Dilaga la violenza, bombe su Damasco

Pubblicato il 13 agosto 2012 da redazione

BEIRUT – In attesa che Stati Uniti e Turchia decidano cosa fare del ventilato progetto di creare una no-fly zone nel nord della Siria, nella parte orientale del Paese i ribelli – in difficoltá sul fronte di Aleppo – sono riusciti ieri per la prima volta ad abbattere, con un mitragliatore anti-aereo ‘’sottratto ai governativi’’, un Mig delle forze di Bashar al-Assad. E a fare prigioniero il pilota, che in un video amatoriale ha in serata negato la versione ufficiale secondo cui l’aereo avrebbe avuto ‘’un guasto tecnico’’.

Sempre ieri nel cuore della città vecchia di Damasco, l’esercito di Assad ha condotto rastrellamenti casa per casa alla ricerca di armi e ribelli, arrestando una ventina di civili “accusati di sostenere i terroristi”: termine con cui il regime indica tutti i rivoltosi. L’artiglieria e gli elicotteri governativi hanno poi aperto il fuoco sul centrale quartiere di Assali, su quelli periferici di Qadam e Nahr Aisha, e sui sobborghi di Arbin, Daraya, Tal e Artuz, secondo il racconto di testimoni e attivisti.

A Tal – secondo l’agenzia ufficiale Sana – è stato ucciso, in circostanze non chiarite, il cameraman di uno dei due canali della tv di Stato, Hatem Abu Yahiya, rapito dai ribelli venerdì scorso assieme alla giornalista Yara Saleh, al fonico e all’autista della troupe. La Sana afferma che la Saleh e il resto della troupe “stanno bene”, ma non precisa quali siano le fonti di queste informazioni. Abu Yahiya, la Saleh e il fonico erano apparsi in cattivita’ in un video, registrato da uomini dell’Esercito libero (Esl) a Tal, in cui affermavano di “stare bene” e di esser “stati tratti in salvo” dai ribelli “durante bombardamenti indiscriminati” dell’artiglieria governativa. La Saleh era stata già rapita da altri ribelli a ovest di Damasco, a Zabadani, ed era stata rilasciata dopo interventi della Lega Araba.

Ad Aleppo, testimoni citati dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) hanno riferito intanto dell’avanzata delle forze lealiste a Sayf ad Dawla, quartiere occidentale prossimo a Salah ad Din, una delle roccaforti dei ribelli anche ieri bombardata da aviazione e artiglieria. I Comitati di coordinamento locali degli attivisti hanno riferito un bilancio provvisorio di un’altra novantina di vittime: 55 a Damasco e dintorni, 16 a Homs, nove a Daraa, sette a Dayr az Zor, tre a Idlib, due a Hama e uno a Latakia.

Ma la polemica monta anche sulle atrocitá, attribuite a elementi dei ribelli, sull’onda della diffusione di video che mostrano fra l’altro lo sgozzamento in stile jihadista di un giovane – un presunto paramilitare filo-Assad -; l’esecuzione sommaria di un altro presunto lealista; il linciaggio ad Aleppo di alcuni uomini, additati come dipendenti pubblici ‘’fedeli al regime’’ e gettati nel vuoto dal tetto di un ufficio postale. Ieri a Muhasan, 15 km a sud-est di Dayr az Zor sull’Eufrate, un gruppo di ribelli armati di un mitragliatore anti-aereo montato su un pick-up ha rivendicato d’altro canto l’abbattimento di un MiG-23 governativo. Piú tardi é stato diffuso il filmato di un velivolo in fiamme e poi quello di un uomo, identificato come il pilota del velivolo centrato. Interrogato dai miliziani dell’Esl dinanzi alla camera, questo si é presentato come il colonnello Mufid Suleiman, affermando di essere stato in effetti colpito e d’essersi salvato lanciandosi con il paracadute.
Il sedicente colonnello ha quindi ‘confessato’ d’aver ricevuto l’ordine di bombardare Muhasan, mostrandosi pentito e deciso ad aderire alla ‘’rivoluzione’’.

Ultima ora

12:21Moschea Firenze nascerà su terreno venduto dalla Diocesi

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - Una nuova moschea nascerà su un terreno nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze), attualmente di proprietà della curia di Firenze. La notizia, anticipata oggi dal quotidiano La Nazione, è confermata da una nota congiunta di Comune di Sesto, Arcidiocesi di Firenze, Università di Firenze e Associazione per la Moschea di Firenze. L'operazione potrebbe dunque rappresentare una soluzione all'annosa questione della ricerca di un terreno su cui far sorgere il luogo di culto islamico, risoltasi per ora negativamente quanto a disponibilità di siti nel territorio comunale di Firenze. Un protocollo d'intesa che sarà firmato venerdì prevede che l'Arcidiocesi, ceda a titolo oneroso la proprietà dell'area alla Comunità musulmana della provincia di Firenze affinché possa realizzarvi una moschea e un centro culturale islamico. Contestualmente l'Arcidiocesi otterrà, a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell'Università nell'area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare un centro religioso.

12:17Somalia: bilancio attentato sale a 17 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' salito a 17 morti e oltre 20 feriti il bilancio di un attentato suicida rivendicato dagli Shabaab a Mogadiscio, in Somalia.

12:04Migranti: Ungheria, bene Tusk su quote obbligatorie

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Tusk ha detto la verità sulle quote obbligatorie" per le relocation dei richiedenti asilo. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto all'agenzia di stampa magiara Mti. "Finalmente un leader europeo serio, il presidente del Consiglio europeo, che è la posizione numero uno dell'Ue - afferma Szijjarto - ha detto una verità già ampiamente conosciuta. Le quote obbligatorie sono inefficaci e divisive. La migrazione illegale deve essere fermata. Alcuni burocrati di Bruxelles continuano ad organizzarla".

12:00Russia: Putin, correrò alle elezioni da indipendente

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - Vladimir Putin si candiderà da indipendente alle prossime elezioni. Lo ha rivelato durante la conferenza stampa di fine anno. "Conto - ha detto - di avere il sostegno di tutte quelle forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo del nostro paese e, naturalmente, anche del popolo russo".

11:49Sci: da Uni l’abc sicurezza sulla neve

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con la stagione sciistica alle porte e in attesa delle grandi nevicate gli amanti degli sport invernali si preparano ai weekend e alle vacanze sulla neve. Con più di 2.300 impianti di risalita, circa 300 stazioni sciistiche di rilievo con 7.800 km di piste da sci alpino e 13.400 km di piste da fondo che ospitano ogni anno oltre 3,5 milioni di sportivi l'Italia rappresenta una destinazione molto gettonata dagli amanti della neve. Per chi pratica sport invernali diventa fondamentale osservare alcune norme di sicurezza: sicurezza che riguarda le attrezzature impiegate (caschi, occhialoni, sci, attacchi, scarponi …) che devono essere a norma, il comportamento adeguato che si deve mantenere sulle piste e la segnaletica. Ecco perché UNI - anche quest'anno - ha pubblicato una nuova edizione della guida "Neve in pista… casco in testa". Novità dell'edizione di quest'anno è la nuova norma UNI EN 16716 "Sistemi di airbag da valanga - Requisiti di sicurezza e metodi di prova".

11:44Mafia: perquisizioni a fiancheggiatori Messina Denaro

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - Duecento agenti della Squadra Mobile di Palermo e dello Sco stanno effettuando decine di perquisizioni nella zona di Castelvetrano, in provincia di Trapani, paese del boss latitante Matteo Messina Denaro. Il blitz è coordinato dalla dda di Palermo. Le perquisizioni sono in corso nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento.

11:43Fondi E-R: ex capogruppo Pd condannato a 4 anni e 4 mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 14 DIC - L'ex capogruppo Pd in assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, Marco Monari, è stato condannato per peculato a 4 anni e 4 mesi e all'interdizione perpetua dei pubblici uffici per le spese messe a rimborso tra il 2010 e il 2011. Tutti assolti gli altri 12 consiglieri regionali Pd accusati. La pm Morena Plazzia aveva chiesto l'assoluzione per sette ex consiglieri e condanne per gli altri a pene tra due anni e sei mesi e un anno e tre mesi per gli altri sei. (ANSA).

Archivio Ultima ora