L’Italia soffre e rischia, In Bulgaria finisce 2-2

Pubblicato il 07 settembre 2012 da redazione

SOFIA – Due lampi dell’oriundò Osvaldo e poco più. L’Italia parte male nel suo cammino verso il Mondiale. Il 2-2 contro di Sofia va bene per il punto preso alla prima partita del girone B, soprattutto vista la sofferenza azzurra di fronte a una Bulgaria veloce e sempre padrona del campo. Ma al primo appuntamento dopo l’Europeo la nazionale di Prandelli si è fatta trovare impreparata.

Ha giocato sotto ritmo, ha sofferto sulle fasce che dovevano essere il punto di forza, ha sprecato con Giovinco l’ennesima occasione di uscire dal guscio degli exploit di seconda linea. E a conti fatti, ha subito sempre e condotto raramente. Se valgono le attenuanti di una condizione non ancora al top e della precaria situazione fisica di De Rossi, segnali negativi arrivano da Maggio, oltre che dall’attaccante juventino che con il 10 azzurro doveva consacrarsi e invece è sparito. Ci si è messa poi anche la scelta di Prandelli di usare la terza sostituzione a un quarto d’ora dalla fine, tranne poi rimanere in 10 per un De Rossi acciaccato. Come nella finale di Kiev, stavolta fortunatamente per il ct con esiti meno infausti. Anche se la sua Italia ha sempre dato l’impressione di un crollo imminente.

Gli azzurri si schierano con il 3-5-2 inedito, emergenze dell’Europeo a parte, e l’ancora più insolita coppia d’attacco Giovinco-Osvaldo. Il pallino del gioco è affidato come sempre a Pirlo, che paga la precaria condizione fisica di De Rossi dopo l’infortunio di San Siro e la gran corsa dei bulgari. I quali a sorpresa invece dell’annunciato 4-3-3 si coprono con un più scolastico 4-4-2 ma non rinunciano a tagli e inserimenti in velocità. Quelli che faranno penare l’Italia per 90’.

Dopo i fischi all’inno italiano, qualche ululato a Ogbonna e diversi petardi, la partenza dice subito che partita sarà.
Bulgaria all’assalto senza troppa precisione, ma con tanta corsa. La sofferenza di De Rossi e le titubanze dei due esterni – Maggio in testa, per tutto un tempo fuori dal gioco – mandano minuto dopo minuto in difficoltà crescente gli azzurri. Prandelli chiede a Pirlo e De Rossi di aggredire di più pallone e azione. Eppure la prima palla buona è azzurra, al 7’ col lancio di Giovinco su cui Osvaldo alza di testa un pallonetto improbabile. Risponde subito Popov lanciato in area da solo da Milanov, e poi Gadjev il cui tiro da fuori è parato a terra da Buffon al 16’. Decisiva la sua smanacciata al 23’, su una punizione al veleno di Gargarov che Ivanov spizza in area.

L’Italia invece non è pervenuta. Giovinco è smarrito tra i centrali bulgari, Osvaldo è costretto a correr dietro per rimediare palloni e si ritrova ad aiutare il centrocampo in difficolta. Timida la risposta di Giaccherini, che prova a mettere la testa fuori con un cross al 25’. Puntuale e meritato, alla mezzora il gol di Manolev, un tiro da fuori che Buffon vede in ritardo. Va in confusione persino Ogbonna, che qualche minuto dopo pasticcia con un pallone indietro finito in angolo. Ma quando meno c’é da aspettarselo, arriva il micidiale uno-due di Osvaldo. Prima il sinistro in area su azione manovrata (36’), poi la girata morbida di testa con l’aiutino di Ivanov.

Risultato ribaltato e oriundo azzurro esaltato: meglio di lui fece solo ‘Mumo’ Orsi, doppietta all’esordio assoluto. L’argentino di oggi invece sfiora il terzo gol al 44’, con una gran botta dal limite, quando già Maggio aveva messo di nuovo a rischio il vantaggio con una svirgolata in difesa. Fortuna per Prandelli che Popov spreca.

La doppietta di Osvaldo dovrebbe avere il merito di risvegliare l’Italia. Si riparte con un Giovinco diverso, due volte al tiro nei primi minuti della ripresa. E invece la fiammata vera è di nuovo quella della Bulgaria.

La squadra di casa riparte a velocità raddoppiata, e mette in crisi la difesa azzurra. Al 16’ Buffon da brividi per un’uscita bassa non trattenuta, il paradosso è che i bulgari agiscono in contropiede. Prandelli manda in campo Diamanti per Giaccherini,tornando a un più consono 4-3-1-2 ma dietro si balla lo stesso. Così al 22’ arriva il pari di Milanov, con la complicità di Ogbonna che si fa prendere d’infilata da Milatski.

La sofferenza non finisce, Buffon deve salvare su Gadjev lanciato in contropiede al 28’. Prandelli ci riprova con Destro al posto di Giovinco, e il romanista spreca alla mezzora da dentro l’area piccola. Ma la sostituzione, terza azzurra dopo Peluso per Ogbonna, costa all’Italia gli ultimi dodici minuti in 10 per l’uscita di De Rossi.

La Bulgaria però cala fisicamente, grazie a Diamanti l’Italia prova a tenere palla e sfiora il gol di una vittoria tutto sommato immeritata con Destro. Resta il tempo per una parata a terra di Buffon. Finisce 2-2, e a conti fatti Prandelli tira un sospiro di sollievo.

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora