Bersani: “Fiat confermi gli impegni in Italia”

ROMA – Continua il pressing sulla Fiat. Sabato Marchionne, giunto ieri a Torino dagli Usa, va da Monti. Bersani: ‘Confermare impegni’. Intanto i sindacati chiedono certezze e investimenti. Camusso: ‘Non hanno detto che investiranno in Italia’. Interviene anche la Curia: ‘Non si giochi con la vita delle persone’. E la Volkswagen smentisce un interesse ad acquisire l’Alfa Romeo.
Dopo l’incontro del governo con i vertici Fiat di sabato “la prossima settimana incontreremo il sindacato. E’ importante sentire non solo i vertici della Fiat, ma ovviamente anche tutti i sindacati”, lo ha detto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero.

Bersani: “Monti chieda la riconferma degli impegni”
“Io gli direi un paio di cose molto semplici: Fiat riconfermi i suoi impegni in Italia e un patto per sviluppare la ricerca di prodotti nuovi perché nel mondo vediamo che le macchine si fanno dove si fa ricerca”. PierLuigi Bersani risponde così ai cronisti che gli chiedono che cosa chiederebbe alla Fiat in vista dell’incontro a P. Chigi.

Camusso: “Governo chieda la verità”
Il governo ha il dovere di chiedere alla Fiat di dire la verità sulle intenzioni che ha nel nostro Paese.Lo dice il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso a Radio anch’io. Non bisogna, ha spiegato, “tanto discutere su come rendere attraente per la Fiat rimanere in Italia perché il Paese in questi anni lo ha fatto con misure ben oltre le regole di mercato quanto sapere da Fiat che intenzioni ha. Deve dirci cosa ha intenzione di fare”. La convocazione è importante. Sarebbe giusto ci fosse anche un tavolo con le parti sociali”.
Fiat ‘’ha imposto gravose condizioni ai lavoratori a fronte di un piano di investimento di ‘Fabbrica Italia’. Il Paese deve sapere cosa vuole fare la Fiat’’.
Per Camusso la Fiat ha già goduto di ‘’privilegi in questo Paese e non mi aspetto che il governo ci metta altri soldi’’.
“Mi pare che Marchionne non abbia ancora detto che investirà in Italia: cosa che è il vero tema”. Così, a margine di un convegno della Fisac-Cgil, Camusso, ha replicato a chi le chiedeva un commento sulle parole dell’amministratore delegato di Fiat secondo cui i buoni risultati all’estero potrebbero sostenere investimenti nel Paese.
Sulla stessa linea il leader della Fiom, Maurizio Landini, che sottolinea: “Penso che ci sia bisogno di coinvolgere anche le organizzazioni sindacali e mi auguro che quello non sia un incontro conclusivo ma un incontro che apra una vera discussione, una vera trattativa con la Fiat e anche con i sindacati. Mi auguro anche – aggiunge – che il governo ponga a Marchionne il problema di rispettare la libertà e la costituzione sindacale dentro le sue fabbriche”.

Fornero: “Prossima settimana
convoco i sindacati’’
Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, convochera’ la prossima settimana i sindacati sulla Fiat. E’ lo stesso ministro ad annunciare la futura convocazione, ancora comunque senza data. ‘’E’ importante sentire non solo i vertici Fiat ma anche i rappresentanti dei lavoratori. E’ una questione che riguarda l’azienda ma anche i lavoratori”, ha detto il ministro.

Condividi: