Vignette osé su Maometto, Francia chiude ambasciate in 20 Paesi

Pubblicato il 19 settembre 2012 da redazione

PARIGI – Massima allerta nelle ambasciate e nelle scuole francesi nei paesi considerati a rischio dopo che il settimanale satirico francese ‘Charlie Hebdo’ ha pubblicato ieri alcune vignette che mostrano il profeta Maometto in pose osé.
In una delle immagini incriminate, che appare in quarta di copertina, si vede un rabbino che spinge un imam in sedia a rotelle ed è intitolata “Intoccabili 2: guai a chi ride!”. La tradizionale rubrica del giornale ‘Le copertine che vi siete persi’ mostra inoltre, scrive le Figaro, alcuni disegni di Maometto nudo.
La Francia ha adottato ‘’misure di sicurezza eccezionali’’ per proteggere le sue ambasciate, ha reso noto il ministro degli Esteri, Laurent Fabius. ‘’Ho diramato istruzioni in tutti i paesi in cui possono esserci dei problemi affinché siano adottare misure di sicurezza eccezionali’’, ha spiegato il ministro senza nascondere la sua ‘’preoccupazione’’.
Venerdì, giornata di preghiera, le ambasciate, i consolati i centri culturali e le scuole francesi ‘’in una ventina’’ di paesi musulmani rimarranno chiuse come ‘’misura di precauzione’’, ha annunciato, precisando che ‘’non ci sono minacce concrete contro alcun sito’’.
Nel ‘’contesto’’ attuale, ha spiegato, la pubblicazione delle vignette ‘’getta olio sul fuoco’’. ‘’In Francia, vale il principio della libertà di espressione e non bisogna metterlo in discussione. Tenuto conto di questo film imbecille, del video assurdo che è stato diffuso, il contesto ora è quello delle emozioni forti registrate in moltI paesi musulmani. E’ pertinente e intelligente gettare olio sul fuoco? La risposta è no, bisogna trovare un equilibrio’’, ha affermato.
Il sito di ‘Charlie Hebdo’ è stato chiuso ieri dopo aver subito un attacco di pirateria informatica. Lo ha denunciato il direttore della pubblicazione, il disegnatore che si firma Charb, citato da Le Figaro. La violazione della pagina web costituisce “un attacco ancora più massiccio” rispetto a quello subito l’anno scorso, ha sottolineato, quando la sede di Charlie Hebdo era stata data alle fiamme dopo la pubblicazione di altre vignette satiriche sull’islam.
Charb martedì ha ammesso ai microfoni di RTL che le nuove caricature potevano suscitare polemiche. Ma il giornalista si è giustificato spiegando che “se iniziamo a porci la domanda se abbiamo o meno il diritto di disegnare Maometto, se sia pericoloso o meno farlo, la domanda successiva sarà, possiamo rappresentare dei musulmani nel giornale? E poi sarà se possiamo rappresentare degli esseri umani nel giornale, e alla fine non rappresenteremo più nulla e il gruppo di estremisti che si agitano nel mondo e in Francia avrà vinto”.
Il Consiglio francese per il culto musulmano si è detto “profondamente scioccato” per la pubblicazione di questi disegni e ha invitato “tutti i musulmani in Francia a non cedere alla provocazione”.
E’ stata vietata nel Paese la manifestazione di protesta contro il film blasfemo ‘l’Innocenza di Maometto’ organizzata sulla spianata del Trocadero a Parigi sabato. In una intervista a Rtl, il premier francese Jean-Marc Ayrault ha dichiarato che iniziative di questo genere ‘’non sono autorizzate’’.
Intanto, non si arresta l’ondata di proteste in tutto il mondo islamico per il film ‘blasfemo’ sulla vita del profeta Maometto. Un gruppo di circa un migliaio di manifestanti è sceso in piazza a Jalalabad, città dell’Afghanistan orientale, per manifestare contro la pellicola prodotta negli Usa. I manifestanti, in gran parte studenti universitari, hanno scandito slogan come “Morte all’America” e “Morte ai nemici dell’Islam”.
In Turchia due avvocati turchi hanno depositato una richiesta di rinvio a giudizio per il produttore e il regista del film anti-Islam. Secondo i legali, chi è dietro al film “gioca con i valori morali dei musulmani, che crediamo siano sacri, davanti agli occhi di tutto il mondo”. Il film, secondo i promotori dell’iniziativa, “ha infranto la quiete del popolo turco e ha apertamente istigato la gente all’odio e all’inimicizia” e per questo è legittimo processare chi lo ha prodotto.
Le autorità saudite hanno invece minacciato il blocco completo di YouTube nel Paese se Google non accoglierà la richiesta di negare l’accesso al film ‘blasfemo’.
Dall’Italia il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, ha commentato: ‘’E’ un momento di ansia per quello che accade ma non dobbiamo neanche esagerare le situazioni che si stanno verificando’’.

Ultima ora

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

Archivio Ultima ora