OBAMA VS ROMNEY: Un’analisi del primo duello tv

WASHINGTON – Se da questo primo duello si attendevano scintille, si rimane un po’ delusi. All’Università di Denver, Colorado, i due candidati per 90 minuti – in prima fila le moglie Michelle e Ann – si sono dati battaglia sull’economia, sul debito, sul fisco, sulla riforma sanitaria, sul governo. Ma non ci sono stati picchi, e non ci sono frasi memorabili da ricordare. Il dato di fatto è che Romney è apparso molto più battagliero e puntuale del solito nell’attaccare il presidente in carica, dando di sé un’immagine molto lontana da quella poco carismatica e di gaffeur a cui aveva abituato soprattutto nelle ultime settimane, quando è crollato in tutti i sondaggi.
In America serve promuovere ‘’un nuovo patriottismo concentrato sulla classe media’’ ha detto Obama, aprendo il dibattito. Voglio fare ripartire l’America, ha detto Romney, riproponendo il suo piano in 5 punti: indipendenza energetica, raddoppio scambi commerciali, linea dura con Cina, bilancio in equilibrio, appoggio a pmi.
Ma è sul deficit il primo vero affondo di Romney nel corso del dibattito col presidente americano, Barack Obama: ‘’Il presidente afferma che vuole ridurre il deficit, ma intanto lo ha raddoppiato. Ha creato tanto indebitamento quasi come tutti gli altri presidenti messi insieme’’.
Pronta la replica di Obama: ‘’Ho ereditato un debito eccessivo, ma abbiamo fatto tanto e so che dobbiamo fare ancora di piu’. E per questo ho un piano di riduzione’’. Basta agevolazioni alle imprese che si arricchiscono sulle spalle dei cittadini americani, come quelle energetiche che ‘’raddoppiano i profitti quando si fa il pieno di benzina’’. E basta sgravi a quelle che delocalizzano all’estero, ha detto Obama. Obama ha quindi accusato Romney di voler frenare la riforma di Wall Street. ‘’La crisi e’ dovuta in parte a Wall Street’’, ha affermato Obama, ribadendo la necessita’ di eliminare tutti i comportamenti a rischio. Ha quindi rivendicato l’aiuto alle banche ‘’ripagato con gli interessi’’. ‘’Servono piu’ regole – ha replicato Romney – ma sono contro al fatto che cinque banche sono troppo grandi per fallire. Bisogna pensare anche alle piccole banche’’.
‘’Basta con l’approccio verticistico, col governo che dalla mattina alla sera ci dice quello che dobbiamo fare e quello che non dobbiamo. Questa non e’ la strada giusta. Dobbiamo cambiare strada’’, ha detto Romney. Se si abolira’ l’Obamacare, ‘’saremo alla merce’ delle assicurazioni’’: cosi’ Obama ha difeso la sua riforma sanitaria che il candidato repubblicano ha ribadito di voler cancellare. ‘’Voglio un approccio privato dove sono io che scelgo l’assicurazione e non c’e’ qualcuno che me la impone’’, ha detto Romney.
‘’Quello che propongo per i prossimi quattro anni e’ assicurare che gli americani siano incanalati verso il futuro. E tutti avranno le stesse opportunita’, e le regole saranno uguali per tutti’’: cosi’ Obama ha concluso il dibattito. ‘’Con Obama in carica altri 4 anni l’America sara’ piu’ debole’’: cosi’ Romney, nel suo appello finale al voto. ‘’In gioco c’e’ il corso dell’America: con Obama – ha aggiunto – avremo una disoccupazione cronica ai danni della classe media’’.
“Per essere presidente di tutti devi dire la verità”: queste le prime parole del presidente americano, Barack Obama, dopo il primo duello Tv con il candidato repubblicano alla Casa Bianca, Mitt Romney. In un intervento pubblico a Denver, in Colorado, con tono deciso Obama ha accusato Romney di avere un piano “che non crea lavoro e non fa crescere l’economia” e ha ribadito che per gli Usa è necessario “un nuovo patriottismo economico”.

Condividi: