TENNIS: L’‘Altamira tenis club’ pronto per la Copa de Maestros

Pubblicato il 21 settembre 2012 da redazione

CARACAS – Oggi e domani gli appassionati di tennis potranno godersi dal vivo sul campo dell’‘Altamira tenis club’ l’esibizione di campioni del calibro dello spagnolo Carlos Moya, il cileno Nicolas Massu, l’argentino Juan Monaco e l’italo-ecuatoriano Nicolas Lapenti.

Le ostilità inizieranno alle 17 con la sfida che vedrà impegnati Lapenti e Carlos Moya, un’incontro di altri tempi. Al termine di questo giocheranno Nicolas Massu e Juan Monaco. Il tennista cileno è stato impegnato con la sua nazionale questo fine settimana nelle sfide disputate contro l’Italia, in cui gli azzurri si sono imposti per 4-1.

I vincitori dei due incontri scenderanno in campo domani, per giocarsi la Copa de Maestros, l’inizio è fissato per le 15.30. Ma prima della finale gli atleti saranno impegnati in allenamenti con alcuni bambini del posto, per farli divertire e offrir loro qualche consiglio che potrebbe aiutarli in futuro.

Nel dettaglio una breve scheda dei campioni:

 Nicolás Alexander Lapentti Gómez, nato a Guayaquil, 13 agosto 1976.

È un ex tennista italo-ecuadoriano. Ha raggiunto il suo ranking più alto nel singolo il 22 novembre 1999, con la 6ª posizione, mentre nel doppio ha raggiunto il 32º posto il 10 maggio 1999. È il nipote di Andrés Gómez, ex-tennista vincitore del Roland Garros nel 1990, e fratello degli altri due tennisti Giovanni e Leonardo.

Lapentti iniziò a giocare a tennis all’età di 6 anni, dapprima esercitandosi con il padre, non tennista professionista ma grande appassionato di questo sport. Incominciò ad attirare l’attenzione su di sé nel ‘94 quando vinse l’Orange Bowl (Florida) e vinse i tornei juniores di doppio al Roland Garros e al US Open con il compagno Gustavo Kuerten. Nel 1999 Lapentti raggiunse la semifinale degli Australian Open e grazie a questo risultato e altri due tornei vinti durante l’anno riuscì a raggiungere la sesta posizione nel ranking ATP.

Nicolas Lapentti si ritira dall’attività professionistica nel gennaio 2011, a 34 anni, dopo una carriera martoriata da numerosi infortuni senza i quali avrebbe potuto ottenere molti più successi. È il detentore del record per il maggior numero di vittorie in match da 5 set in Coppa Davis.

Carlos Moyá Llompart, nato a Palma di Maiorca il 27 agosto 1976

È un ex tennista spagnolo che ha cominciato a giocare all’età di sei anni. Nel ‘96 è entrato per la prima volta nella top 20 del ranking ATP e l’anno successivo raggiunge la prima finale del Grande Slam, agli Australian Open dove ne esce sconfitto per mano di Pete Sampras. Nel 1998 ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam sconfiggendo Àlex Corretja nella finale del Roland Garros. Nel 1999 è diventato il primo spagnolo a conquistare la vetta del ranking ATP dal 1973. Moyá ha fatto parte della squadra spagnola che ha vinto la Coppa Davis 2004: ha ottenuto due dei tre punti della Spagna contribuendo così in modo decisivo alla seconda vittoria spagnola della Coppa.

Il 17 novembre 2010 ha annunciato il suo ritiro dall’attività agonistica – a causa dell’età e di un persistente problema al piede destro (artrosi) – alla sua palestra di Palma di Maiorca, alla sua famiglia e ad altri business legati al mondo dello sport.

Juan Mónaco, nato a  Tandil (Argentina) il 29 marzo 1984.

‘Pico’, como è soprannominato dagli amici, è un giocatore che gioca il rovescio a due mani. Specialista della terra battuta ma a suo agio anche sui campi in cemento, fino a questo momento vanta come miglior punteggio in classifica il numero 10. Dopo alcune stagioni a discreti livelli, è definitivamente esploso nella stagione 2007 in cui ha vinto 3 tornei entrando tra i primi 25 giocatori al mondo. Nella sua carriera ha vinto 6 tornei ATP in singolare e 2 in doppio. È alto 185 cm e pesa 76 kg. È seguito da Jose Clavet e da Mariano Zabaleta.

Nicolás Alejandro Massú Fried, nato a Viña del Mar (Cile) il 10 ottobre 1979.Predilige le superfici in terra battuta, che gli consentono maggiori spostamenti dal lato del diritto, il suo colpo migliore. Tuttavia, nel corso della carriera, è riuscito ad ottenere soddisfacenti risultati anche sul cemento e altre superfici veloci, grazie a miglioramenti importanti nel servizio e nel gioco a rete, ottenuti dedicandosi ad una pratica costante del doppio. In carriera ha disputato 15 finali in singolare, vincendone 6.

Ultima ora

18:58Cile: Bachelet visita Pinera, prima colazione di lavoro

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 DIC - La presidente uscente del Cile, Michelle Bachelet, ha incontrato il suo successore, Sebastian Pinera - eletto nel ballottaggio di ieri - nel suo domicilio privato, per una prima colazione di lavoro di quasi due ore. "Quella di visitare il presidente eletto è una tradizione repubblicana", ha detto Bachelet alla stampa accorsa a coprire l'appuntamento davanti alla casa di Pinera, nell'esclusivo quartiere residenziale di La Deehesa, aggiungendo che "si è trattato di una riunione di lavoro". Resta il fatto che quella che doveva essere una visita protocollare di 15 minuti si è estesa per 1 ora e 45 minuti. Bachelet - che si era già congratulato telefonicamente con Pinera per la sua vittoria - ha potuto discutere punti dell'agenda presidenziale, prima di partire verso Villa Santa Lucia, dove almeno 8 persone sono morte sabato scorso a causa di un'alluvione.

18:55Calcio: De Sciglio, Roma forte ma noi migliorati tanto

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Sono molto contento per come vanno le cose dal punto di vista personale e di squadra. Ieri abbiamo dimostrato la nostra crescita e la nostra compattezza". Mattia De Sciglio analizza ai microfoni di Sky Sport il 3-0 della Juve al Dall'Ara contro il Bologna. "Stiamo migliorando sotto tutti i punti di vista - spiega il difensore bianconero -. La Roma? Un'altra grande squadra, che sta disputando un grande campionato. Ha caratteristiche diverse dall'Inter, dovremo prepararla nel migliore di modi, cercando di sfruttare al massimo quelle che sono le nostre caratteristiche e le nostre potenzialità". Un'altra pretendente allo scudetto insieme a Napoli e Inter: "Difficile dire chi sia più pericolosa, sono tre concorrenti dirette, siamo tutti vicini con pochissimo margine di punti l'una dall'altra - aggiunge De Sciglio -. Sarà un campionato combattuto fino alla fine, difficile dire oggi chi arriverà prima".

18:54Libano: media, accusato morte diplomatica Gb è autista Uber

(ANSA) - BEIRUT, 18 DIC - Il tassista arrestato a Beirut con l'accusa di avere ucciso la diplomatica britannica Rebecca Dykes è un autista di Uber, regolarmente registrato presso la compagnia nonostante avesse precedenti penali. E' quanto afferma il sito del quotidiano libanese Daily Star citando una fonte di polizia. La stessa fonte ha detto che l'uomo, identificato come Tareq H., ha violentato la diplomatica prima di ucciderla. Contattata dal giornale, Uber ha ammesso che l'uomo, di 35 anni, era impiegato dalla società, convinta che non avesse precedenti penali. La politica della società, infatti, richiede che gli autisti siano in possesso di una licenza di tassista, che Tareq H. aveva, e in base alla legge libanese i tassisti devono avere la fedina penale pulita. Uber si è detta "inorridita per questo atto di violenza senza senso" e pronta a "cooperare con le autorità nelle indagini in ogni modo possibile".

18:51Calcio: Pecoraro, sentenza brutto precedente

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Questa sentenza è un brutto precedente". E' questo il commento laconico all'Ansa del procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, alla decisione della corte di appello federale sul caso ultrà-Agnelli. "Si è voluta monetizzare la sanzione" aggiunge solo Pecoraro, facendo riferimento alle multe comminate al presidente bianconero (100 mila euro) e alla sua società (600 mila euro).

18:47Tangenti Odebrecht: presidente Perù insiste,’sono innocente’

(ANSA) - LIMA, 18 DIC - Pedro Pablo Kuczynski non molla. Messo alle strette dalle rivelazioni sui suoi rapporti con la multinazionale brasiliana Odebrecht e minacciato da una richiesta di impeachment, il presidente del Perù è tornato a ribadire la sua innocenza, proclamando: "Non ho mentito, non sono un corrotto". In un'intervista a 5 testate, Kuczynski, ha detto che la proposta di impeachment presentata in Parlamento è un "tentativo di attacco all'ordinamento democratico". Poi ha detto di voler chiedere scusa ai peruviani per "non essersi spiegare bene". Kuczynski è stato accusato di aver ricevuto soldi dalla Odebrecht fra 2004 e 2014, attraverso la Westfield, azienda di consulenza di cui era socio. Lui sostiene di aver lasciato la Westfield quando entrò nel gabinetto dell'allora presidente Alejandro Toledo (2004-06). Due precedenti presidenti peruviani - Alejandro Toledo (2001-06) e Ollanta Humala (2011-16)- sono sotto inchieste per i loro rapporti con la Odebrecht.

18:47Terremoto: 1.693 casette consegnate a comuni colpiti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Ad oggi, sono stati completati i lavori in 91 aree e sono state consegnate ai sindaci dei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma 1.693 casette, di cui 687 nel Lazio (488 ad Amatrice, 199 ad Accumoli), 418 in Umbria (Cascia, Norcia e Preci), 562 nelle Marche (ad Amandola, Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, San Ginesio e Visso) e 26 in Abruzzo (a Tossicia e Torricella Sicura). Lo fa sapere la Protezione civile. Secondo i dati forniti dalle quattro Regioni, al 28 novembre, sono complessivamente 3.667 le Sae (Soluzione abitative d'emergenza) ordinate per i 50 comuni che ne hanno fatto richiesta. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 238 Sae da installare tra i tredici Comuni interessati; nel Lazio sono 826 gli ordinativi per sei Comuni; le Marche hanno ordinato 1.844 soluzioni abitative per 28 Comuni e, infine, l'Umbria 759 per tre Comuni. Attualmente sono in corso lavori in 108 aree. (ANSA).

18:37Porto Rico: governatore ordina riconteggio vittime uragano

(ANSA) - NEW YORK - 18 DIC - Il governatore di Portorico, Ricardo Rosselló, ha ordinato il riconteggio delle vittime dell'uragano Maria che ha devastato l'isola lo scorso settembre dopo che un'analisi del New York Times ha messo in discussione le cifre ufficiali. Ufficialmente le vittime sono 64 ma il quotidiano newyorkese ritiene invece che il numero sia superiore ai mille. Il giornale è giunto alla conclusione dopo aver analizzato il tasso di mortalità nell'isola - che è territorio americano - nei 42 giorni successivi all'uragano e confrontandolo con quello dei due anni precedenti. I dati hanno rivelato che sono morte 1.052 persone in più rispetto al 2016 e 2015 e ritiene che i decessi siano da mettere in relazione all'uragano. Ad esempio sull'isola si è registrato un aumento del 50% di morti per sepsi, una malattia sistemica causata da un'infezione che può essere dovuta a condizioni di vita in povertà oppure al ritardo di cure mediche.

Archivio Ultima ora