Aggiornato il cambio euro-bolìvares per le pensioni in Venezuela

ROMA – La Banca d’Italia ha aggiornato il tasso di cambio euro-bolivares che tanto penalizzava i pensionati italiani in Venezuela. A confermarlo è stato il Viceministro del Lavoro, Michel Martone, che ha risposto all’interrogazione presentata lo scorso febbraio dall’onorevole Fabio Porta (Pd).

‘La revisione’
Nel corso del mese di febbraio 2012, ha spiegato il viceministro, “la Banca d’Italia ha provveduto a comunicare una “revisione” delle serie storiche dei cambi della moneta venezuelana per le rilevazioni dal 3 gennaio 2011 al 20 febbraio 2012, aggiornando, altresì, le medie mensili e annuali di detta valuta per il periodo indicato. Conseguentemente, l’Inps ha ricalcolato tutte le pensioni da erogare in Venezuela in regime convenzionale con il sistema del pro rata”.

Erogati anche gli arretrati
“La rata di pensione – ha chiarito Martone – è stata posta in pagamento nell’importo aggiornato alla nuova parità valutaria a partire dal mese di marzo 2012 ovvero dal mese di luglio 2012 per i soli pagamenti semestrali. Ove spettanti, inoltre, l’Istituto ha provveduto ad erogare ai pensionati anche le somme arretrate a credito”.

“La questione sollevata con l’interrogazione in esame – ha concluso – ha trovato adeguata soluzione in risposta alle legittime aspettative dei pensionati italiani residenti in Venezuela”.

Condividi: