Italia, verifica contro Malta Prandelli: “Voglio bel gioco”

Pubblicato il 10 settembre 2012 da redazione

MODENA – Settembre è il mese degli esami di riparazione. Quello dell’Italia di Cesare Prandelli è sulla carta facile, perché di fronte oggi a Modena c’é Malta, che non segna nelle qualificazioni mondiali da 11 partite. Eppure a Prandelli non basta immaginare una vittoria per tanto a poco. E tantomeno una promozione che rinvii all’anno che verrà tutti i problemi.
“Non mi piacciono le partite vinte con scarti enormi, spesso sviliscono il senso di quel che si fa – è il paradosso del ct -. Preferisco vincere con un piccolo scarto, ma un grande gioco”.

La goleada sarebbe in fondo un modo per ringraziare la gente d’Emilia del calore con la quale ha abbracciato la Nazionale, salita domenica fino a Medolla per allenarsi tra le tendopoli dei terremotati. Ma dopo il giorno dell’emozione, Prandelli torna sul concreto. Chiede alla sua Nazionale di scrollarsi di dosso ruggini e paure, e di gettare il cuore oltre l’ostacolo contro una squadra che sotto la guida dell’italiano Ghedin sarà anche cresciuta, ma resta 139ª nella classifica Fifa.

L’unico avversario serio, a questo punto, è l’Italia stessa. C’é da dimenticare la prestazione di Sofia, venerdì scorso, e per farlo Prandelli ha prima sgridato i suoi giocatori e poi ha rivoltato la formazione. Pazienza se il cantiere è fin troppo aperto, e oltre le fondamenta non si vede ancora quale sarà il tetto.

Per domani, esce Giovinco, che ha fallito ancora una volta l’appuntamento con la consacrazione, dentro Destro in coppia con Osvaldo. Diamanti dietro la coppia romanista a fare il trequartista (“é l’unico che può fare quel ruolo”). Nocerino entra al posto dell’infortunato De Rossi. Cambiati i due terzini, Cassani-Peluso per Maggio-Giaccherini.

A conti fatti, però, più dei 5 cambi conta la rinuncia al 3-5-2 per il 4-3-1-2: era stata la cifra stilistica di Prandelli fino alle soglie dell’Europeo, si è smarrito tra ‘debacle’ dei giocatori e incertezze del ct.

“Dopo il 2-2 con la Bulgaria – spiega Prandelli – sono stato molto franco anche con la squadra, perché se le cose non vanno sono più duro dei critici. E’ giusto sia così. Anche perché se l’approccio non è stato quello giusto, il primo responsabile sono io. Dobbiamo ritrovare la nostra identità, cambiare l’approccio. Senza Chiellini, e con centrocampisti non abituati, inutile fare quel modulo”.

Quanto alla bocciatura di Giovinco, il ct prova ad allungare ‘ad personam’ i tempi della riparazione. “Lui sa di essere sotto esame: ma deve stare sereno, non deve strafare – dice -. Non deve dimostrare nulla, ha tutta la nostra stima, gioca in un grande club. Faccia quel che sa, e le cose verranno”.

Un po’ quello che il ct consiglia agli undici titolari. “Il rischio è la frenesia – sottolinea – la voglia di fare tutto da soli. Contro la Bulgaria siamo stati slegati, troppo lunghi, abbiamo fatto pochi passaggi. Dobbiamo tornare a cercare un giocatore tra le linee, dialogare col pallone a due tocchi. Solo così si diventa pericolosi”. Poi si guarderà agli altri risultati del girone: lo 0-0 di Danimarca-Repubblica Ceca è un’involontaria mano agli azzurri ma Prandelli non si accontenta degli equilibri di classifica.

“Segnare e non giocare vuol dire non avere futuro”, il messaggio di Prandelli alla squadra. Disposto a rimandare ulteriormente a ottobre un solo verdetto, quello di Simone Farina.

“Sapevamo – la conclusione del ct azzurro – che dopo aver denunciato un tentativo di combine avrebbe avuto difficoltà a trovare un contratto. Non lasciamolo solo, spero che tra un mese in ritiro azzurro arrivi la notizia, Farina ha una nuova squadra”. E magari Prandelli un’Italia che funziona.

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora