Prandelli: Osvaldo e Giovinco per la Bulgaria

Pubblicato il 06 settembre 2012 da redazione

SOFIA – Dimenticare il passato. Per una volta l’esercizio di cancellazione della memoria azzurra è più faticoso, visti i buoni riscontri di gioco e risultati dei primi due anni di Cesare Prandelli. Ma oggi contro la Bulgaria la sua Italia comincia “la nuova avventura”, quella che dovrà portarla a una qualificazione ai Mondiali 2014 per nulla facile, a detta del commissario tecnico. Sarebbe dunque semplice riallacciarsi alla rinascita azzurra dell’altro ieri, fino all’infelice finale di Kiev.

“Ma la differenza è che ora siamo noi la squadra da battere”, precisa Prandelli, abile nel glissare sul dato di fatto che la vera svolta sta nell’addio all’era Cassano. “Siamo noi la squadra da battere – insiste il ct – Per questo ai miei giocatori ho fatto esattamente il discorso di due anni fa, quando cominciammo un altro ciclo. Non ho parlato per nulla di quel che abbiamo fatto a giugno: è un’eredità da non cancellare, ma che non ci servirà a nulla se non ricominceremo con la stessa generosità”.

Il primo test contro la Bulgaria priva di Berbatov (mister no anche per le telefonate del suo ct, oltre che per quelle di Fiorentina e Juve), in un girone definito da Prandelli “il più difficile” tra quelli europei verso Brasile 2014. Esagerazione mediatica per scuotere la squadra, e allontanare il rischio di accomodarsi sul bell’Europeo. Ma anche un pizzico di sano realismo: tra Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca e tradizionali lentezze azzurre a carburare, non c’é nulla di scontato nel raggruppamento.

L’Italia nuova riparte allora da Sofia con uno spirito giovane e tanta Juve, ma assomiglia parecchio a quella del recente passato. Va bene i baby talenti proposti dal campionato, ma per lanciare i Verratti e i Destro subito in campo è ancora presto.

Sette juventini nella squadra titolare, una difesa a tre che ricalca le consuetudini della squadra campione d’Italia (anche a costo di riciclare la riserva bianconera Giaccherini), e poi un’ossatura generale molto in linea con quella degli Europei. Solo Osvaldo, degli undici in campo, non c’era nel gruppo che portò l’Italia in finale a Kiev.

“Ho puntato sin dal primo giorno di ritiro su lui e Giovinco, hanno una grande forma fisica”, spiega il ct, che rivendica le sue scelte anche al di là del colore bianconero: “Dite che questa è un’ItalJuve? Rendo merito a Conte, e però rivendico che certe convocazioni le ho fatte prima che arrivasse lui, e sono stato anche criticato. Ad esempio Giovinco”.
Ovvero il numero 10 del futuro, cui un anno fa Prandelli fece complimenti sperticati (“i piccoli uomini sono quelli che scalano le montagne”) e ora affida lo scrigno della fantasia.

“Ha preso quella maglia – dice riferendosi al numero tondo che è stato di Rivera, Baggio o Totti – Il numero per me non conta molto, per i giocatori sì. L’importante è che lui sia sempre nel vivo dell’azione”.

A ben guardare, difatti, sono le assenze a marcare la differenza e la voglia di voltare pagina. Cassano – il 10 dell’ultima era azzurra – è già un passato lontano, fatte salve inaspettate rimonte dell’uomo dell’Europeo per i prossimi mesi. Meno sorprendente il forfait di Balotelli, stavolta legato a sue miopie reali e non virtuali; tra un guaio fisico e qualcuno d’altro genere, c’é da scommettere che nei due anni azzurri verso il Mondiale la sigaretta di SuperMario si accenderà e spegnerà a intermittenza. Tra le mani di Prandelli resta l’idea, di quella Italia. Perfino più forte (“intensa”, dice il ct) di quella che ha guidato la sua nazionale tra Cracovia e Kiev. Dopo aver parlato a inizio ritiro della voglia di costruire una squadra che giochi di più, a ritmi più alti alla vigilia della prima partita Prandelli va però sul concreto: “La parola chiave è qualificazione: tutti danno per scontato che sia facile. E invece oggi troveremo un ambiente particolarmente caldo”.

Quattro anni fa lo fu anche per la presenza degli Ultrà Italia che sfilarono per le vie di Sofia al canto di ‘faccetta nera’, stavolta la situazione sembra sotto controllo (“da questo punto di vista, sono sereno”). Semmai, giura Prandelli, c’é da temere una “Bulgaria rinnovata, che gioca un 4-3-3 molto aggressivo, con Popov uomo più pericoloso”. E la convinzione che i due anni trascorsi bastino a decretare la fine della crisi azzurra.

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora