Crisi: da aerei a balneari estate nera per il turismo

Pubblicato il 20 agosto 2012 da redazione

ROMA – Almeno in vacanza italiani e stranieri speravano di dimenticare, per qualche giorno, la crisi mondiale in atto: ma lei non ha mancato, quest’estate, di farsi sentire, talvolta anche in modo ‘prepotente’. Hanno iniziato a metà luglio, volutamente un po’ sottotono, gli animatori dei villaggi turistici, i ragazzi che allietano le vacanze con sport, intrattenimenti e sorrisi: in più di 400 strutture turistiche hanno lanciato uno sciopero, senza incrociare le braccia, con lo scopo principale di informare i clienti sulle problematiche e i rischi che vive la loro categoria. Hanno letto un comunicato e la ‘Poesia dell’animatore’ e intrattenuto gli ospiti dei villaggi-vacanze con momenti di spettacolo.

– Vogliamo che l’animazione turistica venga riconosciuta come una vera professione – spiega il presidente della Fiast, la Federazione italiana animazione e servizi turistici aderente a Confesercenti, Salvatore Belcaro – sia per chi la fa sul campo che per chi ne gestisce le risorse umane e l’operatività. Per ora non è così ed è un danno per tutti.
Un’altra iniziativa di sensibilizzazione è in programma per il 31 agosto. Il 3 agosto invece è andata in scena la protesta dell’Italia balneare: ombrelloni chiusi nella maggioranza dei 30 mila stabilimenti balneari dalle 9 alle 11 per protestare contro l’applicazione dal 1 gennaio 2016 della Direttiva Bolkenstein che prevede che gli stabilimenti vadano all’asta.

– Chiediamo al Governo un confronto – aff erma il presidente del Sib, il sindacato italiano balneari aderente a Confcommercio – non siamo sereni. Le proteste che abbiamo promosso sono andate benissimo e hanno dimostrato che c’è una grande solidarietà anche da parte dei clienti, il che ci conferma la giustezza della nostra battaglia. La direttiva comunitaria, che reputiamo assolutamente devastante, mette a rischio il futuro di 30 mila imprese e 600 mila addetti.
Dopo lo sciopero degli ombrelloni localmente sono state assunte le iniziative più disparate: dal tuffo collettivo alle bandiere a mezz’asta. Il tuffo collettivo ha coinvolto pi di 250.000 persone che hanno invaso il mare da Carrara a Litorale pisano. Quasi a ridosso di Ferragosto, poi, eè scoppiata la crisi Windjet: dopo mesi di difficoltà, a mezzanotte dell’11 agosto, la compagnia ha dato lo stop ai voli gettando nel panico almeno 300 mila passeggeri con i mano un biglietto della linea low cost, ormai prossima al fallimento. Nemmeno l’interessamento del Governo – sceso in campo con la convocazione delle parti da parte del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera – è riuscito a sbloccare la trattativa tra l’operatore siciliano e Alitalia, che pochi giorni prima si era già inceppata. La crisi della compagnia catanese significa la fine del lavoro per più di mille persone. I dipendenti della società (tra amministrativi, piloti e hostess) sono 504, altri 360 lavorano per la Kaane handling e per la Sac service, aziende che per conto della compagnia si occupano delle operazioni di accettazione, dei bagagli, della movimentazione nelle aree esterne dell’aeroporto, dei servizi di assistenza e del catering per passeggeri ed equipaggio.

Con la sospensione delle operazioni di volo il rischio per coloro che lavorano direttamente sugli aeroplani – una novantina di piloti e 250 assistenti di volo – è quello di dover affrontare nella migliore delle ipotesi un periodo di cassa integrazione. I dipendenti dell’indotto invece rischiano di non avere neppure gli ammortizzatori sociali. E’ di questi ultimi giorni, infine, la notizia che Nh Hotels Italia, una delle maggiori catene alberghiere che opera nel nostro Paese e che è in mano ad un gruppo spagnolo, ha deciso di mandare a casa quasi 400 dipendenti per rispondere alla crisi che sta colpendo anche il settore alberghiero. In totale sono 20 gli alberghi Nh presenti in Italia che danno lavoro a circa 1.400 dipendenti.

– C’è un comportamento efferato dell’azienda – racconta Cristian Sesena, segretario nazionale di Filcam Cgil – che ha ignorato le disponibilità espresse al tavolo negoziale dai sindacati, aprendo esclusivamente sulla possibilità di garantire incentivi all’esodo ma negando altri spazi di trattativa.

A perdere il posto di lavoro sono soprattutto cameriere, facchini e personale amministrativo.

– Abbiamo proposto il ricorso alla cassa integrazione almeno fino al prossimo 31 dicembre nonchè la disponibilità a discutere interventi sull’organizzazione del lavoro utili a recuperare margini di efficienza e produttività ma il gruppo ha chiuso su tutti i fronti – conclude il sindacalista. Per protesta i lavoratori hanno incrociato le braccia a partire dalle strutture di Roma e di Palermo.

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora