Due anni alle Pussy Riot Fan in piazza nel mondo

Pubblicato il 17 agosto 2012 da redazione

MOSCA – Due anni di prigione, una dura condanna per Masha, Katya e Nadia, le tre Pussy Riot autrici a febbraio di un sacrilego blitz nella Cattedrale del Cristo Salvatore a Mosca, in cui avevano chiesto alla Vergine Maria di “cacciare via” l’allora premier Vladimir Putin, diventato di nuovo presidente della Russia poche settimane dopo. Colpevoli di “teppismo motivato da odio religioso”, dovranno scontare la pena in una delle galere russe che non brillano certo per comfort. La giudice Marina Sirova gli ha assegnato un anno in meno dei tre richiesti dall’accusa: Nadia Tolokonnikova, 22 anni, Maria Aliokhina, 24, ed Ekaterina Samutsevich, 30 da pochi giorni, resteranno in carcere per circa un anno e mezzo, dato che la pena viene calcolata dal momento dell’arresto, il 4 marzo scorso. Appena terminata la lettura del verdetto, fuori dal tribunale Khamovniki assediato da centinaia di giornalisti da tutto il mondo, sostenitori e detrattori della band punk femminista, è esploso un boato di protesta: “Fascisti!”, “Vergogna!” e poi “Brave, brave, libertà!” e applausi al passaggio del cellulare con a bordo il trio. Cinquanta i fermi. Soddisfatti i militanti nazionalisti.

Torvi i volti all’uscita dall’aula di Alexei Navalny, il blogger più noto dell’opposizione russa, preoccupati i familiari presenti, afflitte le giovani imputate tranne la leader Nadia, solita fierezza e aria di sfida in volto, che in mattinata aveva scritto ai sostenitori: “Abbiamo vinto comunque”. Battaglieri gli avvocati, che hanno promesso ricorso immediato, se necessario anche alla Corte Ue di Strasburgo: il legale Mark Feigin ha parlato di un “verdetto annunciato”, giudicandolo “una decisione esclusiva di Putin”. E ha definito la giustizia russa “strumento di violenza e di repressione”, aggiungendo che a Mosca “il potere è sordo”. Immediata è arrivata la condanna di Stati Uniti e Europa, mentre le piazze di tutto l’Occidente si sono riempite di manifestazioni in solidarietà con le tre ragazze. Washington e Bruxelles hanno parlato di “sentenza sproporzionata”, così come ha fatto la Farnesina.

Molto più dura la cancelliera Angela Merkel, secondo la quale il verdetto “viola i valori europei”. Anche per l’Osce, quello che si è consumato oggi a Mosca è “un attacco alla libertà di parola”. Sconfitta la difesa delle tre ragazze, che aveva giocato tutto il processo sul caso politico. Per la giudice Sirova non di “protesta politica” si è trattato, ma di un’offesa voluta e programmata alla Chiesa russa e ai credenti, una “provocazione contro la fede”: a suo avviso, gli slogan anti Putin sarebbero stati aggiunti solo dopo alla performance originaria, nel videoclip diffuso su internet da ignoti e visionato da oltre 1,5 milioni di persone.

Nel testo di condanna Sirova ha usato un lessico con molti riferimenti al sacro e alla “tradizione religiosa del Paese” considerata “violata”, ma ha negato di seguire “il canone religioso” invece della legge russa: “qui vige la Costituzione dello Stato russo”. Piccolo scandalo “rivelatore” in mattinata: a lettura del verdetto appena iniziata, il sito di Komsomolskaia Pravda, quotidiano filo Cremlino, ha pubblicato la notizia della “condanna a 3 anni” per le Pussy Riot. Per poi farla “sparire” dopo la segnalazione indignata dei blogger. Conclusione amara, benché provvisoria, di un caso simbolo per l’opposizione russa, che getta l’ennesima ombra sull’avvio del terzo mandato di Putin al Cremlino ma anche sull’immagine di neutralità della Chiesa ortodossa, i cui vertici avevano invocato una punizione severa per il trio.

Oggi l’apparente passo indietro, con un comunicato anonimo dell’Alto consiglio della Chiesa ortodossa: “Senza mettere in dubbio la legittimità della decisione della giustizia, chiediamo alle autorità dello Stato di dar prova di clemenza verso le condannate, nella speranza che rinuncino a ripetere questo genere di sacrilegio”. E ancora: “Bisogna separare il peccato dal peccatore, condannare il primo e sperare nel pentimento dell’ultimo. Dio cerca sempre la redenzione dei peccatori, e la Chiesa vuole riconciliazione”.

Ultima ora

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

22:18Senzatetto morto carbonizzato dentro auto nel veronese

(ANSA) - VERONA, 13 DIC - Un uomo 50enne, senza fissa dimora, è morto carbonizzato stasera all'interno di un'automobile in parcheggio, a Santa Maria di Zevio (Verona). Secondo una prima ricostruzione, il senzatetto aveva trovato rifugio nell'auto probabilmente per ripararsi dal freddo, ma qualcosa avrebbe innescato una fiamma, o una scintilla, e il fuoco ha avvolto la vettura, non lasciando scampo all'uomo. Quando sul posto sono giunti i sanitari del Suem 118, assieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri, il 50enne era già privo di vita, ed è stato estratto carbonizzato dall'abitacolo. I militari dell'Arma stanno svolgendo accertamenti per ricostruire l'esatta causa della tragedia.

Archivio Ultima ora