Gullit: se il Milan chiama…

Pubblicato il 14 settembre 2012 da redazione

MILANO – Quando è atterrato a Linate ha provato “emozione e nostalgia” Ruud Gullit, perché “i tanti viaggi con il Milan sembrano lontani pochi giorni e invece sono passati quasi 20 anni”. Non ha più le treccine ma qualche capello bianco l’olandese classe ‘62, che in rossonero ha vissuto ‘’il periodo più bello della carriera” e non esclude un suggestivo ritorno, ovviamente in veste di allenatore.

– Se Milan chiama è un onore, come fai a dire no? Non si sa mai – ha sorriso – ma credo che ora il Milan sia in buone mani.
Intanto Gullit è insieme a Luis Figo (“Sono curioso di sapere se ho le qualità per allenare, lo farei all’Inter o con il Portogallo, ma fra curiosità e realtà il passo è lungo”) testimonial della prima tappa italiana dello Uefa Champions League Trophy Tour presentato da Unicredit, che dopo Piazza Duomo sbarcherà a Torino, Bologna, Palermo, Napoli e Roma consentendo agli appassionati di farsi fotografare con il trofeo. Quella coppa Gullit l’ha sollevata al cielo due volte (‘89 e ‘90) con il Milan, ma fatica a vedere protagonista quest’anno un’italiana.

– Le squadre inglesi e spagnole hanno qualcosa di più, e il Real Madrid è favorito, con il Barcellona leggermente dietro -, è convinto l’olandese.

Suggerisce pazienza ai tifosi rossoneri:
– Sono un po’ viziati, perché abituati a vincere sempre ma devono sostenere la società che ora ha fatto una scelta per avere il bilancio in ordine e sono certo farà di tutto per tornare a vincere – ha osservato nella conferenza stampa al fianco di Paolo Fiorentino, vice direttore generale di Unicredit – Così i giovani hanno più possibilità di inserirsi, e alla lunga è la strada giusta. In Olanda è normale: senza i soldi per competere e così abbiamo sempre puntato sui giovani.
E la Juventus?

– Gioca un bel calcio e mi piace come sta cambiando. E’ l’esempio di come deve essere costruita una buona squadra italiana – è convinto Gullit -. Uno dei maggiori problemi in Italia è quello degli stadi vecchi, quasi tutti risalenti ai Mondiali del ‘90. Al Delle Alpi c’erano al massimo 20 mila persone, il nuovo stadio della Juve invece è sempre pieno e questo dà alla squadra una carica in più. Con la crisi non è facile, ma altre società dovrebbero seguire l’esempio.
A Milano, il Comune e le due società, lavorano invece sullo stadio di sempre, il Meazza, per ospitare la finale di Champions League nell’anno dell’Expo.

– Entro il 2015 – ha assicurato l’assessore allo Sport Chiara Bisconti – sarà pronto.

Ed entro fine anno potrebbe arrivare la decisione della Uefa.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora