Barquisimeto jazz, ovazione per l’italiano Francesco Cafiso

CARACAS – Grande successo in terra venezuelana per Francesco Cafiso, uno dei talenti più precoci nella storia del jazz italiano e non solo.

Ieri il sassofonista italiano ha mandato in visibilio l’attento pubblico di Barquisimeto accorso al Teatro Juares per ascoltarlo.

Cafiso per l’occasione era accompagnato dall’Island Blue 4et, format da Dino Rubino (Trumpet e Flugelhorn), Giovanni Mazzarino (Piano), Rosario Bonaccorso (Basso).

Nato a Vittoria, in Sicilia, 23 anni fa, Cafiso già a nove anni muove i primi passi facendo esperienze con musicisti di fama internazionale. Decisivo per la sua carriera è l’incontro, nel luglio del 2002, durante il Pescara Jazz Festival con Wynton Marsalis che, stupito dalle sue qualità musicali, lo porta con sé nell’European tour del 2003. Da allora, Francesco ha suonato nei Jazz Festival e nei Jazz Club più importanti del mondo.

Ha vinto diversi premi importanti tra i quali il Premio Nazionale Massimo Urbani a Urbisaglia, il premio EuroJazz a Lecco, l’International Jazz Festivals Organization Award a New York, la World Saxophone Competition a Londra, il Django d’Or a Roma e molti altri prestigiosi riconoscimenti. A New Orleans ha suonato con Ellis Marsalis, Jason Marsalis, Thadeus Richard, Bob Franch, Maurice Brown e con molti altri importanti musicisti del luogo ricevendo, contemporaneamente, delle speciali lezioni da Alvin Batiste.

Nel 2004 ha partecipato come ospite al Festival di Sanremo.

Nel 2005 lo Swing Journal, l’autorevole rivista giapponese di musica jazz, gli ha conferito il New Star Award premio riservato ai talenti stranieri emergenti e subito dopo, si è affermato nel Top Jazz, referendum della rivista italiana Musica Jazz, che lo ha riconosciuto miglior nuovo talento dell’anno. Ha suonato con grandissimi musicisti quali: Hank Jones, Cedar Walton, Dave Brubeck, Mulgrew Miller, Ronnie Matthews, Jimmy Cobb, Ben Riley, Ray Drummond, Reggie Johnson, Doug Sides Lewis Nash, James Williams, Joe Lovano, George Mraz, Joe Locke, Adam Nussbaum, Enrico Rava, Gianni Basso, Dado Moroni, Franco D’Andrea Franco Cerri e moltissimi altri italiani ed americani.

Cafiso dal 2008 è anche direttore artistico del Vittoria Jazz Festival, sua città natale. Il 19 Gennaio del 2009 ha suonato a Washington DC durante i festeggiamenti in onore del Presidente Barak Obama e del Martin Luther King Jr. day.

Il 17 luglio del 2009, Umbria Jazz lo ha nominato “ambasciatore della musica jazz italiana nel mondo”.

Ieri al ‘Festival Internacional de Jazz’ di Barquisimeto, giunto alla 7ª edizione, il suo primo concerto venezuelano e latinoamericano.

G.D.R.

Condividi: