Colombia, Santos: avviati ‘colloqui esplorativi’ con le Farc

Pubblicato il 28 agosto 2012 da redazione

BOGOTÀ – A meno di un anno dall’uccisione del loro massimo comandante, Alfonso Cano, mettendo fine a giorni di speculazioni il presidente Juan Manuel Santos si è rivolto al paese nella notte per annunciare “colloqui esplorativi” con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), la più longeva guerriglia latinoamericana, nata nel 1964.

In verità, Santos è stato preceduto dalla catena colombiana Rcn e da Telesur, l’emittente sudamericana basata a Caracas, che si sono spinte ben oltre: hanno infatti riferito della firma di un accordo tra le parti avvenuta nei giorni scorsi all’Avana per avviare formalmente un processo di pace che porti alla fine del conflitto armato, annunciando per il 5 ottobre a Oslo l’installazione vera e propria del tavolo del dialogo con la mediazione di Venezuela, Cuba e Norvegia.

Nel suo intervento, Santos non si è però profuso in dettagli, confermando “avvicinamenti” tra governo e guerriglia di cui “si conosceranno i risultati nei prossimi giorni. I colombiani – ha aggiunto il presidente – possono essere certi che il governo sta agendo con prudenza, serietà e fermezza, anteponendo sempre il benessere e la tranquillità di tutti gli abitanti”. Sono tre i capisaldi indicati da Santos nell’intraprendere un processo da qualcuno già definito storico, il terzo tentativo ufficiale di negoziare la pace con la guerriglia negli ultimi 30 anni: apprendere dagli errori del passato; finalizzare la trattativa alla fine del conflitto e non al suo prolungamento; mantenere le operazioni e la presenza militare in tutto il territorio nazionale, in riferimento ai falliti colloqui intrapresi nel 1998 da Andrés Pastrana che comportarono la controversa smilitarizzazione di un’area di 42.000 km2 del Caguán, nel sud del paese, divenuta da allora una zona sotto ‘amministrazione’ delle Farc.
Mentre l’esecutivo mantiene il massimo riserbo sull’identità dei possibili
negoziatori, la stampa indica senza riserve Frank Pearl, ministro dell’Ambiente, e Sergio Jaramillo, consigliere per la sicurezza, per il governo, e Rodrigo Granda e Jaime Alberto Parra, per le Farc. Come garanti o ‘facilitatori’ si fanno i nomi dei norvegesi Dag Nylander, Jennifer Shirmer e Jan Egeland, già sottosegretario dell’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari dell’Onu (Ocha).

‘Telesur’ ha messo peraltro in risalto il ruolo giocato sin qui da Chávez che – impegnato da luglio nella campagna elettorale per le presidenziali venezuelane del 7 ottobre – avrebbe “messo a disposizione delle parti tutto ciò che può servire all’architettura di questi colloqui”. In proposito, tra le prime reazioni spicca quella di Alvaro Uribe, controverso predecessore di Santos (di cui quest’ultimo fu ministro della Difesa, ndr) e suo ‘padrino’ prima della rottura tra i due: “La legittimazione che il governo Santos ha fatto della complicità di Chávez con la guerriglia ripaga ora Chávez che li fa sedere attorno a un tavolo affinché ciò gli serva per la rielezione” ha detto l’ex presidente.

Il prestigioso quotidiano ‘El Espectador’, ricorda che Santos, fin dal suo insediamento nell’agosto 2010 disse chiaramente che le “chiavi della porta della pace” sarebbero rimaste nelle sue tasche: ciononostante dall’inizio dell’anno le voci su una possibile apertura a un processo di pace si sono fatte insistenti, scrive il giornale, con la presenza a Bogotá di due emissari delle Farc che avrebbero chiesto e ottenuto una disponibilità da parte del governo, poi confermata da incontri a Cuba.

Gli interrogativi sostanziali vertono sull’agenda delle Farc che, aggiunge il giornale, hanno sempre preteso di coinvolgere la società civile in un possibile negoziato. Inoltre “non sono un interlocutore facile: Vogliono la riforma agraria…pretendono che vengano messi in discussione i contratti con le multinazionali petrolifere e minerarie…richiedono spazi politici per avanzare verso un contesto più democratico e credono che la pace passi anche attraverso una corretta gestione dell’ambiente…Gli altri sono dettagli di forma”, come la condizione che un negoziato si svolga all’interno del territorio nazionale.

Nonostante l’opposizione di quello che ‘El Espectador’ definisce “l’uribismo purosangue”, sta di fatto che, almeno sulla carta, l’opzione di un dialogo con la guerriglia sembra trovare al momento il favore di tutte le correnti politiche.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora