Laziogate, capogruppo Pdl si dimette Alfano: “Gesto di grande responsabilità”

Pubblicato il 20 settembre 2012 da redazione

ROMA – Renata Polverini resiste, almeno fino a oggi. La governatrice del Lazio, sull’orlo delle dimissioni ormai da giorni, da quando cioé è scoppiato il caso Fiorito, attende il voto sui tagli in Consiglio. E incassa l’appoggio incondizionato del Pdl, allo stremo ma compatto, dopo che via dell’Umiltà costringe il capogruppo Francesco Battistoni, dalla cui denuncia è originata l’ inchiesta fondi Pdl, a dimettersi. Addirittura in serata quella che in una giornata di schiarita politica era l’unica tegola, l’accusa dell’indagato Franco Fiorito (“La Polverini sapeva”), viene ritrattata dall’interessato via tv (“non l’ho mai detto”).
– Domani (oggi, ndr) si riunisce il Consiglio, poi si vedrà – dice la Polverini a chi le chiede delle dimissioni.
L’ipotesi che circola è che potrebbe attendere che la Pisana approvi i sospirati e ormai improrogabili tagli e poi rassegni le dimissioni.
– Io sono una persona onesta, non ho mai rubato nulla e non sono disposta a pagare le colpe degli altri. Il Pdl ci ha messo nei guai con persone poco perbene – tuona di mattina uscendo di casa e cercando di cancellare l’immagine da “basso impero” delle foto del toga party del consigliere De Romanis, chiosa “ne ero sconcertata”.
Intanto nel Pdl cadono le prime teste. Quella di Battistoni, che ad Alfano presenta dimissioni “irrevocabili”.
– Il consigliere Battistoni si è dimesso da capogruppo non già perché fosse indagato o sfiduciato politicamente – ha detto il segretario nazionale del Pdl, Angelino Alfano – ma per un suo gesto di grande responsabilità nei confronti delle istituzioni e del Pdl che non possiamo che apprezzare.
– Credo di essere una persona responsabile, l’ho sempre dimostrato – ha dichiarato Battistoni – Non voglio si sfrutti il nome mio e del mio gruppo per strumentalizzazioni e per questo ho presentato le dimissioni nelle mani del mio segretario.
Quanto al controllo sulla gestione dei fondi del gruppo, Battistoni ha spiegato:
– Per prima cosa, ho fatto quello che dovrebbe fare ogni buon amministratore, vedere se i conti sono in regola. Ho fatto tutto quello che mi dettava la legge e la mia coscienza soprattutto.
Ma il ciclone che rischia di estendersi anche ad altri consiglieri regionali del Pdl. E potrebbe andare oltre il gruppo politico dell’indagato per peculato Fiorito: perché gli accertamenti della Guardia di Finanza ora puntano a fare chiarezza sull’intero sistema della gestione fondi e non solo quelli gestiti dal gruppo Pdl. E ieri infatti le Fiamme Gialle sono arrivate alla sede del Consiglio regionale Pisana per ascoltare funzionari dell’ufficio di presidenza del consiglio della Regione.
Dopo l’interrogatorio fiume del “Batman di Anagni” gli inquirenti hanno deciso di valutare le posizioni di un’altra decina di persone tirate in ballo dal, finora, unico indagato. E le loro parole non lasciano dubbi: “al consiglio regionale i soldi erano dati senza controllo”. Il procuratore aggiunto Alberto Caperna ed il sostituto Alberto Pioletti hanno accertato, e non solo alla luce delle accuse di Fiorito, ma anche dell’esame carte sequestrate, che quella dei fondi, nel gruppo Pdl alla Pisana, è stata “una gestione caotica”. Ai fondi destinati per attività politiche, sono ormai convinti gli inquirenti, si poteva “accedere con estrema facilità, anche solo con una telefonata”. I pm parlano esplicitamente di “un sistema senza un serio controllo che spesso avveniva in violazione della legge”.
I vertici del Pdl, Silvio Berlusconi in testa, chiedono a Renata Polverini di non dimettersi. Di resistere ad ogni costo. Ma per la governatrice del Lazio non è una decisione facile dopo il discorso tenuto al consiglio regionale: troppo gravi le malversazioni, troppo traballante la posizione del Pdl che ha costretto il capogruppo in Regione Francesco Battistoni alle dimissioni (era una richiesta della stessa Polverini). E’ emersa infatti una gestione dei soldi pubblici che davvero incarna l’antipolitica, come ha denunciato la governatrice. Una metastasi che rischia di portare il partito al default, avverte la parlamentare Isabella Bertolini, una malattia diffusa anche per altri partiti ed altre regioni, rincara Guido Crosetto.
Una vera e propria maledizione sembra aleggiare sulla Regione Lazio, dove gli ultimi tre governatori in carica o in corsa, sono stati travolti duramente da inchieste giudiziarie. Il caso Laziogate, che ha pregiudicato nel 2005 la corsa di Francesco Storace alla riconferma e favorito la vittoria di Piero Marrazzo. Lo scandalo dell’inchiesta trans che ha travolto nel 2009 Marrazzo, costringendolo alle dimissioni. Un colpo mortale per il centrosinistra, che ha affrontato tutta in salita la campagna elettorale del 2010, sfociata poi nella vittoria di Renata Polverini, ora sulla graticola per l’inchiesta sui fondi Pdl.

Ultima ora

16:12Strangolò la ex, condannato a 30 anni di carcere

(ANSA) - RIMINI, 11 DIC - È stato condannato a 30 di reclusione Michele Castaldo, operaio siciliano di 54 anni che uccise Olga Mattei, 46 anni, commessa di origine moldava, strangolandola nel suo appartamento di Riccione, il 6 ottobre del 2016. In mattinata la sentenza di condanna, che prevede anche cinque anni ulteriori di sorveglianza speciale a fine pena. Castaldo, è stato giudicato con rito abbreviato, dal giudice Vinicio Cantarini che ha accolto tutte le richieste del pubblico ministero Davide Ercolani e che lo ha condannato anche al risarcimento delle parti civili. Il rito è stato condizionato alla perizia psichiatrica secondo cui l'uomo, difeso dall'avvocato Monica Castiglioni, quel giorno agì in preda ad una "tempesta emotiva" che non ne condizionò però la capacità di intendere e volere. Come egli stesso confessò agli inquirenti, mentre stringeva le mani al collo della donna che lo aveva lasciato stanca della forte gelosia del compagno, le disse: "Se non sarai mia non sarai di nessun altro". (ANSA).

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

Archivio Ultima ora