Garante apre inchiesta dopo il martedì nero

Pubblicato il 03 ottobre 2012 da redazione

ROMA – L’Autorità di garanzia sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali, nel definire “del tutto inaccettabile, in termini di civile convivenza, quanto successo ieri (l’altroieri, ndr)”, in occasione dello sciopero nazionale nel trasporto pubblico locale, ha avviato un’indagine conoscitiva “per verificare se siano state garantite, nelle principali aree metropolitane, le prestazioni minime indispensabili”.
Martedì nero per la mobilità urbana e città in tilt, in una settimana di disagi per i trasporti. Bus, tram e metro si sono fermati per l’intera giornata per lo sciopero nazionale proclamato unitariamente dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Faisa-Cisal, a causa del mancato rinnovo del contratto.
Forti tensioni a Milano. In mattinata alla stazione Duomo della metropolitana, pochi minuti prima che iniziasse lo sciopero, infatti, il personale dell’Atm ha chiuso i cancelli dei corridoi che collegano la linea 1 alla linea 3. Molti pendolari che dovevano prendere la linea 3 hanno forzato i cancelli per riuscire così a salire sull’ultimo treno. Non sono, ovviamente, mancate urla e insulti al personale dell’Atm. Poco prima dell’inizio dello sciopero, tra l’altro, sulla linea 1 si è verificato un guasto nei pressi della stazione Gambara che ha costretto l’Atm ad istituire corse alternative con degli autobus.
Nel pomeriggio però i disagi sono ancora aumentati. Otto persone trasportate in ospedale per malori e svenimenti, è il bilancio finale del pomeriggio ad alta tensione alla fermata Lima della metropolitana milanese. Il personale del 118 ha trasportato 5 persone in codice verde e 3 in giallo (si tratta di soggetti già affetti da patologie, soprattutto cardiache) negli ospedali Fatebenefratelli, Niguarda e Clinica Città Studi. I passeggeri di un convoglio della linea rossa del metrò di Milano hanno raccontato che il loro treno si è fermato poco prima dell’arrivo in stazione e che per 40 minuti sono rimasti senza informazioni. “A quel punto la gente ha cominciato a star male per il caldo – ha raccontato uno di loro – e qualcuno ha tirato la leva di emergenza e si sono aperte le porte. A quel punto abbiamo raggiunto la stazione attraverso i camminamenti”. Alla stazione Lima sono intervenute numerose ambulanze mentre la gente continuava a non voler lasciare la stazione nel timore di non riuscire a tornare a casa.
“Alle 17.45 – ha raccontato l’azienda Atm – poco prima della seconda fascia oraria dello sciopero nazionale che iniziava alle 18 a Milano, su un convoglio che stava entrando alla stazione di Lima è stato azionato da un passeggero un dispositivo di allarme con richiesta di soccorso. Per questo motivo, il treno si è immediatamente fermato e, anziché ripartire, è stato necessario richiedere assistenza per la persona colta da malore”. “In questa situazione – continua la nota – a pochi minuti dalle 18, per il timore di non riuscire più ad usufruire del servizio, si è sollevata una forte agitazione dei passeggeri all’interno del treno. Un numero elevato di persone si è rifiutato di scendere. Al momento della ripartenza, alcune delle porte sulle quali era stato azionato il dispositivo di apertura delle porte di emergenza dall’interno non si richiudevano”.
Se non ci saranno risposte sul rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri, scaduto nel 2007, i sindacati sono pronti a proseguire la mobilitazione con uno sciopero con manifestazione nazionale “con il blocco totale di tutti i servizi senza fasce orarie per permettere a tutti gli addetti al trasporto pubblico locale di partecipare”. Lo dice in una nota la Filt-Cgil. I sindacati sottolineano che secondo i primi dati le adesioni su tutto il territorio nazionale allo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale “sono altissime”. “E’ un contratto che non si rinnova dal 2007, inevitabile fare pressioni”, ha detto Susanna Camusso, leader della Cgil, commentando l’azione di protesta. La Commissione di garanzia ribadisce che l’esercizio del diritto di sciopero “deve avvenire secondo le modalità previste dalla legge” e che qualora le regole sulle fasce e di garanzia non fossero rispettate sarebbero comminate sanzioni. Lo si legge in una nota del presidente Roberto Alesse.
Tra aziende e sindacati i dati sull’adesione allo sciopero non coincidono con le organizzazioni dei lavoratori che parlano di un grande successo con metropolitane chiuse e autobus fermi per oltre il 70% ovunque (e punte del 99%) e le aziende che sottolineano percentuali leggermente inferiori. Le metropolitane sono rimaste chiuse quasi ovunque mentre il trasporto in superficie è stato fortemente rallentato. A Roma hanno viaggiato secondo l’Atac circa la metà dei bus (adesioni al 50%) mentre a Milano le adesioni alla protesta, secondo l’Atm, hanno superato il 56%. A Torino hanno aderito il 90% dei lavoratori, percentuale di poco superiore a quella di Venezia. Nella navigazione le adesioni hanno raggiunto il 61%.

Ultima ora

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

Archivio Ultima ora