Sparatoria in Campus morti e feriti

Pubblicato il 13 agosto 2012 da redazione

ROMA – Appena una settimana fa, il presidente Barack Obama aveva ammesso che “sparatorie” sanguinose “stanno accadendo con troppa regolarità”. Ieri, quasi a confermare le sue parole arriva l’ennesimo atto di violenza nei pressi di una università, questa volta in Texas, dove un uomo ha aperto il fuoco con un’arma automatica: Il bilancio, ancora provvisorio, è di almeno tre morti, tra cui un agente di polizia e l’uomo stesso che per primo ha sparato, e quattro o cinque feriti. Secondo quanto è stato finora reso noto, erano quasi le 12:30 quando un uomo ha iniziato a sparare da una finestra di una casa a un isolato dal campus della Texas A&M University di College Station, una cittadina a circa 150 km da Houston. Rapidamente sono arrivati sul posto alcuni agenti di polizia, e uno di essi è poi rimasto ucciso.

Allo stesso tempo, l’ateneo diffondeva l’allarme dal suo sito web, e 15 minuti dopo, citando la polizia locale, riferiva che l’uomo che ha aperto il fuoco era stato messo “sotto custodia” delle forze di sicurezza. Col passare del tempo si è poi appreso che tra i feriti ci sono anche altri tre agenti di polizia e una donna, che è stata sottoposta a intervento chirurgico. Sembra che l’uomo che ha aperto il fuoco, che a sua volta è poi stato ferito dalla polizia ed è poi morto in ospedale, avesse nel mirino proprio l’agente che è rimasto ucciso, Brian Bachmann, per motivi ancora oscuri.

Citato dal New York Times, un veterano della guerra in Afghanistan, Rigo Cisneros, che abita lì vicino, ha riferito che la sparatoria è andata avanti per alcuni minuti.
– Dopo diversi colpi, mi sono messo al riparo e ho potuto vedere che c’era un agente a terra – ha raccontato, aggiungendo che l’uomo che ha aperto il fuoco aveva apparentemente un fucile d’assalto, forse un M4 o un M16. Finita la sparatoria, il vicino si è avvicinato e ha potuto vedere che l’agente ucciso era stato colpito più volte al torace, mentre un altro agente aveva ferite più leggere.

“Il sospetto” aveva a sua volte ferite alle gambe e nella parte alta del torace, ma era cosciente e chiedeva perdono per aver ucciso l’agente. Anche due passanti sono rimasti feriti, ha aggiunto ancora Cisneros, che in Afghanistan è stato ufficiale medico. Poi, fonti della stampa locale hanno riferito di aver appreso dalla polizia che “il sospetto” è morto dopo il ricovero. Nelle prime concitate fasi una portavoce della Texas A&M University, Sherylon Carroll, ha affermato di non essere in grado di confermare o smentire se tra i feriti ci fossero anche degli studenti, ma ha però sottolineato che l’anno accademico non è ancora cominciato e non riprenderà prima del 27 agosto. Come a dire, poteva andare peggio.

La sparatoria nell’università Texas A&M é solo l’ultimo caso, in ordine di tempo, della lunga scia di episodi di sangue che sta coinvolgendo l’America. E arriva a pochi giorni dalla strage del tempio sikh di Oak Creek in Wisconsin. E a meno di un mese da quella alla ‘prima’ del film di Batman che ha causato la morte di 12 persone, sconvolgendo l’America.

Ecco una breve cronologia degli ultimi episodi che hanno ‘insanguinato’ gli Stati Uniti.

– 12 AGOSTO: L’ultimo weekend si chiude con un bilancio di tre morti e diversi feriti per una serie di sparatorie a Boston. Le violenze si sono verificate in due diversi quartieri dell’area metropolitana della città, a Dorchester e Roslindale e secondo la polizia si é trattato di scontri a fuoco non correlati tra loro.

– 10 AGOSTO: una sparatoria in un locale notturno di Wicksburg, a circa 150 chilometri da Montgomery, ha provocato la morte di 3 persone e il ferimento di almeno un’altra. L’autore – Ryan Clark Peterson, 22 anni – é stato catturato dalla polizia poche ore dopo e arrestato con l’accusa di triplice omicidio.

– 5 AGOSTO: Un ex militare specialista di guerra psicologica, musicista di un rock band di skinhead razzisti e xenofobi, Wade Michael Page, ha fatto irruzione nel tempio sikh di Oak Creek in Wisconsin, uccidendo 6 persone e ferendone altre tre prima di togliersi la vita.

– 20 LUGLIO: James Holmes, 24enne ex studente di neuroscienze, entra armato fino ai denti in un cinema alla periferia di Denver, Colorado, dove stanno proiettando l’ultimo capitolo della saga di Batman, The dark knight rises, e gridando ‘Sono il Jocker’, apre il fuoco all’impazzata: uccide 12 persone e ne ferisce altre 58.

Ultima ora

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

20:19Usa: treno deragliato, almeno tre morti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 DIC - Sono almeno tre le persone rimaste uccise nel deragliamento di un treno nello Stato di Washington negli Usa finito su una strada interstatale, coinvolgendo anche automobilisti. Lo riferisce il Seattle Times. La Cnn inoltre, citando fonti ospedaliere, riferisce che 77 persone sono state trasportate in ospedale. Diversi passeggeri sono rimasti intrappolati fra le lamiere del treno.

20:18Siria: Assad, dichiarazioni Macron ‘non hanno alcun valore’

(ANSAmed) – BEIRUT, 18 DIC – Per il presidente Bashar al Assad "non hanno alcun valore" le dichiarazioni fatte ieri dal presidente francese Emmanuel Macron, che lo ha accusato di essere "il nemico del popolo siriano", auspicando che venga processato "per i suoi crimini". "Fin dall’inizio (del conflitto civile siriano) la Francia è stata all’avanguardia nel sostenere il terrorismo in Siria", ha affermato Assad, citato dall’agenzia governativa Sana. "Coloro che sostengono il terrorismo - ha insistito il rais - non hanno diritto di parlare di pace, e tantomeno di interferire negli affari siriani. Tutte le loro dichiarazioni non significano nulla per noi e non hanno alcun valore". Macron aveva auspicato e che nelle trattative di pace dopo la sconfitta dell’Isis, che prevede avvenga entro febbraio, ci siano "rappresentanti di tutte le opposizioni", compresi quelli che hanno lasciato la Siria "a causa di Assad, e non dell’Isis".

20:18Sampdoria: Ferrero, col Napoli derby del cinema

(ANSA) - GENOVA, 18 DIC - "E' il derby del cinema". Massimo Ferrero definisce così la sfida di sabato prossimo che vedrà la sua Sampdoria far visita al Napoli di Aurelio De Laurentis. "Da uno a dieci mi piacerebbe batterlo dodici - ha scherzato Ferrero oggi a Palazzo Ducale a margine della presentazione di un libro sulla storia della Sampdoria -. Se vinciamo noi lui farà un grande incasso col cinepanettone, se noi non vinciamo io auguro a De Laurentis un lungo cammino". Il numero uno blucerchiato non si sbilancia troppo quando si tratta di fare un pronostico. "Amo i napoletani e la napoletanità, sono l'Italia che lavora. Dico solo che ci piacerebbe molto vincere a Napoli ma non ci dimentichiamo che siamo la Sampdoria e noi quando arriviamo tra le prime dieci siamo felici". La Samp vive un momento difficile con appena un punto nelle ultime quattro gare ma Ferrero non è preoccupato. "Un calo fisiologico ci può stare - ha proseguito -, l'importante adesso è riprendere in mano le redini del cavallo e cavalcare la via maestra".

20:16Basket: Hertz e Virtus Roma insieme anche i stagione 2017-18

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Hertz e Virtus Roma ancora per la stagione 2017/2018 saranno insieme nella rinnovata co-sponsorship che vedrà Hertz fornire le automobili ufficiali alla squadra. Si tratta di una flotta di cinque automobili di diversi marchi: Opel, Volkswagen e Fiat, ciascuna con tremila chilometri di noleggio mensili. Siamo orgogliosi di affiancare la Virtus Roma - spiega Massimiliano Archiapatti, Amministratore Delegato di Hertz italiana -. Da sempre, infatti, Hertz supporta le eccellenze dello sport e la pallacanestro è certamente una delle attività agonistiche più sentite, sia a livello nazionale che internazionale. Per noi è molto importante essere al fianco di realtà come la Virtus a cui ci sentiamo accomunati da valori fondamentali come il gioco di squadra. Saremo quindi partner della Virtus mettendo a loro disposizione quello che sappiamo fare meglio: un servizio che permetterà alla squadra di potersi muovere col massimo comfort a bordo delle nostre autovetture.

Archivio Ultima ora