Fiat preoccupa sindacati. Della Valle: “Ad inadeguato”

Pubblicato il 14 settembre 2012 da redazione

ROMA – ‘Fabbrica Italia’ era considerato un marchio garanzia. E ora che Fiat l’ha archiviato ufficialmente, insieme alle polemiche sulle scelte industriali del Lingotto, torna a salire la preoccupazione per il destino degli stabilimenti italiani. I sindacati alzano la voce e chiedono un intervento del governo. Il patron della Tod’s, Diego Della Valle, attacca:
– Il vero problema di Fiat sono i suoi azionisti di riferimento e il suo amministratore delegato. Sono loro che stanno facendo le scelte sbagliate o, peggio ancora, le scelte più convenienti per loro e i loro obiettivi, senza minimamente curarsi degli interessi e delle necessità del Paese.

Il fantasma che aleggia è l’ipotesi che Fiat possa scegliere la strada di un progressivo ma inesorabile disimpegno dal mercato europeo e, quindi, da Torino e dal resto d’Italia. Un’ipotesi che, comunque, resta al momento una estrema ratio.
– Penso sia possibile un ridimensionamento della produzione, ma non penso ad un abbandono totale dell’Italia – dice Giuseppe Berta, storico d’impresa dell’università Bocconi e uno dei massimi esperti di Fiat del Paese.
Massima allerta, comunque, anche in casa Pd.

– La questione della Fiat è drammatica, siamo arrivati alla riproduzione degli anni ‘70. Vorrei dire al governo: nessuno vuole il dirigismo, ma da ministro posso dire che se li chiami devono venire – scandisce il leader Pierluigi Bersani.
Sicuramente, la presa di posizione di Marchionne viene letta con molta apprensione anche dal governo. Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha assicurato che chiederà chiarimenti e il sottosegretario all’economia, Gianfranco Polillo, parla di “un fulmine a ciel sereno”. La Fiat, aggiunge, “ha detto di essere in fase di ripensamento, aspettiamo di saperne di più. Immagino ci sarà un confronto con il ministro Passera sulle soluzioni da adottare”.

Ovviamente agitate le acque nel fronte sindacale.

– Marchionne ha detto a me e ad altri sindacalisti che per adesso si soprassiede perché il mercato è davvero molto giù e quindi bisogna aspettare che sia più vivace -, sintetizza il leader della Cisl, Raffaele Bonanni -. Ora spero e speriamo tutti che riprenda vivacità perché è la condizione per riottenere una produzione capace di assorbire tutte le persone che sono impegnate nel settore.

Più dure le considerazioni che arrivano dai sindacati metalmeccanici.

– La Fiat deve dire la verità al Paese: il gioco degli specchi è finito. Non si possono scaricare le soluzioni sui lavoratori come si è cercato di fare finora chiedendo disponibilità di orari, turni, straordinari e riduzione delle pause senza portare investimenti e senza mantenere gli impegni -, attacca Giorgio Airaudo, responsabile Auto della Fiom.

Tensione si respira soprattutto negli stabilimenti più a rischio.

– Siamo molto preoccupati. Qui a Cassino se chiude Fiat va in crisi l’intero territorio. L’intera economia della provincia gira intorno allo stabilimento. A questo punto è necessario l’intervento del governo che deve convocare la Fiat e le parti sociali per sapere effettivamente qual è a questo punto il piano dell’azienda -, dice il segretario provinciale della Fim di Frosinone, Mario Spigola.

– Occorre resistere fino a metà del 2013 per superare la crisi che investe il settore dell’auto ed essere pronti con la capacità produttiva dei siti e i nuovi modelli da produrre. Fino a quel tempo Fiat può utilizzare contratti di solidarietà e cassa integrazione per far fronte alla congiuntura negativa -, ricorda Rocco Palombella, segretario generale della Uilm.
In questo scenario, è puntuale l’analisi di Giuseppe Berta, storico d’impresa dell’università Bocconi e uno dei massimi esperti di Fiat del Paese.

– Penso sia possibile un ridimensionamento della produzione, ma non penso ad un abbandono totale dell’Italia – spiega – tagliare i ponti con il mercato europeo sarebbe rischioso e questo vale anche per General Motors con Opel.
I chiarimenti arrivati dal Lingotto, che ha sostanzialmente archiviato l’operazione Fabbrica Italia, vengono letti come “la conferma di un’indicazione già nota dall’autunno scorso, ovvero che non si vuole più utilizzare l’espressione Fabbrica Italia, che si conferma lo stato di difficoltà dell’auto in Italia e in Europa e che sono considerati più profittevoli gli investimenti in America del Nord e in America del Sud”. Secondo Berta, in questo contesto, se “è giustificata la preoccupazione dei sindacati di fronte a una grave flessione del mercato”, il governo non può fare molto rispetto alle scelte della Fiat: “un governo senza risorse come quello attuale, si deve limitare chiedere informazioni. E la risposta di Fiat è sempre la stessa, che è libera di produrre dove le conviene di più”. Va ricordato comunque, conclude Berta, che Fiat ha fatto investimenti in Italia che guardano al futuro, come dimostra il fatto che “sta finendo il nuovo impianto Maserati a Grugliasco”.

Ultima ora

13:11Austria: il nuovo governo giura tra le proteste

(ANSA) - TRIESTE, 18 DIC - Centinaia di persone si sono radunate a Vienna per protestare contro l'insediamento del nuovo governo di destra. Antifascisti, femministe e gruppi di studenti di sinistra hanno manifestato contro la coalizione tra il Partito popolare austriaco conservatore e il Partito nazionalista Fpoe che si sono impegnati a irrigidire le norme sull'asilo nel Paese e sull'immigrazione, mantenendo nel contempo un fermo impegno a favore dell'Unione Europea. Il leader del Partito popolare Sebastian Kurz, 31 anni, diventerà il più giovane capo di governo in Europa. Gli oppositori politici hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che l'Fpoe, che ha legami con gli estremisti di estrema destra, avrà il controllo degli importanti ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri. Il suo leader, Heinz-Christian Strache, diventerà vice cancelliere.

13:11Falsi: oltre 6 mln prodotti sequestrati da gdf Prato

(ANSA) - PRATO, 18 DIC - Sono circa sei milioni i prodotti contraffatti e potenzialmente dannosi, per un valore di 30 milioni di euro, sequestrati dalla guardia di finanza del comando di Prato nel corso dell'operazione "Passo passo" in cui 12 persone sono state denunciate. I finanzieri hanno avviato una complessa attività investigativa che ha portato ad operare nelle regioni della Toscana e del Lazio, sotto la costante direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Prato, dottoressa Valentina Cosci. Le perquisizioni operate sul territorio nazionale, su delega dell'autorità giudiziaria, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa sei milioni di capi di abbigliamento ed articoli di bigiotteria potenzialmente dannosi per la salute del consumatore finale e più di 1.000 bracciali contraffatti, per un valore stimato di mercato di circa 30 milioni di euro identificando e denunciando 12 imprenditori, tutti di nazionalità cinese, titolari e/o amministratori di altrettante ditte ubicate tra Prato, Roma e Viterbo. L'operazione, si legge in una nota della gdf, ha portato gli operatori delle fiamme gialle a seguire la filiera dei prodotti potenzialmente dannosi, e in molti casi contraffatti, partendo da alcune perquisizioni operate all'interno del centro espositivo "Euroingro" di Prato dove alcuni imprenditori commercializzavano tali prodotti, fino ad arrivare a individuare i vari fornitori/importatori, tutti dislocati principalmente nella capitale.(ANSA).

13:07Calcio: maschera da cestista nero,bufera social su Griezmann

(ANSA) - PARIGI, 18 DIC - L'attaccante francese dell'Atletico Madrid, Antoine Griezmann, è al centro di una violenta polemica dopo aver pubblicato, ieri sera, una foto sul suo account Twitter in cui appariva mascherato da giocatore di basket nero, con un taglio di capelli "afro" e la pelle dipinta. Il tweet ha subito sollevato un'ondata di riprovazione e di accuse di razzismo, il nazionale francese è stato costretto a cancellarlo e a chiedere scusa. In un primo momento, Griezmann ha tentato di spiegarsi: "calma, amici - ha scritto - io sono un fan degli Harlem Globetrotters e di quel bel periodo...si tratta di un omaggio". Ma ormai non c'era più niente da fare, centinaia di tweet lo hanno accusato di praticare il "blackface", nato negli Stati Uniti nel XIX secolo, la presa in giro delle persone di colore fatta tingendosi il viso. "Riconosco di essere stato maldestro - ha infine ammesso l'attaccante dei Bleus in un ultimo tweet dopo aver eliminato la foto - se ho ferito qualcuno, mi scuso".

13:05Francia: compleanno al castello, opposizione attacca Macron

(ANSA) - PARIGI, 18 DIC - Non si placano in Francia le polemiche sulla scelta di Emmanuel Macron di festeggiare il compleanno dei 40 anni durante il week-end al castello di Chambord, antica e prestigiosa dimora di Francesco I, insieme a una quindicina di familiari. Macron, in una dichiarazione rilasciata ad alcuni media davanti al castello in cui afferma di aver "festeggiato un Natale in anticipo", ha puntato il dito contro le accuse: "non bisogna cadere in questa specie di meschinità di chi vuole sempre vedere dei simboli". Macron ha trascorso il fine settimana con Brigitte e alcuni familiari in una villa di campagna affittata ed ha cenato in una sala del castello al costo di 600 euro, secondo quanto informa l'Eliseo: "E' un prezzo ragionevole per un presidente della Repubblica che vuol fare una cena con la famiglia", ha aggiunto Macron. L'opposizione ha criticato le celebrazioni definendole "monarchiche" e trovandovi la conferma che Macron è il "presidente dei ricchi".

13:02Incidenti montagna: in Lombardia quattro morti in tre giorni

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - E' stato trovato stamani il cadavere di un alpinista di 57 anni di Taceno (Lecco) che ieri sera non era rientrato alla base. L'allarme è scattato intorno alle 18. Impegnati una trentina di tecnici della XIX Delegazione Lariana del Soccorso alpino. Stamattina l'elicottero della Guardia di Finanza lo ha avvistato in un canale nella zona della Cima D'Olino, sotto il sentiero che dall'Alpe Paglia porta al rifugio Santa Rita, a una quota di circa 1.600 metri. Secondo una prima ricostruzione dell'incidente, nonostante indossasse dei ramponi leggeri, il 57enne ha perso l'equilibrio ed è scivolato sul ghiaccio per un centinaio di metri, riportando ferite mortali. Sono intervenuti anche il Sagf (Soccorso alpino Guardia di Finanza) e i Carabinieri. Sul posto anche l'elisoccorso da Como. Il tecnico ha trasferito a bordo il corpo per il trasporto a valle. Il soccorso Alpino sottolinea che si tratta del quarto incidente mortale in Lombardia in tre giorni. (ANSA).

12:56Sparò a ladro che stava entrando in casa, condannato

(ANSA)- PADOVA, 18 DIC - E' stato condannato a quattro anni e undici mesi, all'interdizione temporanea dai pubblici uffici e al pagamento di un risarcimento di 24.500 euro, Walter Onichini, di Legnaro (Padova), commerciante accusato di tentato omicidio per aver sparato a un uomo che si era introdotto nella sua villetta, assieme ad altri per compiere un furto, la notte del 22 luglio 2013. Il pm Emma Ferrero aveva chiesto 5 anni e due mesi. Secondo l'accusa, il macellaio aveva sparato con l'intenzione di uccidere. Onichini aveva sparato a Nelson Ndreaca, albanese di 25 anni, che stava cercando di fuggire rubandogli l'auto parcheggiata sotto casa. Il commerciante lo aveva ferito e caricato in auto, per abbandonarlo poco dopo, a circa un chilometro da casa, dove all'alba era stato ritrovato, ferito, da un passante. Alla lettura della sentenza, molte le proteste di amici e sostenitori di Onichini.

12:54Amianto: ottavo giorno sciopero fame davanti a Montecitorio

(ANSA) - CAGLIARI, 18 DIC - All'ottavo giorno di sciopero della fame davanti alla Camera, in piazza Montecitorio a Roma, il presidente dell'associazione dei familiari dei militari e civili del comparto Difesa e della sicurezza nazionale esposti e vittime dell'amianto e altri fattori nocivi, Salvatore Garau, rientra ad Alghero. La protesta proseguirà comunque con la staffetta di altri aderenti al coordinamento, per chiedere al Parlamento che nella legge di bilancio venga inserita una norma "chiara ed equa" che superi "l'attuale matassa intricata di leggi che non tutelano familiari e vittime". "Sono tornato ad Alghero, a casa - spiega Garau - per ottemperare a un impegno formale che non poteva concludersi senza la mia presenza. Davanti a Montecitorio c'è ancora il mio impegno a manifestare un pieno e incondizionato No all'Inail. Ho perso cinque chili, ma non la determinazione a continuare a portare avanti le ragioni della lotta. Il Governo e il Parlamento dello Stato a cui ho giurato fedeltà incondizionata ci ascoltino".(ANSA).

Archivio Ultima ora