo per manifestare un disaccordo interno.

Wen Jiabao non è amato da tutti, non lo è specie dai conservatori, che lo considerano troppo un ”riformatore”, uno che ”sta gradualmente sconfessando l’ideologia comunista che rappresenta il fondamento della repubblica popolare cinese”. Nella lettera i conservatori parlano infatti di ”timori di multipartitismo di stampo capitalistico”, sottolineando il fatto che Wen in questi anni ha dimostrato di voler incoraggiare le imprese private a scapito di quelle statali.

Per i conservatori Wen Jiabao in questi anni ha solo fatto aumentare il divario sociale fra ricchi e poveri. Il timore di questa parte più rigidamente ancorata al passato, ora che lui se ne va, è che le cose continuino allo stesso modo anche con il suo successore designato, Li Keqiang, attuale vice premier. Tensioni interne dunque, sicuramente anche conseguenza di un anno politicamente molto difficile e pieno di scossoni. Molte certezze sono venute meno.

I comunisti ‘neomaoisti’ che vedevano in Bo Xilai il loro mentore e ne avevano già fatto una delle figure prominenti della futura leadership politica, hanno dovuto fare per forza un passo indietro. Bo parlava di lotta alla corruzione, insieme al suo braccio destro, il superpoliziotto Wang Lijun (che verrà processato per tradimento la prossima settimana), voleva ripulire Chongqing, invitava tutti a cantare canzoni maoiste ma in realtà navigava nel torbido. Wen Jiabao, lo scorso 26 marzo, parlando alla conferenza annuale del Consiglio di Stato, ha ribadito come per il partito il maggior pericolo sia proprio la corruzione, affermando come per il paese sia importante proseguire sulla strada delle riforme politiche ed economiche. Chiara stoccata a Bo Xilai e al partito di Chongqing il cui modello è crollato a vantaggio di quello di Wen, che professa la lotta alla corruzione (laddove invece Bo proprio di corruzione è accusato), che in passato ha persino parlato a favore di una possibile riabilitazione dei dissidenti di piazza Tiananmen. Un’apertura che a quella parte della Cina che non vuole cambiare non piace affatto.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora