Desaparecidos, Veltroni: “Svelare archivi Mae”

Pubblicato il 21 settembre 2012 da redazione

ROMA – L’annuncio è arrivato alla fine di una conferenza stampa in cui sono state da più parti invocate “giustizia” e “memoria”.
Poi Walter Veltroni ha comunicato che la Commissione Esteri della Camera chiederà al governo una “garanzia formale” affinché gli archivi delle Ambasciate e dei Consolati italiani in Argentina, Cile, Uruguay ed in tutto il Sud America, contenenti documentazioni utili al ritrovamento dei desaparecidos italiani, come pure dei bambini spariti durante la dittatura argentina, siano “messi a disposizione delle autorità” di Buenos Aires ed anche dell’opinione pubblica e che tutto questo avvenga “in tempi brevi”. Come “stringenti” dovranno essere i tempi di risposta del governo e della Farnesina, in particolare, alla Commissione.
Quegli stessi Archivi sono oggetto di un accordo tra Italia e Argentina: Buenos Aires ha infatti chiesto a Roma di poter accedere alla preziosa documentazione conservata nelle nostre sedi diplomatiche in Argentina e per questo è stata costituita una commissione tecnica che – aveva annunciato la settimana scorsa il ministro Giulio Terzi – a giorni finirà il proprio lavoro, rendendo dunque pubblici circa 600 fascicoli.
Attraverso quei documenti sarà forse possibile fare giustizia anche per chi, come padre Josè Tedeschi, l’attende da trent’anni. Non a caso “Giustizia per padre Tedeschi” è il titolo dell’incontro che si è tenuto ieri mattina nella sala stampa di Montecitorio. Ad organizzarlo l’on. Franco Narducci, deputato del Pd eletto in Europa, molisano come padre Tedeschi che a soli 16 anni emigrò in Argentina dove nel 1967 fu consacrato sacerdote. Dedicò la propria vita ai poveri e ai diseredati della baraccopoli di Villa Itati a La Plata, schierandosi contro il regime della giunta militare in Argentina, e per questo fu brutalmente ucciso il 2 febbraio del 1976.
Narducci è stato anche promotore di una interpellanza urgente con la quale ha voluto portare la storia di padre Tedeschi all’attenzione del Ministero degli Affari Esteri. Il provvedimento, al quale ha risposto il sottosegretario Marta Dassù, è stato fatto proprio dalla Commissione Esteri della Camera, rappresentata in conferenza stampa da Veltroni e dal capogruppo del PD Francesco Tempestini. Con loro anche il consigliere regionale del Molise, Michele Petraroia, Jorge Ithurburu dell’Associazione 24marzo Onlus e Carlos Cherniak, rappresentante per i diritti umani dell’Ambasciata d’Argentina in Italia. In platea, accanto ai parenti di padre Tedeschi, anche l’ambasciatore argentino a Roma, Torquato Di Tella, pure lui di origini molisane, e tanti testimoni diretti o indiretti – come la consigliera del Cgie Filomena Narducci – di quella “follia della dittatura”, come l’ha definita Veltroni, che ha segnato “una delle stagioni più inumane” della storia.
Tanti italiani ne sono stati vittime – 1.600 dei 30mila desaparecidos erano nostri connazionali o di origine italiana – e in passato Veltroni si è voluto recare personalmente in Argentina “a cercare le tracce di questa storia”. In particolare quelle dell’artista romano Franco Venturi, ucciso il 20 febbraio 1976, a pochi giorni di distanza da padre Tedeschi, come lui per il suo impegno civile e politico e come lui ancora in attesa di giustizia. Ed è stato sempre con Veltroni che il Comune di Roma si è costituito parte civile nel “processo Esma”, che si è chiuso con la condanna di dodici militari argentini.
Quella iniziativa come l’incontro odierno, ha detto Veltroni, sono occasioni “importanti” perché “ci aiutano a tenere viva la memoria e a proseguire nel nostro impegno civile” in favore della verità, perché quegli uomini e quelle donne “sono scomparsi non solo alle loro famiglie, ma anche alla memoria”.
D’accordo con Veltroni anche il collega del Pd Tempestini, per il quale “far rivivere la memoria e gettare piena luce su ciò che è accaduto è possibile”. Occorre però che vi sia un “eguale impegno” tanto da parte italiana quanto argentina, ha aggiunto, ed in tal senso, ha concluso Tempestini, “non siamo lontani dall’obiettivo di rendere pubblica la documentazione diplomatica italiana in Argentina”.
Al momento presso l’Ambasciata italiana a Buenos Aires “non risulta alcun fascicolo” su padre Tedeschi, ma potrebbe esserci nella documentazione del Consolato Generale di La Plata. La ricerca è in corso, come ha comunicato l’ambasciatore Guido La Tella poco più di un mese fa rispondendo ad una lettera del vicepresidente del Consiglio regionale del Molise, Michele Petraroia. È stato infatti quest’ultimo a rivolgere il 2 luglio scorso a governo e parlamento l’istanza per riaprire un’inchiesta giudiziaria sulla morte di padre Tedeschi, per “comprendere chi ordinò e chi eseguì il suo assassinio”.
Per la verità già il nome di padre Tedeschi compare tra le vittime citate in due processi che si sono aperti a Buenos Aires e a La Plata, ha riferito ieri Carlos Cherniak, che, prendendo la parola, ha voluto ribadire quanto già affermato pochi giorni fa alla Farnesina, ovvero che la dittatura ha potuto agire indisturbata in Argentina anche grazie a quello che il ministro Terzi ha definito “silenzio complice”. Invocando dunque quella “solidarietà politica internazionale” mancata trent’anni fa, Cherniak ha chiesto nuovamente alla Farnesina di poter disporre dei suoi preziosi archivi ed ha aggiunto: “sarebbe bene lo facesse anche il Vaticano”.
E di solidarietà ha parlato anche Jorge Ithurburu dell’Associazione 24marzo, che ha accusato senza mezzi termini le autorità diplomatiche italiane di aver abbandonato quanti, cittadini italiani, si recano in Argentina, anche dall’Italia ed anche a rischio della propria vita, per testimoniare nei tanti processi contro i militari di Videla. Nel corso di una decina di processi che hanno visto come vittime o testimoni cittadini italiani “non si è mai vista la presenza” di un console o di un diplomatico italiano, ha detto Ithurburu, che ha invitato la Farnesina a garantire, quando necessario, anche un “sostegno finanziario”, oltre che morale, ai nostri connazionali. Non solo. “Sarebbe anche importante che l’Ambasciata italiana a Buenos Aires nomini un legale che tuteli gli interessi italiani nelle due cause” citate da Cherniak.
Quanto ai parenti di padre Tedeschi, Ithurburu ha confermato che “ci sono abbastanza documenti per andare alla procura di Roma e presentare istanza di giustizia” anche in Italia. Servirà una rogatoria per avere gli atti dei magistrati argentini nel nostro Paese, ma, ha assicurato, le due macchine di giustizia – quella italiana e quella argentina – possono funzionare anche in parallelo.

Ultima ora

20:01Morto l’ambasciatore russo all’Onu, attacco cardiaco

(ANSA) - MOSCA, 20 FEB - L'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, è morto a causa di un attacco cardiaco. Lo riporta il ministero degli Esteri in una nota ripresa dalle agenzie russe.

20:00Calcio: Real prepara recupero col Valencia, Ramos al rientro

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Real Madrid ha cominciato a preparare la trasferta di mercoledì prossimo contro il Valencia di Simone Zaza, gara di recupero della 16/a giornata della Liga rinviata per l'impegno dei 'galacticos' nel Mondiale per club. Buone notizie per Zinedine Zidane: il capitano Sergio Ramos ha potuto allenarsi assieme ai compagni, dopo avere saltato la partita vinta sabato scorso al Bernabeu contro l'Espanyol: il difensore di origine andalusa era stato fermato da un infortunio alla schiena, subìto nella partita contro il Napoli, in Champions. Cristiano Ronaldo ha lavorato in palestra, come Danilo, ma dovrebbe essere a disposizione per dopodomani. Il figlio maggiore di 'Zizou', Enzo, si è allenato con la prima squadra e dovrebbe essere convocato per la trasferta nella Comunidad valenciana.

19:56Hollande, vertice Francia-Germania-Italia-Spagna il 6 marzo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente francese, François Hollande ha invitato i leader di Germania, Italia e Spagna ad un vertice a Versailles il 6 marzo prossimo. Lo riferiscono i media spagnoli. Al termine di un vertice franco-spagnolo oggi a Malaga, Hollande, secondo quanto scrive la stampa francese online, ha detto che "tra qualche giorno, il 6 marzo, riceverò il presidente del governo spagnolo, il presidente del governo italiano e la cancelliera tedesca a Versailles per preparare questo 60/mo anniversario che si svolgerà a Roma". Secondo il presidente francese "non si tratta di definire a quattro quello che deve essere l'Europa, non è la nostra concezione, ma siamo i quattro paesi più importanti e tocca a noi dire che cosa vogliamo fare con altri, insieme". La riunione di Versailles è in calendario tre giorni prima del Consiglio europeo, il 9 marzo a Bruxelles. I 60 anni del trattato di Roma verranno celebrati il 25 marzo.

19:50Lega A: Beretta “si va al 2 marzo con modifiche a statuto”

(ANSA) - MILANO, 20 FEB - La Lega Calcio si rivedra' il 2 marzo per modificare lo statuto con una nuova Governance: la notizia e' stata ufficializzata dal presidente Maurizio Beretta. "L'assemblea ha deciso all'unanimita' di continuare i suoi lavori aggiornandosi al 2 marzo - dice Beretta -, integrando l'ordine del giorno odierno con possibili modifiche allo statuto e al regolamento della Serie A".

19:45Migranti: 13 milioni di euro per fare nuovi Centri rimpatrio

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Costerà 13 milioni di euro realizzare i nuovi Centri di permanenza per i rimpatri previsti dal decreto Minniti-Orlando pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per le spese di gestione dei centri è previsto uno stanziamento di 3,8 milioni di euro nel 2017, 12,4 nel 2018 e 18,2 a decorrere dal 2019. Il decreto autorizza poi uno spesa di 19,1 milioni di euro per il 2017 allo scopo di garantire l'esecuzione delle procedure di espulsione degli stranieri irregolari, "anche in considerazione dell'eccezionale afflusso di cittadini stranieri provenienti dal Nord Africa". I fondi verranno prelevati dal programma Fami-Fondo Asilo, migrazione e integrazione cofinanziato dall'Unione europea.

19:44Perquisizioni nella sede del Front National

(ANSA) - PARIGI, 20 FEB - Gli inquirenti stanno perquisendo oggi pomeriggio la sede del Front National a Nanterre, periferia di Parigi, nel quadro dell'inchiesta degli assistenti parlamentari a Strasburgo. L'inchiesta era stata aperta il 15 dicembre per abuso d'ufficio, falso, truffa e lavoro nero e riguardava l'indagine avviata dal Parlamento europeo sull'impiego controverso di due assistenti parlamentari da parte di Marine Le Pen. In un comunicato il Front National conferma la "nuova perquisizione nella sede" del partito dopo quella due anni fa. "Per la seconda volta - si legge nel comunicato - vengono perquisiti gli stessi uffici e trattandosi degli stessi fatti presunti si desume che la prima perquisizione è stata infruttuosa". "Si tratta chiaramente di un'operazione mediatica il cui unico scopo è perturbare il corretto svolgimento della campagna elettorale presidenziale e tentare di nuocere a Marine Le Pen mentre la sua candidatura sta crescendo in modo importante quanto a intenzioni di voto, in particolare al secondo turno"

19:43Calcio: Siviglia vuol blindare Sampaoli, Barca può attendere

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Siviglia è sospeso fra la sfida casalinga di mercoledì sera contro l'irriconoscibile Leicester e il rinnovo contrattuale dell'argentino Jorge Sampaoli. L'allenatore degli andalusi, come annunciato da Radio Sevilla, si è visto recapitare una proposta per proseguire il rapporto anche nell'immediato futuro, alla luce del gioco espresso dalla squadra e dai relativi risultato ottenuti nel corso della stagione. Il nome di Sampaoli è già stato accostato troppe volte al Barcellona, per il dopo Luis Enrique, per questo la dirigenza sivigliana vorrebbe blindarlo. "In questo momento penso solo al Siviglia", ha detto Sampaoli, che ha tuttavia lasciata aperta una porta, aggiungendo sul futuro "che non si sa mai cosa potrà succedere". Intanto, il Siviglia dovra' rinunciare al proprio sponsor, a causa del problemi del Governo di Porto Rico, la cui scritta è stata 'retrocessa' sul retro della maglia da gioco. (ANSA).

Archivio Ultima ora