Monti: “L’Italia non è più tra i paesi Ue che hanno problemi”

Pubblicato il 24 settembre 2012 da redazione

ROMA – ‘’Faremo ogni sforzo’’ perché il ddl anticorruzione ‘’sia portato a termine’’ all’interno di ‘’un pacchetto equilibrato’’ in materia di giustizia, perché ‘’crediamo che la logica del pacchetto vada tutelata’’. Così il presidente del Consiglio, Mario Monti, dalla conferenza internazionale sulle Riforme strutturali in Italia con il Segretario generale dell’Ocse, José Ángel Gurría.
Poi il premier ammette che ‘’la strada è in salita per l’inerzia, comprensibile ma non scusabile, di talune parti politiche’’.
Sul nodo Fiat, aprendo il convegno, dice:
– Contribuzioni finanziarie non sono state chieste e se fossero state chieste non sarebbero state concesse. Il governo – insiste il premier – è impegnato non a dare aiuti finanziari ma a creare condizioni di contesto che consentano di salvaguardare la produzione industriale.
E per quanto riguarda la crisi il premier aggiunge: ‘’Senza ‘salva Italia’ avremmo perso la sovranità’’. Ma ora ‘’l’Italia non è più tra paesi Ue con problemi’’ e “il 2013 sarà un anno in crescita, anche se il motore della nostra economia si riavvierà lentamente” ribadisce, ricordando che “l’azione realizzata in questi mesi potrà produrre nei prossimi 10 anni un aumento di quattro punti percentuali del pil”.
Il cosiddetto decreto ‘salva Italia’, “adottato nel momento più acuto della crisi, è stato necessario per mettere in sicurezza i conti pubblici e rovesciare una deriva che stava portando il nostro Paese vicino ad una situazione molto critica, in fondo alla quale vi sarebbero state l’insolvenza del debito sovrano, l’incapacità di fare fronte ai pagamenti dello Stato e la perdita della sovranità economica e la cessione di fatto della responsabilità della politica economica a istituzioni sovranazionali a come il Fondo monetario, la Banca centrale europea e la Commissione europea” afferma Monti.
Ad esso, ricorda il premier, hanno fatto seguito una serie di riforme strutturali, per cui “quell’esito drammatico che faceva da sfondo alla nostra azione negli ultimi mesi dell’anno scorso sembra oggi più lontano. Anzi, grazie all’azione di questi mesi, credo di poter dire che l’Italia possa togliersi dalla lista dei Paesi che erano guardati come fonte di problemi per la stabilità dell’area euro e contribuire insieme ad altri a formulare politiche per una progressiva stabilizzazione e per riorientare l’azione dell’Unione europea verso una maggiore propensione alla crescita.
Infine, “appare che gli italiani stanno dimostrando di non essere particolarmente ostili” alle misure contro la crisi adottate dal governo, che ha cercato di “persuaderli che fossero nel loro interessete” sottolinea Monti, spiegando così che è stato smentito il “teorema” del Primo ministro del Lussemburgo e presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker secondo cui “chi fa le riforme strutturali fa il bene del suo Paese ma poi perde le elezioni”. Una regola, afferma Monti, smentita “prima di tutto dal suo autore, in carica dal 1995”, senza dimenticare poi che “non abbiamo prospettive elettorali”.
Per il segretario generale Ocse, ‘’le riforme fin qui fatte dal governo italiano devono essere pienamente attuate”.
– E’ necessario andare fino in fondo sulle riforme, per questo bisogna garantire continuità nei prossimi anni. Non si può tornare indietro, smontando le riforme compiute.
Poi sottolinea come ‘’l’Italia ha fatto passi importanti negli ultimi mesi sulla via delle riforme”.
– Sono state prese decisioni coraggiose per rimuovere ostacoli alla crescita. Bisogna riconoscere che gli italiani stanno facendo importanti sacrifici per costruire un futuro migliore per le nove generazioni. Le riforme fatte fin qui crearanno nuovi posti di lavoro e accresceranno la fiducia nel futuro. Bisogna combattere l’evasione fiscale e la corruzione – continua Gurria – restituire competitività al Paese puntando sul lavoro, l’istruzione e la crescita. Occorre aumentare la produttività. Ho grande fiducia negli italiani che sapranno riprendersi da questo momento di crisi economica. Le riforme già approvate dal governo italiano potrebbero aumentare il Pil del paese fino al 4% nel corso dei prossimi 10 anni – spiega Gurria – continuare il processo di riforme consentirebbe al Paese di aumentare ancora di più la crescita.
L’analisi dell’Ocse dell’economia italiana sottolinea la portata della sfida.
– Crescita debole, alta disoccupazione e un alto debito pubblico sono stati aggravati da un rallentamento della domanda da parte dei partner commerciali e una crisi di fiducia persistente nella zona euro – continua Gurria – la produttività del lavoro in Italia negli ultimi anni è stata la più debole tra i paesi Ocse. La bassa crescita della produttività ha comportato l’aumento dei costi unitari del lavoro, che a sua volta ha danneggiato la competitività in Italia e alimentato il disavanzo delle partite correnti.

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora