Monti cerca allungo su crescita, gelo sindacati

Pubblicato il 27 agosto 2012 da redazione

ROMA – Poco tempo a disposizione, poche risorse da impegnare e un discreto arretrato da evadere in termini di leggi ancora ‘appese’ all’emanazione dei provvedimenti attuativi: 50 su oltre 350. Il premier, Mario Monti, approfitta del primo Cdm dopo la breve pausa estiva, quello di venerdì scorso, per rilanciare “almeno un po’”, spiega ora il ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi, sulla crescita. E il programma è dettagliatissimo: dalla social card alle infrastrutture, passando per le liberalizzazioni e la nuova spending.

“L’agenda” del governo lascia freddi i sindacati. Dopo le parole di sabato del leader della Cisl, Raffaele Bonanni, sono netti i giudizi di Cgil e Uil:
– Un elenco di titoli che ci sentiamo dire da lungo tempo e non si traducono mai in provvedimenti. Una somma di micro cose con l’idea che daranno risultati tra anni mentre invece abbiamo tempi stretti – commenta Susanna Camusso, mentre Luigi Angeletti sostiene che “il tentativo di risposta del Governo alla crisi purtroppo credo non sia all’altezza della situazione dell’occupazione”.

In molti – spiegano ambienti parlamentari – sono pronti a scommettere che si tratta per lo più di buone intenzioni ma che difficilmente si riuscirà a vederne la traduzione in leggi dello Stato. Due gli ostacoli principali: il tempo e le risorse scarse. Oltre all’oggettiva esiguità dei tempi (a occhio e croce 8 mesi, non tutti utili, da oggi a fine legislatura) pesa anche la situazione politica con una campagna elettorale che allo stato sembra già avviata e su toni decisamente poco concilianti.
Poi, per fare sviluppo non ci sono risorse ‘nuove’, solo ‘riallocazioni’. E quelle che eventualmente arriveranno serviranno a blindare il percorso di rientro dei conti (ad esempio c’è da reperire ancora 6 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva). C’è poi la fondamentale partita del rientro del debito che assorbirà non poche risorse (il piano del ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, prevede una ‘spesa’ di un punto di Pil, 15-20 miliardi l’anno, da reperire con le dismissioni). Allo stato dunque, oltre all’emanazione dei provvedimenti attuativi delle leggi già varate (350 tra regolamenti, decreti ministeriali, ecc.) i passaggi certi sono: la Legge di Stabilità con relativa nota di aggiornamento al Def (il documento di economia e finanza che traccia gli impegni del governo) e del disegno di legge del bilancio dello Stato.

C’è poi la ‘partita’ della riduzione del pubblico impiego: Patroni Griffi spiega che entro la scadenza del ‘31 ottobre’ (prima ci sarà a fine settembre lo sciopero dei sindacati) si dovranno definire organici della P.a. e i successivi tre mesi serviranno per ‘fare i nuovi regolamenti’ per rivedere le competenze. Si attende poi per fine anno il taglio alle province che arriverà una volta recuperati i pareri dei territori.

Oltre al Ddl anticorruzione e alla mini-riforma sanitaria, l’esecutivo punterebbe anche a una terza tranche di revisione della spesa con la quale recuperare altri 6 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva nel 2013.

Di auspicabile ma più incerto c’è ancora in ballo la riforma fiscale attualmente in commissione Finanze a Montecitorio e la relativa revisione dell’Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente, il taglio alle agevolazioni fiscali (evitato a sua volta con il primo aumento già varato dell’Iva) e la redistribuzione a favore delle famiglie. Mentre il rifinanziamento della social card si farebbe direttamente con la Legge di Stabilità.

Molto difficile appare anche una nuova tornata di liberalizzazioni, anche se il governo indica questa come una delle priorità, considerato l’alto livello di conflitto scatenato dal primo decreto.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora