Intercettazioni Stato-mafia, Napolitano: “Tentativo di ricatto”

Pubblicato il 30 agosto 2012 da redazione

ROMA – Il capo dello Stato non è “ricattabile”, non cambia idea sul ricorso alla Consulta e di fronte a “torbide manovre destabilizzanti” che stanno investendo il Quirinale chiama il mondo politico ed istituzionale a difendere “il corretto svolgimento della vita democratica”.

Ecco l’ira fredda di Giorgio Napolitano – descritto “determinato” come non mai a “tenere fermo il punto” – materializzarsi gelida e contundente, dopo un’agitata notte di riflessione, attraverso un comunicato durissimo che mostra come ormai, per il Colle, la misura sia colma. Toni da chiamata alle armi, quelli usati da Napolitano, per difendere un’istituzione, la presidenza della Repubblica, che mai negli ultimi anni era finita come sotto il fuoco incrociato di parti politiche diverse e di ‘media’ paradossalmente collocati su sponde opposte.

– La campagna di insinuazioni e sospetti nei confronti del Presidente della Repubblica – si legge nella nota del Quirinale – ha raggiunto un nuovo apice con il clamoroso tentativo di alcuni periodici e quotidiani di spacciare come veritiere alcune presunte ricostruzioni delle conversazioni intercettate tra il Capo dello Stato e il senatore Mancino. Alle tante manipolazioni si aggiungono, così, autentici falsi. Il Presidente, che non ha nulla da nascondere ma valori di libertà e regole di garanzia da far valere, ha chiesto alla Corte costituzionale di pronunciarsi in termini di principio sul tema di possibili intercettazioni dirette o indirette di suoi colloqui telefonici, e ne attende serenamente la pronuncia. Quel che sta avvenendo, del resto – sottolinea il Presidente della Repubblica – conferma l’assoluta obbiettività e correttezza della scelta compiuta dal Presidente della Repubblica di ricorrere alla Corte costituzionale a tutela non della sua persona ma delle prerogative proprie dell’istituzione. Risibile perciò è la pretesa, da qualsiasi parte provenga, di poter ‘ricattare’ il Capo dello Stato. Resta ferma la determinazione del Presidente Napolitano di tener fede ai suoi doveri costituzionali. A chiunque abbia a cuore la difesa del corretto svolgimento della vita democratica spetta respingere ogni torbida manovra destabilizzante.

Immediata la sponda di palazzo Chigi, che mostra di non prendere sottogamba l’accerchiamento del Quirinale: sono “attacchi strumentali ai quali il Paese saprà reagire”, scrive Mario Monti in un messaggio di vicinanza al presidente a nome dell’intero Governo con il quale stigmatizza “le inaccettabili insinuazioni comparse sulla stampa”.

– Il Presidente del Consiglio Mario Monti – si legge in una nota di Palazzo Chigi – ha oggi espresso al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso di un colloquio telefonico, la piena e profonda solidarietà sua personale e dell’intero governo, di fronte alle inaccettabili insinuazioni comparse sulla stampa. Si è di fronte con tutta evidenza – si legge ancora – a uno strumentale attacco contro la Personalità che costituisce il riferimento essenziale e più autorevole per tutte le istituzioni e i cittadini. Ci si deve opporre a ogni tentativo di destabilizzazione del Paese, inteso a minare in radice la sua credibilità. Il Paese saprà reagire a difesa dei valori costituzionali incarnati in modo esemplare dal Presidente Napolitano e dal suo impegno instancabile al servizio esclusivo della Nazione e del suo prestigio nella comunità internazionale.

La vicenda intercettazioni sembra dilagare e le indiscrezioni pubblicate da ‘Panorama’, gruppo Mondadori e quindi di proprietà della famiglia Berlusconi, hanno fatto tracimare l’indignazione del Quirinale che era già vicinissima all’esplosione dopo le continue bordate lanciate da un giornale della sponda opposta, cioé il ‘Fatto quotidiano’.
Il settimanale Panorama ha pubblicato infatti una “ricostruzione esclusiva” delle telefonate tra Napolitano e l’ex ministro dell’Interno, Nicola Mancino intercettate nell’inchiesta della Procura di Palermo sulla presunta trattativa Stato-mafia. In quelle telefonate – sostiene Panorama – sarebbero stati espressi “giudizi e commenti taglienti su Silvio Berlusconi, Antonio Di Pietro e parte della magistratura inquirente di Palermo”.

Ultima ora

17:05Calcio:Allegri, a Bologna sempre faticato ma serve vittoria

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A Bologna servirà una partita solida tecnicamente, tatticamente e agonisticamente. Altrimenti usciamo con le ossa rotte". Massimiliano Allegri mette in guardia la Juventus dai pericoli della trasferta di domani. "Sarà importante perché dobbiamo prendere i tre punti contro una squadra ben organizzata, che corre, ha buona tecnica e non ha pressione. Inoltre a Bologna la Juve ha sempre fatto fatica, tranne l'anno scorso". Il tecnico bianconero recupera Pjanic, che "potrebbe partire titolare", e annuncia l'intenzione di far giocare Alex Sandro titolare. "Sono convinto farà una grande partita. Arriva da due stagioni importanti, ha avuto alti e bassi si sta ritrovando". Un pensiero, infine, a Inter e Napoli, impegnate oggi: "Speriamo non facciano risultato, noi dobbiamo fare tre punti comunque domani. Poi non è che il campionato si decide domani...".

17:03Calcio: Gattuso e 118 anni Milan, auguro tranquillità a club

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Auguro al Milan di riuscire a lavorare con grandissima tranquillità, auguro che quando si parla del Milan non si parli dei problemi di Gigio Donnarumam e della Uefa ma di una squadra che lotta per qualcosa di importante". Questo il messaggio di Rino Gattuso in occasione del compleanno numero 118 del club in cui ha giocato e vinto per anni, e dove ora allena da poche settimane la prima squadra. "Vorrei fare gli auguri a questa gloriosa società - ha detto Gattuso iniziando la conferenza stampa alla vigilia della trasferta con il Verona - Sono orgoglioso di farne parte. Auguroni, 118 non sono pochi, ci metterei la firma a campare la metà...". E' anche il decennale del Mondiale per Club vinto nel 2007, con Gattuso in campo. "C'è grandissimo orgoglio, penso ai campioni che hanno vestito questa maglia e mi considero più che fortunato ad aver vinto tanto qua'' - ha notato l'allenatore - A Milanello ci vuole solo grande amore e professionalità".

16:57Calcio: Allegri, ‘Var utile, speriamo vanga usato meglio’

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A inizio anno dissi che il Var aiuta, ma bisogna decidere dove la si usa. E' uno strumento in fase di sperimentazione, speriamo che a marzo, quando i punti saranno più pesanti, venga usato in modo migliore. Altrimenti anziché eliminare le critiche le aumenta". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così le polemiche sul Var sollevate dalle decisioni prese in Lazio-Torino. "Bisogna stare sereni e lasciare decidere gli arbitri, accettando le sue decisioni anche quanto guarda la televisione - aggiunge il tecnico bianconero - Abbiamo preso questa strada e dobbiamo cercare di migliorarla".

16:42Coniugi uccisi: effettuata autopsia,camera ardente a Viterbo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - E' stata effettuata ieri sera l'autopsia sugli anziani coniugi trovati morti nella loro abitazione a Viterbo, avvolti in sacchi di cellophane. Il medico legale si è preso 60 giorni per i risultati. Intanto in queste ore verrà allestita la camera ardente al cimitero di Viterbo. Oggi è in programma l'interrogatorio nel carcere di Imperia di Ermanno Fieno, figlio della coppia fermato ieri alla stazione di Ventimiglia dopo due giorni di ricerche. Aveva un biglietto per Mentone. Il sospetto degli inquirenti è che la donna possa essere stata uccisa con un colpo contundente alla testa mentre l'uomo non presenta apparenti segni di violenza. Circostanza, quest'ultima, che potrebbe far pensare a una morte naturale anche se non si può escludere un decesso, ad esempio, per avvelenamento. Se confermato, a Fieno potrebbe essere contestato di aver ucciso la madre dopo il decesso del padre. Il movente del delitto potrebbe essere riconducibile alla pensione del padre di cui il figlio avrebbe voluto usufruire.

16:41‘Ndrangheta: cittadini in piazza, basta ‘vacche sacre’

(ANSA) - CITTANOVA (REGGIO CALABRIA), 16 DIC - Manifestazione stamani a Cittanova di un comitato civico che ha deciso di contrapporsi, anche sul piano civile, alle "vacche sacre", mandrie di bovini riconducibili alla 'ndrangheta che girano allo stato brado per le strade nel triangolo Cittanova, Molochio, Taurianova arrivando a "pascolare" per le vie cittadine. "Risolvete questo problema" hanno chiesto allo Stato cittadini, scuole, associazioni e sindaci. Gli incidenti si verificano giornalmente e solo per caso ancora non ci sono state vittime come invece accadde anni fa. Non c'è sera, soprattutto lungo la provinciale Cittanova-Taurianova, che un toro o una vacca non siano investiti da un'auto. I rischi sono enormi per i cittadini che continuano ad invocare una soluzione e un intervento dello Stato. Gli animali, liberi di pascolare dove vogliono, distruggono ciò che incontrano senza resistenza e si nutrono senza controlli sanitari, spesso in discariche abusive, venendo poi inseriti nel circuito della macelleria clandestina.

16:39Apre dopo 16anni pompa benzina imprenditore,accusò Cosentino

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ci sono voluti 16 anni ma oggi si avvia finalmente a conclusione la vicenda dell'imprenditore Luigi Gallo, grande accusatore dell'ex sottosegretario Nicola Cosentino e di un sistema di potere in odore di camorra: con la sue denunce Gallo ha fatto arrestare, tre anni fa, 13 persone. Nelle prossime settimane Gallo riuscirà infatti ad inaugurare la sua pompa di benzina nel Comune casertano di Villa di Briano, apertura che, come è stato dimostrato, fu impedita per eliminare un pericoloso concorrente. Alla sbarra sono finiti anche funzionari pubblici e alti dirigenti di società petrolifere. Anche se le aule dei tribunali hanno dato ragione a Gallo, a causa di un contenzioso con l'Anas, l'imprenditore non ha mai potuto aprire il distributore, che attende il taglio del nastro dal 2002. Le cose sono cambiate con l'arrivo in Anas del presidente Gianni Vittorio Armani che dice "chi ha combattuto il crimine si merita che la burocrazia gli risolva i problemi e non si trasformi in un muro".

16:38Molotov commissariato: a lavoro pm antiterrorismo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Procura di Roma indaga sull'episodio della bomba molotov lanciata ieri sera, intorno alle 21, all'esterno del commissariato Prati a Roma. Le indagini sono affidate al pool antiterrorismo coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale. A Piazzale Clodio si attende una prima informativa dalla Digos. Al momento gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi compresa quella del gesto legato ad ambienti delle tifoserie calcistiche.

Archivio Ultima ora