Riforma elettorale, è stallo tra veti e scambi di accuse

Pubblicato il 04 settembre 2012 da redazione

ROMA – La trattativa sulla riforma elettorale è in “stallo” e “continuando così, cambiare sarà difficile perché non basta dire di voler cambiare”. E’ stato lo stesso presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, Carlo Vizzini, ad ammettere alla vigilia della riunione del Comitato ristretto di palazzo Madama che il cammino della legge elettorale si è arrestato.

Vizzini oggi alle 12 sarà ricevuto dal presidente del Senato Renato Schifani “per riferire sullo stato dei lavori” e per il primo pomeriggio restano convocati sia la prima commissione di palazzo Madama che il Comitato ristretto, ma le ‘credenziali’ con cui si presentano alla riunione i partiti, che anche ieri si sono scambiati accuse reciproche, non fanno ben sperare rispetto ad un incontro che una settimana fa era stato presentato come decisivo.

– Vi sono almeno due punti controversi che riguardano: il primo, il premio di governabilità e il secondo, il metodo di scelta dei parlamentari, che è il cuore della legge – ha spiegato sempre Vizzini aggiungendo che “il mio invito è quello ad uscire dalla grande contraddizione che porta tutti a dire di voler cambiare ma che attualmente vede uno stallo, la cui perniciosa permanenza non porta certo verso il cambiamento”.

Secondo il presidente della prima commissione del Senato, “le proposte di merito toccano ai partiti e ai gruppi parlamentari che le portano avanti e se ne assumono la responsabilità. La verità che si deve ammettere è che continuando così cambiare sarà difficile perché non basta dire di voler cambiare”.

Tuttavia l’aria che tira non sembra essere di armonia tra le forze parlamentari.

– Non voglio dare colpe ma il Pd è più in difficoltà di noi – ha detto il vice capogruppo del Pdl al Senato Gaetano Quagliariello – si potrebbe fare una legge fortemente maggioritaria ma così si fa un dispetto all’Udc e a Casini e il Pd non se lo può permettere. Oppure, in una fase di transizione come questa, si potrebbe fare una legge fortemente proporzionale ma qui il Pd si trova a fronteggiare la rivolta degli ulivisti capeggiata da Prodi.

Detto questo, Quagliariello ha ribadito la volontà del Pdl di arrivare a un accordo ma ha messo in guardia: se il Pd vuole il premio di coalizione allora “manteniamo il Porcellum” che contiene questo principio.

– Bersani dice che tra Vendola e Casini, preferisce Vendola. Casini dice ‘mai con Vendola al voto’. In queste condizioni possiamo avere una legge elettorale che incoraggia a fare coalizioni? Coalizioni che magari dopo 6 mesi esplodono? – ha osservato.

Per quel che riguarda il Pd, Massimo D’Alema è stato chiaro:
– Dobbiamo tentare ma ci confrontiamo con un interlocutore che ogni settimana cambia opinione, perché Berlusconi non è neppure sfiorato dall’idea che bisogna fare una legge elettorale per avere una democrazia più forte; lui fa il calcolo di quello che gli conviene sulla base dei sondaggi che fa fare settimana per settimana. Il risultato è che non riesci neanche a prendere delle decisioni.

Il presidente del Copasir ha incalzato:
– La legge elettorale va cambiata, faccio mio l’appello del capo dello Stato. Occorre molta flessibilità, non possiamo cambiare la legge elettorale da soli. E noi lo faremo bene, ma bisogna trovare l’accordo con altri. Ma è impensabile che ci si trovi di fronte alle liste porcellum. Comunque – ha sottolineato D’Alema – nessuno parla di proporzionale, è un sistema corretto.

Sempre per i democratici, è stata invece Anna Finocchiaro a chiarire:
– O rimane il porcellum o si deve fare una legge che veda il più ampio consenso e quindi anche quello del Pdl. Se si vuole cambiare la legge bisognerà arrivare ad una mediazione anche con loro. Io non so se sarà la migliore legge possibile, ma penso che peggio del Porcellum non ci sia nulla.

Per una mediazione ha spinto anche Pier Ferdinando Casini:
– Sulla legge elettorale credo che il giochetto a scaricabarile rischia di pesare sulle spalle dei partiti. E’ inutile parlare di Grillo, quello che è lo sappiamo. Grillo sta speculando sui disastri del paese per averne un profitto politico. L’unico modo per bloccarlo è fare le cose, non rinviarle, altrimenti gli facciamo un regalo. Ora è il momento per noi di fare il nostro dovere, non di polemizzare con gli altri.

Il leader dell’Udc ha sollecitato:
– Dobbiamo creare una legge elettorale seria che restituisca agli italiani la possibilità di scegliere i propri rappresentanti. Chiediamo almeno che un accordo si realizzi preventivamente, che se ne discuta in Parlamento, davanti al paese e davanti agli italiani affinche’ loro stessi si rendano conto di chi è che fa sul serio – ha concluso Casini – e di chi invece sta cincischiando, come quelli che cambiano idea ogni 24 ore.

In questo contesto, Roberto Calderoli, il padre del porcellum, ha avanzato una proposta:
– Riproviamo con il modello tedesco che fino a pochi mesi fa era tanto decantato. Non è un modello che il giorno dopo il voto ci può garantire la maggioranza che dovrà governare. Se non altro è un sistema equilibrato e in Germania che è uno dei Paesi guida dell’Europa – ha detto l’esponente della Lega – funziona alla perfezione.

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora