Crisi, Moody’s: Italia salva nel 2013

Pubblicato il 21 agosto 2012 da redazione

ROMA – Mezzo cammino per l’uscita dalla crisi è ormai percorso e, se l’opera di risanamento non si interromperà, la fine del tunnel potrebbe arrivare nel 2013 per Italia, Spagna e Portogallo. L’agenzia Moody’s traccia un parallelo con la crisi degli anni ‘90 di Svezia e Finlandia per dimostrare che un percorso di risanamento serio e profondo può portare il prossimo anno la dinamica del Pil a un livello pre-crisi.

Parole moderatamente ottimiste che hanno fatto balzare il listino di Milano e calare lo spread in una giornata già favorevole. Essenziali però, piuttosto che scudi anti spread o aiuti internazionali, sono le riforme, così come anche sottolinea la ‘rivale’ Fitch secondo cui le misure di austerità già varate sono sufficienti e non ne servono altre.

Per il ministro dello sviluppo, Corrado Passera, gli interventi anticiclici varati dal governo vanno nella direzione di permettere che il “2013 non sia più un anno di recessione”. Una dichiarazione che segue quella del premier Mario Monti, che alla vigilia ha parlato di un’uscita dalla crisi più vicina. Nel pomeriggio però arriva una previsione molto meno rosea dalla terza grande del rating: Standard and Poor’s ritiene più probabile per Usa e Ue una ricaduta nel pieno della crisi nel 2013, quello che in gergo tecnico di chiama ‘recessione a W’ Certo la stessa agenzia Moody’s appena qualche ora prima, in un altro rapporto, aveva ammonito che “Portogallo, Spagna e Italia continueranno in recessione il prossimo anno” stabilendo per il nostro paese un prodotto interno pari a zero o in calo dello 0,5% nel prossimo anno, dopo il -1,5-2% di quest’anno (l’ultima stima Banca d’Italia prevede un -2% quest’anno e un +0,3% il prossimo) anche a causa delle misure di austerità.

Nel suo studio sulle crisi a confronto, Moody’s rileva che uno scenario ‘svedese’ per Italia Spagna e Portogallo di uscita dal tunnel in 17 trimestri potrebbe virare, in caso di difficoltà, verso uno ‘finlandese’ e la fine della crisi rimandata al 2016. Helsinki, oggi uno dei falchi europei in termini di austerità, vent’anni fa ci impiegò ben 27 trimestri anni per uscire dalla recessione in una situazione che ora assomiglia a quella di Grecia e Irlanda. Moody’s in alcuni commenti ridimensiona poi l’ottimismo suscitato dal suo report e ricorda come l’Italia ha “ancora una forte necessità di correzioni macro e strutturali” per uscire dalla crisi. Certo il nostro paese ha compiuto “alcuni progressi in aree specifiche come ad esempio la riforma del mercato del lavoro” e può contare su alcuni punti di forza quali “l’avanzo primario”.

Anche per i ‘cugini’ di Fitch i governi non devono abbassare la guardia. L’agenzia minaccia nuovi tagli di rating per i paesi europei in caso di assenza di passi avanti e per l’Italia elenca due minacce: l’uscita di Monti prima di aver realizzato altre misure necessarie e il contagio da parte della Spagna. I due paesi nordici ora visti come esempio ne uscirono con una profonda serie di riforme nel mercato finanziario, la concorrenza e nel bilancio con un aiuto ulteriori dai tassi di cambio che spinse l’export. Vitali sono quindi ancora una volta i comportamenti dei governi e i sacrifici dei cittadini più che l’aiuto della Bce o dell’Europa.

Ultima ora

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

Archivio Ultima ora