Fiorito in manette. Fondi usati per comprare una jeep

Pubblicato il 02 ottobre 2012 da redazione

ROMA – Franco Fiorito è stato arrestato per peculato nell’ambito dell’inchiesta sui fondi regionali Pdl. L’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio è stato rinchiuso nel carcere di Regina Coeli.
– Sono sereno, sono tutti molto cortesi e sono sereno. Di certo non me l’aspettavo e non è una cosa piacevole. Innocente? Assolutamente sì – ha detto a caldo l’esponente del Pdl laziale.
Nell’ordinanza, il gip Stefano Aprile, così come affermato dai pm nella loro richiesta, sottolinea che tra i motivi che hanno determinato l’arresto di Fiorito c’è il timore che possa reiterare il reato, approfittando ancora degli incarichi che ha in consiglio regionale, o che possa fuggire all’estero. E’ ‘’concreto e attuale’’ il pericolo, scrive nell’ordinanza il gip, che l’ex capogruppo ‘’possa tornare a compiere, se in libertà, delitti contro la pubblica amministrazione’’, visto che ‘’continua a ricoprire la qualifica di pubblico ufficiale, come anche a disporre del denaro pubblico’’. Ancora, secondo il magistrato, è possibile che possa inquinare le prove. Il gip sottolinea nel provvedimento che Fiorito ‘’ha frapposto seri ostacoli’’ allo svolgimento delle indagini, facendo anche false dichiarazioni e confusione e alterando i fatti. Infine a Fiorito il magistrato rimprovera lo spregiudicato uso di interventi presso organi mediatici.
Nell’ultima parte del provvedimento il gip dedica le sue considerazioni alla possibilità che Fiorito in libertà possa adoperarsi per inquinare le prove raccolte nei suoi riguardi. Il giudice riferendosi al ritrovamento di documenti rinvenuti nel tritacarte e nella pattumiera dell’abitazione di via Micheli (si tratta di frammenti di fatture destinate al gruppo consiliare del Pdl), afferma:
– Tale ultimo aspetto merita un’attenta disamina poiché costituisce la ‘pistola fumante’ del comportamento mistificatorio dell’indagato e della specifica azione di inquinamento probatorio posta in essere. Le esigenze cautelari – afferma il giudice – possono essere adeguatamente soddisfatte solo con la custodia cautelare in carcere e non diverse e meno afflittive misure.
Allo stato il reato ipotizzato è quello di peculato con riferimento alla somma di 1,3 mln di euro, di cui si sarebbe appropriato l’ex capogruppo del Pdl del consiglio regionale del Lazio. Sono 193 i bonifici al centro dell’inchiesta che ieri ha portato in carcere Fiorito. Bonifici che ammontano complessivamente a 1.380.000. Nell’indagine è emerso che l’ex capogruppo ha movimentato oltre 6 mln di euro.
Dall’indagine è emerso anche che il milione e 380mila euro è confluito negli stessi conti, sia italiani sia esteri, che ora sono all’attenzione dei magistrati. Gli accertamenti riguardano anche la rete di finanziamenti che Fiorito avrebbe attivato ricorrendo all’opera dei segretari del gruppo Pdl alla Regione Lazio, Pierluigi Boschi e Bruno Galassi. Anche per loro c’è l’ipotesi di reato di peculato, ma la loro posizione è ancora all’esame degli investigatori.
Con i fondi Pdl Fiorito avrebbe comprato anche una jeep per fare fronte all’emergenza neve. In particolare, servendosi dei soldi sottratti dai conti del partito gli inquirenti hanno accertato che l’ex capogruppo avrebbe acquistato una caldaia per la villa del Circeo e una Jeep Wrangler. Quest’ultimo acquisto è del 13 febbraio scorso, quando a Roma ci fu un’abbondante nevicata. La jeep ha un valore di 35mila euro.
Del 1.380.00 euro che avrebbe sottratto con i bonifici dai conti del Pdl, secondo gli inquirenti, 350mila sono finiti sui conti esteri, il resto sui conti italiani. Per quanto riguarda le indennità ricevute per i diversi incarichi ricoperti, gli investigatori hanno accertato che, secondo la legge regionale 19 del 1995, Fiorito non aveva diritto a percepire i 300mila euro effettivamente percepiti, come invece l’ex capogruppo ha affermato, e questo perché la norma, all’articolo 4, prevede che l’indennità sia unica a prescindere dal numero degli incarichi e che corrisponda alla più alta tra quelle a cui si avrebbe diritto.
Per l’avvocato Taormina ‘’l’arresto di Fiorito per l’ipotesi di peculato non è pertinente”.
– C’è una giurisprudenza – sottolinea – che dice che quando questo denaro pubblico entra nelle tasche di un partito, piaccia o non piaccia, diventa denaro privato. Inoltre – prosegue – c’è da dire che se hanno arrestato Franco Fiorito, mancano all’appello gli altri 70 consiglieri della Regione Lazio.

Ultima ora

21:24Calcio:1-0 al Gremio, Real Madrid vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Real Madrid ha vinto il Mondiale per club battendo 1-0 (0-0) i brasiliani del Gremio nella finalissima giocata questa sera ad Abu Dhabi. Decisivo il gol di Cristiano Ronaldo su punizione all'8' della ripresa.

21:19Usa: Trump, con taglio tasse crescita fino al 6%

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Donald Trump ha difeso oggi il testo della riforma fiscale concordata dai repubblicani respingendo le critiche che avvantaggerà più i ricchi che la middle class. La previsione del presidente è che l'economia Usa comincerà a volare dopo l'approvazione della legge, crescendo dall'attuale 3% al "4%, 5% e forse anche 6% alla fine".

21:11Leader estrema destra a Praga,no all’Ue in Europa del futuro

(ANSA) - PRAGA, 16 DIC - I leader dei partiti populisti dell'estrema destra europea, uniti oggi a Praga per discutere del futuro dell'Europa si sono impegnati a lavorare insieme per creare un nuovo modello di cooperazione continentale distante dal modello dell'Unione europea. Rivolgendosi ai partecipanti della conferenza Marine Le Pen, alla guida del Front National francese, ha definito l'Ue "una organizzazione disastrosa" che "sta uccidendo l'Europa". Geert Wilders, fondatore del partito anti-Islam olandese per la Libertà, ha proposto che l'Europa segua l'esempio del presidente Usa Donald Trump che ha imposto un bando sull'immigrazione da alcuni Paesi a maggioranza musulmana.

21:11Inaugurato primo Gufo Bar nel Bresciano, titolari minacciati

(ANSA) - BRESCIA, 16 DIC - E' stato inaugurato a Palazzolo sull'Oglio, nel Bresciano, il primo Gufo Bar in Italia, locale che espone gufi vivi. Dopo che i proprietari avevano ricevuto minacce, anche di morte, da gruppi di animalisti, all'apertura, avvenuta nel pomeriggio, non si sono registrate tensioni nonostante la presenza di un corteo animalista composto da una ventina di persone. Alla prima mancavano però proprio i gufi. "Abbiamo temuto tensioni e quindi la scelta è stata quella di non esporre gli animali" hanno detto i titolari del bar di Palazzolo sull'Oglio. "Non rinunciamo al nostro progetto, ma vogliamo comunque verificare bene cosa dica la legge sulla presenza di animali nei locali. I nostri gufi - hanno aggiunto - sono nati, cresciuti in cattività e regolarmente registrati. Agli animalisti che minacciano di entrare nel locale per liberare i gufi diciamo che, se liberati, gli animali morirebbero".

21:10Pd: Renzi al lavoro su liste, i migliori nei collegi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Matteo Renzi ha avviato, a quanto si apprende, il lavoro per definire le candidature con un giro di contatti e telefonate anche con Andrea Orlando e Michele Emiliano. La strategia elettorale è di mettere i candidati più forti alla guida dei collegi, ad esempio Renzi a Firenze centro; il premier Paolo Gentiloni a Roma 1; Dario Franceschini a Ferrara e proporzionale in Basilicata; Andrea Orlando a La Spezia, prevedendo anche la candidatura nel proporzionale; Marco Minniti nel collegio a Reggio Calabria e nel proporzionale in Veneto. Per Orlando probabile collegio a La Spezia e proporzionale in Calabria. Per Del Rio collegio di Reggio Emilia o Bolzano e proporzionale in Sardegna. La strategia, spiegano fonti del Nazareno, è mettere in campo nei collegi i candidati migliori e radicalizzare lo scontro con il M5S come dimostrano le polemiche di questi giorni su 80 euro, Europa e pensioni.

20:36Scuola: ‘bottone rosso’e Carta diritti, novità alternanza

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un "bottone rosso" (digitale) che gli studenti in alternanza scuola-lavoro potranno usare per segnalare eventuali criticità. Una Carta dei diritti e dei doveri per chi è impegnato in questa attività didattica "innovativa". E ancora, un osservatorio istituito al Ministero dell'istruzione con il compito di produrre ogni anno - il primo sarà a giugno 2018 - un report su quanto fatto. Si rafforza con gli Stati generali, oggi al Miur, e con l'introduzione di questi nuovi strumenti, l'alternanza scuola-lavoro che la legge 107 ha reso obbligatoria per gli studenti del triennio delle superiori. L'obiettivo, ha ribadito la ministra Valeria Fedeli, è offrire ai ragazzi, con il contributo di tutte le parti, "le garanzie per un sistema con più qualità, trasparenza e responsabilità". Un sistema che, secondo il sottosegretario Gabriele Toccafondi, ha ancora luci e ombre, ma che mira a far crescere e formare la persona. A puntare il dito sulle ombre sono stati l'Unione degli studenti e il Fronte della gioventù comunista.

20:35Droga: in autocisterna vino 700 chili cocaina e hashish

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - Nell'autocisterna del vino erano nascosti 700 chili di cocaina e hashish. E' la scoperta fatta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino, in collaborazione con i colleghi di Cagliari - dove è iniziata l'indagine - che hanno arrestato due italiani di 30 e di 32 anni. L'autocisterna è stata fermata all'interno di un capannone di Moncalieri, alle porte di Torino. Una volta travasato il vino rosso, dentro la cisterna sono saltate fuori delle casse metalliche con all'interno lo stupefacente. Il mezzo è stato sequestrato. Le indagini proseguono nel massimo riserbo per stabilire la provenienza della droga e identificare i complici dei due arrestati. (ANSA).

Archivio Ultima ora